Proteste dei «monteros» a Madrid dopo la morte del senegalese in fuga dalla polizia

Il caso Mame Mbaye. Durante le manifestazioni scattate subito dopo la morte del venditore ambulante, un secondo migrante sarebbe stato colpito con violenza sulla testa da un manganello

Luca Tancredi Barone • 18/3/2018 • Diritti umani & Discriminazioni, Immigrati & Rifugiati • 440 Viste

La questione dei manteros, i venditori ambulanti di origine africana, è esplosa di nuovo dopo il caso di Mame Mbaye, il 35enne senegalese morto giovedì di infarto dopo essere stato perseguitato per l’ennesima volta dalla polizia municipale di Madrid. La dinamica dei fatti non è stata chiarita del tutto, e lo stesso comune sta investigando, ma le proteste che sono nate nel quartiere iper-gentrificato di Lavapiés da parte della comunità senegalese dopo l’accaduto sono spia di un problema molto grave. La combinazione di una legge sugli stranieri inasprita dal governo Rajoy, che rende ancora più difficile ottenere i documenti di residenza (anche per gli stranieri comunitari), e la riforma del codice penale, sempre per mano del partito popolare, che punisce molto gravemente la vendita di prodotti falsificati, rende la vita dei monteros impossibile. La persecuzione da parte della polizia municipale, secondo i racconti di molti colleghi di Mbaye, è quotidiana, e le fughe di corsa sono inevitabili per non finire nel centro di internamento stranieri. Per questo in molti sono scesi in piazza nel Paese denunciando il «razzismo istituzionale».

Psoe, Podemos e Izquierda Unida hanno chiesto spiegazioni al governo, mentre il segretario di Iu Alberto Garzón proprio venerdì ha presentato un proposta di riforma del codice penale per «recuperare la libertà di espressione» che, oltre all’abolizioni di una serie di reati anacronistici (come l’insulto alla Corona), propone l’inabilitazione per gli agenti che identifichino senza motivo i partecipanti alle manifestazioni politiche o sindacali. Dell’episodio più grave sono stati protagonisti degli agenti della Policia nacional durante le proteste scattate subito dopo la morte di Mbaye. Secondo quanto ricostruito dal eldiario.es, un secondo migrante senegalese, Arona Diakhaté, sarebbe stato colpito con violenza sulla testa da un manganello, apparentemente senza che stesse facendo nulla di male. Il colpo l’avrebbe fatto svenire. I poliziotti, invece di chiamare soccorsi come sono obbligati a fare, si sarebbero dati alla fuga. Un secondo gruppo di poliziotti avrebbe portato Diakhatè via a braccia (anche questo, contro i protocolli previsti) fino a un vicino portone per decidere il da farsi. Dopodiché lo avrebbero trasportato in caserma in macchina e solo allora avrebbero chiamato l’ambulanza, senza dichiarare nei verbali nulla di quanto accaduto. Ora il senegalese è in ospedale con 20 punti e un traumatismo cranioencefalico.

FONTE: Luca Tancredi Barone, IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This