Hot spot di Lampedusa. Un suicidio da immigrazione

Hot spot di Lampedusa. Un suicidio da immigrazione

Ammara Walid, cittadino tunisino, che avrebbe compiuto trentuno anni il prossimo 13 marzo, si è tolto la vita ieri mattina a Lampedusa, impiccandosi con una cintura di sicurezza. Si trovava dal 30 ottobre tra i 150 migranti trattenuti nell’hotspot dell’isola, in attesa di essere trasferito in un centro dell’agrigentino. Il suo suicidio ci ricorda, in maniera drammaticamente esemplare, i contorni della tragedia dell’immigrazione e le patologie che essa produce: lo smarrimento dell’identità, il panico sul proprio futuro, quella vera e propria sofferenza mentale che è la sindrome del migrante. Tanto è vero che gli psicologi dell’hotspot e, più di recente, una visita psichiatrica avevano accertato l’incompatibilità dello stato di salute di Walid con il trattenimento in un centro di detenzione e la necessità di un rapido trasferimento. Cosa non ancora avvenuta, nonostante siano trascorsi dei mesi.

Ammara Walid si è trovato così in una condizione di totale incertezza sul proprio destino e non adeguatamente assistito, a causa del fatto che gli psicofarmaci prescritti non erano reperibili sull’isola.

Su tutto questo, e su eventuali responsabilità dell’amministrazione pubblica, ho presentato un’interrogazione urgente al ministro dell’Interno.

FONTE: Luigi Manconi, IL MANIFESTO



Related Articles

Migranti. Il senato approva i tribunali speciali

Fiducia ai minimi per il decreto Minniti-Orlando che introduce un diritto di serie B per i richiedenti asilo: solo 145 sì, molto al di sotto della maggioranza assoluta

«Sultan Erdogan», la bomba sui Balcani

«Sultan Erdogan», «Sultan Erdogan» hanno urlato 15mila “turchi d’Europa” che gremivano domenica scorsa il palazzetto di Zetra a Sarajevo, con sventolio di bandiere turche e bosniache

Il Consiglio d’Europa contro la castrazione chirurgica in Germania

Il Consiglio d'Europa contro la castrazione chirurgica in Germania

La più importante organizzazione europea per i diritti umani ha chiesto alla Germania di abolire questa tecnica “degradante”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment