Istat. Italiani sempre più poveri: 18 milioni a rischio

Istat. Italiani sempre più poveri: 18 milioni a rischio

In Italia aumentano le disuguaglianze e le persone povere o a rischio povertà: nel 2016, ha comunicato ieri l’Istat, erano 18.136.663, in crescita rispetto al 2015. Si tratta di un nostro concittadino su tre: il 30% circa, superiore al 28,7% registrato l’anno precedente. Scorporando, risultano in incremento sia gli italiani a rischio povertà (dal 19,9% al 20,6%), sia quelli che si trovano «in condizioni di grave deprivazione materiale»: ben il 12,1%, a fronte dell’11,5% del 2015. Un «successone» degli ultimi governi a guida Pd, insomma.

IN AUMENTO ANCHE le persone che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa: sono passate dall’11,7% al 12,8%. Specchio di fenomeni come la precarietà, il lavoro nero, il caporalato: l’impiego è saltuario, breve, spesso una chimera. Mancata del tutto la road map comunitaria, indicata da Strategia Europa 2020 – segnala l’Istat: l’Italia sfonda il target previsto di ben 5,255 milioni di individui a rischio povertà.

Se si fa riferimento alla distribuzione dei redditi individuali equivalenti – spiega Istat riferendosi all’anno 2015 – si nota che il 20% più povero della popolazione dispone soltanto del 6,3% delle risorse totali, mentre all’opposto il quinto più ricco possiede quasi il 40% del reddito totale; in altri termini, il reddito totale dei più benestanti è pari a 6,3 volte quello degli individui appartenenti al primo quinto.

L’ISTAT EVIDENZIA INOLTRE un marcato incremento dei redditi da lavoro autonomo per il quinto più elevato (+11,2%), dei più ricchi dunque. Il peso della componente del reddito da lavoro autonomo nel quinto più ricco cresce dal 21,4% del 2014 al 23,1% del 2015. La crescita del reddito medio nei due quinti centrali è invece trainata dalla dinamica dei redditi da lavoro dipendente, cresciuti in media rispettivamente del 7,7% e soltanto del 2,6% per il terzo e il quarto quinto della popolazione. Il reddito complessivo è salito dell’1,8%, ma come si vede con grandi differenze tra ricchi e più poveri.

Il reddito medio annuo per famiglia è pari a 29.988 euro, più o meno 2.500 euro al mese, ma è appunto solo una media. Metà dei nuclei familiari possono contare su un reddito netto che non supera i 24.522 euro (circa 2.016 euro al mese, con un +1,4% rispetto al 2014).

QUANTO ALL’INTENSITÀ del fenomeno sul territorio, nota l’Istat che «quasi la metà dei residenti nel Sud e nelle Isole (46,9%) sia a rischio di povertà o esclusione sociale, contro il 25,1% del Centro, 21% del Nord-ovest e il 17,1% del Nord-est». E ancora, «tra coloro che vivono in famiglie con almeno un cittadino non italiano il rischio di povertà o esclusione sociale è quasi il doppio (51%) rispetto a chi vive in famiglie di soli italiani (27,5%)».

Le opposizioni naturalmente vanno all’attacco: i Cinquestelle accusano i governi Renzi e Gentiloni, che «invece di occuparsi del problema hanno guardato altrove», e affermano che «la situazione sarebbe completamente diversa se la proposta del Movimento 5 Stelle sul reddito di cittadinanza fosse stata approvata».

GIULIO MARCON, della neonata formazione «Liberi e uguali», spiega che «i dati drammatici sono frutto delle politiche sbagliate dei governi Renzi e Gentiloni». Una «bomba sociale» che non si può evitare che esploda solo «a forza di bonus, una tantum e misure al limite del compassionevole».

«Fallimento di Renzi» anche la diagnosi del centrodestra, mentre la Cgil chiede una decisa inversione nelle politiche del lavoro e del contrasto alle povertà. La segretaria generale Susanna Camusso segnala soprattutto la difficile condizione dei giovani, schiacciati tra la disoccupazione e il precariato oggi, e la quasi certezza di basse pensioni domani.

«IL GOVERNO DICE che questa è una legge di Bilancio a fini sociali – afferma la leader Cgil – ma in realtà non lo è: perché non affronta il tema della creazione del lavoro, della certezza di occupazione per i giovani, delle regole che permettano di avere elementi di certezza sull’aumento del salario».

FONTE: Antonio Sciotto, IL MANIFESTO



Related Articles

Inps: gli immigrati ci regalano un punto di Pil in contributi

Il rapporto. Sei milioni di pensionati sotto i mille euro al mese. Tito Boeri: «Chi viene a vivere in Italia è benefico per il welfare». Il presidente elogia il Jobs Act ma è più critico sull’«Ape»

Carcere, coro di «no» alla vendita di Regina Coeli, San Vittore e Poggioreale

il ministro Orlando sta riflettendo ma ha già chiarito la sua contrarietà a qualsiasi privatizzazione del sistema dell’esecuzione penale in carcere

L’odio di Riina: uccidiamo don Ciotti

Non solo l’ordine di morte per il pm Di Matteo. Dal carcere dove è rinchiuso il boss mette nel mirino anche uomini di chiesa Scatta l’allerta, rafforzata la scorta al fondatore di Libera. “È come don Puglisi, che invece di dire messe voleva fare tutto lui”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment