Nurca Baysal: «La repressione turca non mi impedirà di scrivere»

Nurca Baysal: «La repressione turca non mi impedirà di scrivere»

Cari amici, sfortunatamente tre giorni fa sono stata condannata a 10 mesi di carcere per il mio articolo sui crimini di guerra a Cizre, Behind the closed doors of Cizre. La corte ha deciso la sospensione del verdetto, il che vuol dire che non dovrò scontare la pena se per 5 anni non ripeterò una simile offesa (quella che noi chiamiamo 5 anni di condizionale).

Vogliono impedirmi di scrivere sui diritti umani e i crimini di guerra nella regione. Come militante per i diritti umani e come scrittrice, sono stata minacciata molte volte dallo Stato e dai paramilitari. Ma ho continuato a scrivere e continuerò a scrivere e lottare per la pace, i diritti umani, giustizia e democrazia. Ho responsabilità verso l’umanità, la vita, i giovani turchi e curdi che stanno morendo, verso le loro madri. Io sto bene.

Grazie per tutto il vostro sostegno. La solidarietà è molto importante in questo momento. Non c’è nessuna ragione per tacere. Possiamo solo vincere contro questi poteri se lavoriamo insieme per la libertà, pace, giustizia e democrazia.

FONTE: Nurcan Baysal*, IL MANIFESTO

*Giornalista turca, un suo articolo è uscito su il manifesto il 4 febbraio

 



Related Articles

Omofobia. Il nuovo muro che divide l’Europa

Polonia, Ungheria, Repubblica Ceca: una generazione dopo la fine dell’Impero del male, discriminazioni e ostilità  contro le comunità  gay aumentano alimentate da minoranze populiste che attizzano l’odio per ottenere consensi. Nel silenzio delle istituzioni europee e spesso anche della Chiesa.
Il muro dell’omofobia non è ancora caduto, i populisti attizzano l’odio, la Chiesa si rende complice. E gli ultrà  violenti si scatenano

Quell’isteria collettiva che mina le basi del diritto

In Gran Bretagna – in tempi normali, prima delle sommosse della settimana scorsa – reati quali sottrarre qualche articolo da un negozio, mandare in frantumi una vetrina, rubare un’automobile, sarebbero stati puniti con condanne a qualche mese di prigione al massimo, o in alternativa – qualora il colpevole avesse avuto la fedina penale pulita – a un periodo di lavoro a beneficio della collettività  o presso il municipio locale.

Fuoristrada, motovedette e prestiti: ecco il piano

L’offerta prevede la fornitura di mezzi per il controllo delle coste e crediti per le imprese tunisine

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment