A Bardonecchia doganieri francesi irrompono nella sede dei medici che aiutano i migranti

A Bardonecchia doganieri francesi irrompono nella sede dei medici che aiutano i migranti

Non era mai accaduto ed è verosimile che diventi un caso diplomatico l’irruzione di cinque uomini della dogana francese, questa sera (30 marzo) intorno alle 19, nella base di «Freedom Mountain» a Bardonecchia, dove medici e infermieri dell’associazione Rainbow for Africa con mediatori culturali del Comune, pagati con fondi del ministero dell’Interno, assistono i migranti che mettono a rischio la loro vita nel tentativo di passare oltreconfine.

La pattuglia, diversamente da altre volte, quando aveva riaccompagnato i migranti in Italia, scaricandoli davanti alla base che si trova alla stazione di Bardonecchia, è entrata – hanno raccontato i testimoni – con atteggiamento imperioso nel locale accompagnando un giovane migrante. Gli agenti hanno intimato ai presenti di allontanarsi, mostrando le armi che avevano addosso. Il gruppo aveva con sé un giovane migrante, probabilmente ritenuto un corriere della droga: il ragazzo è stato portato nel bagno dove gli agenti gli hanno fatto l’esame delle urine.

Mentre i doganieri francesi erano occupati con il giovane, gli operatori hanno chiamato la polizia e il sindaco di Bardonecchia, subito accorsi. I nostri agenti hanno fatto uscire i doganieri francesi. «Non avevano il diritto di entrare – ha detto il sindaco Francesco Avato -, nessun poliziotto italiano si sarebbe permesso di fare la stessa cosa in Francia». La vicenda è al vaglio delle nostre autorità.

Fonte: MARIA TERESA MARTINENGO, La Stampa

 

LEGGI ANCHEBlitz di Fratelli d’Italia nella chiesa di Claviere occupata dai migranti

LEGGI ANCHE L’incontro tra il prefetto e i sindaci della Valsusa sul problema dei migranti

LEGGI ANCHEVigilantes alla stazione di Bardonecchia contro i bivacchi dei profughi in fuga

LEGGI ANCHETrasmessa in procura l’informativa per la morte di Beauty

LEGGI ANCHE: Soccorse la migrante incinta, adesso rischia 5 anni di carcere

 

 



Related Articles

I clan di scafisti hanno tracciato la nuova rotta africana dalla Tunisia

È la rotta più battuta da quando l’accordo siglato dal governo italiano con le autorità libiche ha limitato le partenze

Le menzogne di al-Sisi su Regeni mostrano un regime condannato

Il nuovo conflitto sociale in Egitto è la prova che crediti sauditi e opere faraoniche non bastano. Il Paese è come mai lacerato e i militari sono accusati di essere solo dei profittatori

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment