Storica sentenza europea: sussidio di disoccupazione anche alle partite Iva

Storica sentenza europea: sussidio di disoccupazione anche alle partite Iva

Florea Gusa è nato in Romania ed è emigrato per lavorare in Irlanda come imbianchino. Da partita Iva ha versato tasse e contributi dal 2008 al 2012. Nel pieno della crisi le sue commesse si sono esaurite, lasciandolo disoccupato. Gusa ha richiesto un’indennità per la disoccupazione. La sua domanda è stata respinta.

Non ricevendo più incarichi da imbianchino al cittadino rumeno è stato negato anche il diritto di risiedere in Irlanda. Gusa ha presentato un ricorso alla Corte di giustizia dell’Unione europea e, cinque anni dopo, una sentenza ha ribaltato la situazione invocando l’articolo sette della direttiva sulla libera circolazione. Il 20 dicembre scorso i giudici hanno sostenuto che, in quanto lavoratore autonomo, è sullo stesso piano dei lavoratori che esercitano un’attività subordinata. Gusa avrebbe avuto il diritto a ricevere un sussidio di disoccupazione perché «mantiene lo status di lavoratore» anche se ha «cessato la sua attività per mancanza di lavoro causata da ragioni indipendenti dalla sua volontà».

È una sentenza storica che potrebbe essere adottata anche in Italia. La Naspi, un’indennità di disoccupazione, è prevista per i parasubordinati iscritti alla gestione separata e non per alle partite Iva aderenti alla stessa cassa. Per non parlare di tutte le altre. Gli autonomi sono considerati imprese e non lavoratori.

FONTE: Roberto Ciccarelli,  IL MANIFESTO



Related Articles

«No a Thyssen 2» , assolto Moratti dopo le morti nella raffineria

CAGLIARI— Non è stata imprudenza né imperizia degli operai: per i tre tecnici soffocati dalle esalazioni mentre bonificavano una cisterna alla Saras, raffineria della famiglia Moratti a Sarroch, condanne (due anni, con sospensione condizionale) al direttore generale Dario Scaffardi, a Guido Grosso, direttore dello stabilimento, e a Francesco Ledda, rappresentante legale della società  che aveva in appalto le manutenzioni.

Rapporto Censis. Paura e vita low cost nel paese del rancore impreparato al futuro

Italia 2017. 51esimo rapporto Censis: «Senza un rinnovato impegno politico e un immaginario potente resteremo in trappola e senza obiettivi»

Un francese a New York dà lezioni di economia

Thomas Piketty con il suo studio sulle disuguaglianze sta conquistando l’America Compresi Krugman e Stiglitz con cui si è confrontato

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment