L’Alta corte USA respinge la richiesta di Trump sui «Dreamers»

L’Alta corte USA respinge la richiesta di Trump sui «Dreamers»

Brutto colpo per l’amministrazione Trump: la Corte Suprema ha respinto la richiesta di chiudere il programma voluto da Obama per proteggere i Dreamers, i giovani arrivati negli Stati uniti da bambini a seguito di genitori illegali. Il programma consente loro di vivere legalmente negli Usa, se vi sono arrivati quando avevano meno di 16 anni e se è accaduto entro il 2007; Trump aveva intenzione di chiudere il programma entro il 5 marzo, ma quella scadenza è ormai priva di significato. Ora migliaia di Dreamers potranno continuare a rinnovare il loro status ogni due anni, come era previsto, fino che il caso non raggiungerà nuovamente l’alta corte. Per questo potrebbe volerci un anno se non di più.

Il verdetto della corte era prevedibile in quanto i giudici accettano raramente gli appelli che chiedono loro di aggirare i tribunali di grado inferiore; se il Congresso nel frattempo, dovesse accordarsi e agire in modo bipartisan, come ha tentato durante gli ultimi mesi,per estendere il programma, o per fornire un percorso alternativo di cittadinanza ai suoi destinatari, il caso legale verrebbe probabilmente chiuso.

Il primo ad esultare è stato il procuratore generale di New York, Eric Schneiderman che ha definito la richiesta di Trump, «illegale e discriminatoria», ma la notizia è stata accolta con gioia da tutto il partito democratico e anche, seppur più moderatamente, da alcuni repubblicani.

A sostegno dei Dreamers non si erano schierati solo i rappresentanti della difesa dei diritti civili, ma anche il mondo dell’imprenditoria e tutta la Silicon Valley.

FONTE: Marina Catucci, IL MANIFESTO



Related Articles

Costa d’Avorio, due presidenti e due premier


Si complica la situazione nel paese africano: per il momento nessun beneficio dalla mediazione di Mbeki


Il quadro post elettorale
nel paese africano si complica sempre di più e a poco è servita la visita dell’ex capo di stato sudafricano Thabo Mbeki, arrivato ieri in Costa d’Avorio per cercare di mediare tra i due pretendenti alla presidenza: ad Abidjan, oggi, ci sono due presidenti e due primi ministri.

LA SFIDA CHE UNISCE ITALIA E FRANCIA

  L’INCONTRO di oggi tra Mario Monti e Franà§ois Hollande, che anche stavolta avrà  per tema i problemi dell’Eurozona, offre l’opportunità  di fare il punto sulle sfide che questi due uomini si trovano ad affrontare. Al di là  delle differenze, certo notevoli, tra Italia e Francia, sono entrambi alle prese con problemi economici e sociali gravissimi.
L’ospite italiano, Mario Monti, si trova in una situazione paradossale. Presidente del Consiglio da quasi dieci mesi, sa che i suoi giorni a Palazzo Chigi sono contati.

Parte la guerra cibernetica Le banche Usa nel mirino Accuse agli hacker di Mosca

Oltre a JP Morgan, altri istituti finanziari hanno denunciato intrusioni telematiche, si parla dai due ai cinque, tutti vittime di operazioni illegali. Storia sulla quale si allunga — per alcuni — l’ombra di una rappresaglia russa alle sanzioni per la crisi ucraina

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment