Luigi Bobba: «Terzo settore, ora la riforma va completata»

Luigi Bobba: «Terzo settore, ora la riforma va completata»

L’ultimo atto, giovedì scorso, è stato l’insediamento del Consiglio nazionale del Terzo settore, un organismo di controllo previsto dalla Riforma seguita passo passo dal sottosegretario alle Politiche del lavoro, Luigi Bobba. È stato lui, già presidente nazionale delle Acli, a tenere contatti continui con il mondo coinvolto in questo passaggio così importante, raccogliendo istanze e ascoltando suggerimenti. Lo stesso mondo che si aspettava di vederlo riconfermato in Parlamento, a proseguire il lavoro. Bobba invece non ha avuto l’annunciato posto «sicuro» al proporzionale e deve giocare una difficile partita nel collegio uninominale Vercelli-Casale-Valenza. Nessuna polemica ma un appello: «Spero di vincere per dare continuità a una riforma che chiede ancora lavoro di accompagnamento e implementazione. E spero che continuerà a essere una priorità del prossimo governo». Il timore che qualcuno butti a mare il lavoro fatto? «Bisognerebbe modificare l’impianto legislativo e mi auguro nessuno abbia questa intenzione. Per altro abbiamo avuto un consenso largo che va al di là della parte politica cui appartengo e se ne tenga conto».

Il codice del Terzo settore, l’impresa sociale, il servizio civile e le norme sul 5 per mille sono i capitoli principali della legge. «Una decina di provvedimenti attuativi — sintetizza Bobba — sono stati varati e sono in via di registrazione: abbiamo tempo per gli altri fino al 3 agosto». Altri risultati? «Abbiamo trovato i fondi che chiedevamo: ad esempio per il servizio civile potremo ampliare il numero di giovani beneficianti, 58 mila. Intanto stiamo raccogliendo dalla base sollecitazioni, quesiti e richieste di modifica per predisporre un testo che migliori le criticità emerse». Chi lo approverà? «Potrebbe farlo questo governo perché non serve funzionino le Camere. Ma l’importante è che il Terzo settore collabori perché le riforme camminano anche sulle gambe di chi le attua».

Fra l’altro, prosegue, «c’è in preparazione un decreto della presidenza per il 5 per mille: grazie al quale si accelerano i tempi per il riconoscimento dei soldi dei contribuenti». Varato anche l’organismo di gestione della fondazione Italia sociale, che sarà guidata da Enzo Manes (fondatore di Dynamo Camp) insieme a due consiglieri: l’ex sottosegretario Cristina De Luca e l’ex rettore della Bocconi Andrea Sironi.

FONTE: Elisabetta Soglio, CORRIERE DELLA SERA



Related Articles

La polizia a Torino usa la mano dura contro i ciclisti della critical mass

 La polizia usa metodi pesanti, denunciati quattro ciclisti. La giunta 5Stelle sta con le due ruote

Il muro delle grandi Regioni sull’accoglienza dei profughi

Maglia nera a Lombardia, Veneto e Toscana. La Valle d’Aosta: solo un posto

Più parole che fatti: così il garantismo si è indebolito a sinistra

Dagli immigrati al caso Del Turco all’emergenza carceri: troppo spesso negli ultimi anni i principi dello Stato di diritto sono stati ignorati proprio da chi sosteneva di volerli difendere. Una “distrazione” pericolosa

Il paradosso. I principi garantisti sono molto evocati ma poco applicati
La politica della paura. Molti diritti sono stati “dimenticati” con la scusa dell’emergenza
Cultura garantista. La decarcerizzazione deve diventare una battaglia del Pd

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment