Nurca Baysal: «La repressione turca non mi impedirà di scrivere»

Nurca Baysal: «La repressione turca non mi impedirà di scrivere»

Cari amici, sfortunatamente tre giorni fa sono stata condannata a 10 mesi di carcere per il mio articolo sui crimini di guerra a Cizre, Behind the closed doors of Cizre. La corte ha deciso la sospensione del verdetto, il che vuol dire che non dovrò scontare la pena se per 5 anni non ripeterò una simile offesa (quella che noi chiamiamo 5 anni di condizionale).

Vogliono impedirmi di scrivere sui diritti umani e i crimini di guerra nella regione. Come militante per i diritti umani e come scrittrice, sono stata minacciata molte volte dallo Stato e dai paramilitari. Ma ho continuato a scrivere e continuerò a scrivere e lottare per la pace, i diritti umani, giustizia e democrazia. Ho responsabilità verso l’umanità, la vita, i giovani turchi e curdi che stanno morendo, verso le loro madri. Io sto bene.

Grazie per tutto il vostro sostegno. La solidarietà è molto importante in questo momento. Non c’è nessuna ragione per tacere. Possiamo solo vincere contro questi poteri se lavoriamo insieme per la libertà, pace, giustizia e democrazia.

FONTE: Nurcan Baysal*, IL MANIFESTO

*Giornalista turca, un suo articolo è uscito su il manifesto il 4 febbraio

 



Related Articles

PER I SALAFITI È UN PAESE TROPPO LAICO

La decisione del partito islamista Ennahda, che dopo le elezioni legislative guida il governo della Tunisia, di non considerare la sharia come la principale fonte della legge indica come tra i partiti di filiera Fratelli Musulmani che hanno capitalizzato il successo della primavera araba, la formazione guidata da Rachid Ghannouchi sia quella più realista e meno radicalizzata.

In Turchia oscurato anche YouTube «Minacciata la sicurezza nazionale»

Dopo la diffusione di un video su un possibile intervento militare in Siria, Erdogan ha definito la diffusione della registrazione «un attacco alla sicurezza nazionale» della Turchia

Lo Stato non c’è, le tasse sì e ogni anno sono più alte

Fayyad ha aumentato l’Irpef al 30%, Haniyeh ha messo «dazi doganali» sulle merci che passano per il tunnel con l’Egitto

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment