La guerra commerciale di Trump, dopo le lavatrici tocca all’acciaio

La guerra commerciale di Trump, dopo le lavatrici tocca all’acciaio

Ma il presidente Usa «sta solo realizzando una promessa elettorale»

Dopo i pannelli solari e le lavatrici, ora  Trump vuole chiudere le importazioni di acciaio e alluminio, finora  acquistati per lo più da Canada, Europa e  Cina. Dalla prossima settimana, invece, il governo Usa imporrà dazi del 25% sull’acciaio e del 10% sull’alluminio, anche se nessun altro dettaglio è stato reso pubblico.

Insomma, si configura una guerra commerciale, e questa ipotesi Trump l’ha rivendicata in un tweet in cui dice che «quando un Paese  perde molti miliardi di dollari con quasi tutti i paesi con cui fa affari, le guerre commerciali sono positive e facili da vincere. Ad esempio, quando siamo in perdita di 100 miliardi di dollari con un determinato paese che inizia a fare il furbo, non facciamo più affari. Cosi vinciamo alla grande, è semplice!».

Non tutti sono d’accordo con il presidente, a Washington; lo speaker della Camera, il repubblicano Paul Ryan, ha detto di sperare che Trump «valuti le conseguenze non volute della sua scelta», e Gary Cohn, principale consigliere economico di Trump, che aveva già espresso pareri sfavorevoli riguardo i dazi commerciali e il protezionismo economico, ha definito questa mossa «una tassa sugli americani», spiegando che porterà a un aumento dei prezzi dei prodotti in acciaio e in alluminio, auto incluse, i cui produttori americani sono tra chi non vede di buon occhio questa scelta di Trump.

Anche il dipartimento della Difesa ha espresso  parere negativo in quanto i dazi potrebbero danneggiare i rapporti economici e di sicurezza con i partner commerciali.

«Il presidente sta solo realizzando una promessa elettorale – spiega la portavoce della Casa Bianca Sarah Sanders – Non è una sorpresa, ne ha parlato a lungo, sin dalla campagna, per proteggere i lavoratori e l’industria Usa».

FONTE: Marina Catucci, IL MANIFESTO



Related Articles

“Da noi l’auto è in agonia ma manterrò Fiat in Italia con i guadagni fatti all’estero”

L’ad del Lingotto replica alle critiche: in giro vedo troppi maestri d’automobile improvvisati. Guadagniamo all’estero per poter produrre qui. “La Fiat resterà  in Italia”. Parla Marchionne: risponderò al governo, ma ognuno faccia la sua parte

Torino ricorda l’Avvocato, “Fiat resti qui”

Gli Agnelli riuniti a 10 anni dalla morte di Gianni. John Elkann: stiamo investendo  

Pronta la lettera di Marchionne per l’addio a Confindustria

Ma prima dell’invio Fiat deve risolvere il nodo Cisl. Il 18 giugno via al processo sulla violazione di legge del contratto di Pomigliano

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment