Nel secondo anniversario, cento piazze per Regeni e le verità del pm Pignatone

Nel secondo anniversario, cento piazze per Regeni e le verità del pm Pignatone

Si chiama «giallo Giulio», ormai, in Italia il colore che altrove è una tonalità tra l’evidenziatore e il limone, come gli striscioni che pendono dai balconi di palazzi comunali e facoltà universitarie. Ieri era il secondo anniversario della sua sparizione e insieme ad Amnesty international Italia attorno alle 19,41 – ora in cui Giulio Regeni mandò il suo ultimo sms, sua ultima presenza viva, ultimo atto libero – in cento piazze si sono svolte fiaccolate e sit-in attorno a una candela in ricordo del suo «giallo», fatto però più di segreti di Stato e ambigue posizioni diplomatiche che di mistero.

Nel giorno del secondo anniversario della sparizione di Giulio al Cairo il procuratore Giuseppe Pignatone ha voluto, con una lunga lettera ai giornali, fare il punto, in modo pubblico, sulle indagini e sui rapporti con gli inquirenti egiziani. Rapporti di cui non nasconde, pur nella cooperazione al di là dell’assenza di trattati specifici, i problemi, dai tentativi di depistaggio iniziali su false piste come lo spionaggio di Regeni fino alla mancata condivisione dei dati grezzi dei tabulati telefonici. Due sono le «risultanze» che Pignatone mette in qualche modo agli atti, ribadendo che la magistratura inquirente, che deve risolvere il caso, resta quella cairota: il primo riguarda il movente del barbaro omicidio.

Giulio Regeni, chiarisce il magistrato italiano oltre ogni ragionevole o non ragionevole dubbio, è stato ucciso per le sue ricerche, che riguardavano – è bene ricordarlo – le lotte sindacali nell’Egitto di Al Sisi. «Il movente dell’omicidio va ricondotto esclusivamente alle attività di ricerca di Giulio – mette nero su bianco – ed è importante la ricostruzione dei motivi che lo hanno spinto ad andare al Cairo e l’individuazione delle persone con cui ha avuto contatti sia nel mondo accademico sia negli ambienti sindacali egiziani». Sottolinea come sia «emerso con chiarezza» che alcune delle persone che conobbe nel corso delle sue ricerche lo abbiano «tradito». Così pure appare acclarato che «apparati pubblici egiziani» avevano preso a sorvegliarlo nei mesi precedenti alla sparizione «con modalità sempre più stringenti».

Quanto agli accertamenti disposti dalla procura italiana a Cambridge, Pignatone dice solo che c’erano contraddizioni tra le dichiarazioni «acquisite in ambito universitario e quanto emerso dalla corrispondenza recuperata nel suo computer». I primi risultati del materiale sequestrato durante la perquisizione della tutor Maha Abdelrahman, «ad un primo esame sembrano utili», scrive Pignatone, ma lo studio non è ancora concluso.

Il caso non è chiuso e l’Italia intesa come Paese – lo dimostrano le cento piazze che hanno aderito alla campagna di Amnesty «per la verità su Giulio Regeni» e il palinsensto Rai scombussolato da banner e servizi speciali sulla giornata e sulla storia di Giulio – non intende lasciare che il tempo e la stanchezza del non avere risposte copra tutto con un manto di oblio e indifferenza. Quest’anno anche molte scuole e università hanno partecipato a questa palestra di memoria individuale e collettiva, con lettere, dibattiti (a Firenze e a Sassari) e borse di dottorato intitolate a Regeni (a Bologna e alla Federico II di Napoli). Mentre a Genova alla fiaccolata ha partecipato l’Associazione dottorandi e dottori di ricerca italiani.

Dalla politica molti i messaggi su di lui via twitter, tra cui quello telegrafico del premier Paolo Gentiloni che sottolinea: «L’impegno per la ricerca della verità continua». E quello della presidente della Camera e candidata di LeU Laura Boldrini, che condivide l’appello dei genitori sul fatto che già «due anni sono troppi» senza verità e giustizia.

FONTE: Rachele Gonnelli, IL MANIFESTO



Related Articles

Ue-Ungheria Il braccio di ferro è cominciato

Viktor Orbà¡n a Bruxelles, aprile 2011  Viktor Orbà¡n a Bruxelles, aprile 2011 AFP

Dopo settimane di polemiche, la Commissione europea ha avviato una tripla procedura d’infrazione contro il governo ungherese. Chi cederà  per primo, Budapest o Bruxelles?

Attacco alla scuola dei rifugiati in Svezia

è stato l’odio per gli stranieri ad armare la mano del simpatizzante neonazista che giovedì è entrato nell’istituto scolastico Kronan uccidendo uno studente e un insegnante

Il funerale estinto dello Stato

MORTI DI LAMPEDUSA
Un corpo, quello di Erich Priebke, e la sua bara, continuano ad attraversare le pagine dei giornali ed a mostrarsi attraverso le immagini televisive. Polemiche roventi si accendono sul tema dei suoi funerali: chi li ha celebrati, perché, dove, autorizzato da chi? In che luogo sarà stata sepolta la sua salma? Ministri degli Esteri europei e loro portavoce, apparati di polizia ed ecclesiali, sindaci, familiari, attivisti politici, tutti mesmerizzati da questa bara vagante.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment