Trump e gli USA a un passo dall’attacco in Siria. Assad: sì a inchiesta

Medio Oriente. Trump annuncia intervento in solitaria, con o senza voto dell’Onu: il cacciatorpediniere Cook verso la costa di Tartus, sede della principale base militare russa nel paese

Chiara Cruciati • 11/4/2018 • Guerre, Armi & Terrorismi • 341 Viste

Damasco invita a Ghouta l’Opac. Che risponde: «Andremo presto». Macron e May si schierano con Washington: si ripete il modello iracheno e libico

Aerei da guerra russi sorvolano un cacciatorpediniere statunitense lungo la costa siriana, il presidente statunitense cancella il viaggio a Lima per il vertice delle Americhe per darsi il tempo di decidere che fare di Damasco, i vertici iraniani minacciano di rappresaglia Israele dopo il raid sulla base siriana T4 a Homs. Gli ingredienti per lo scoppio – o meglio, la devastante escalation – del conflitto globale siriano ci sono tutti.

Le prossime ore ne definiranno i contorni: la Casa bianca interverrà contro il presidente siriano Assad, da capire c’è solo la misura. Un attacco «simbolico», come quello di un anno fa alla base di Shayrat (dove comunque morirono 16 persone, 9 civili) o qualcosa di più, in grado di scatenare uno scontro vis-à-vis con la Russia.

Un intervento diretto, perché «indiretto» è in piedi fin dal 2011 tramite i programmi di Cia e Pentagono di finanziamento e armamento delle opposizioni e la creazione ex novo di milizie anti-Assad.

Il cacciatorpediniere Usa Donald Cook ieri si è avvicinato alle coste siriane, all’altezza di Tartus, sede della principale base russa nel paese. A bordo, dicono fonti del Pentagono, 60 missili Tomahawk (un anno fa ne furono lanciati 59). A bassa quota, sopra la Cook, sarebbero volati caccia russi, azione di disturbo che il Pentagono ha smentito.

Guerra di nervi che potrebbe tradursi in qualcosa di più, come annunciato da Washington e Parigi: in Consiglio di Sicurezza l’ambasciatrice Usa Nikki Haley, falco dell’amministrazione Trump, ha ribadito l’intervento in solitaria, qualsiasi sia il voto dell’Onu chiamato a esprimersi ieri sera su tre risoluzioni (due russe, una Usa: attesi voti incrociati) sul lancio di un’inchiesta sull’uso o meno di gas da parte del governo siriano a Ghouta.

Damasco, da parte sua, ha messo in allerta per 72 ore le sue forze armate e le basi militari nelle province di Sweida, Aleppo, Latakia e Deir Ezzor e si è detta pronta a collaborare con l’Opac (Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche) per un’indagine che verifichi l’effettivo utilizzo di gas sulla principale città della Ghouta orientale, Douma (secondo il fronte anti-Assad volto a costringere all’accordo di evacuazione il gruppo salafita Jaysh al-Islam, intesa poi siglata domenica scorsa). L’Opac risponde: presto una squadra andrà in Siria per compiere le indagini.

Un copione simile a quello del 2013 quando l’allora presidente Obama fu sul punto di attaccare la Siria, fermato dalla diplomazia russa e il via libera di Damasco a smantellare l’arsenale chimico. Oggi la situazione si ripete, quasi identica.

A cambiare è l’equilibrio di poteri che nel frattempo si è definito in Medio Oriente: con Mosca che detta l’agenda regionale e Assad che recupera terreno, l’asse Usa-Israele-Arabia saudita ha un obiettivo più grosso, la riduzione dell’Iran a potenza di secondo piano, passando per l’alleata di Teheran, la Siria.

Le parole di Haley al Palazzo di Vetro, lunedì, hanno fatto naturale seguito a quelle di Trump. Damasco è nel mirino per colpire i suoi sponsor. «Non possiamo trascurare il ruolo della Russia nel proteggere il regime siriano – ha detto Nikki Haley – La storia registrerà questo momento come quello in cui il Consiglio di Sicurezza ha fatto il suo dovere o quello in cui ha dimostrato il suo assoluto e completo fallimento. Qualunque sia il caso, gli Stati uniti risponderanno».

A smuovere le «coscienze» di Trump e Haley è il presunto attacco chimico su Douma (come se le armi convenzionali non uccidessero comunque e in assenza di un’effettiva indagine, come accaduto per l’Iraq nel 2003).

La Russia insiste: le ispezioni condotte non hanno trovato «tracce di agenti tossici o vittime con sintomi di avvelenamento», i rapporti degli Elmetti bianchi (più che controversa protezione civile, operativa solo nelle zone di opposizione e finanziata dal fronte anti-Assad) sono «un tentativo di far deragliare il cessate il fuoco».

Ma è chiaro a tutti che il problema non è il gas. Che Assad lo abbia usato o meno, la comunità internazionale avrebbe potuto muoversi prima a fronte degli oltre 1.600 morti di Ghouta in quasi due mesi, uccisi dal governo e dalle opposizioni. Il fine è un altro: limitare l’influenza russa e iraniana in Siria balcanizzandola, facendo cadere il governo per aprire a faide interne peggiori delle attuali.

In prima fila, dietro Trump, ci sono la Francia di Macron e la Gran Bretagna di May (con alle spalle l’esperienza libica di Sarkozy e quella irachena di Blair, identico modello di frammentazione di due Stati-nazione). Ieri l’esercito di Sua Maestà ha discusso l’apporto all’attacco: sottomarini, jet Tornado Gr4 o aerei di ricognizione non armati. Macron ha paventato raid francesi contro le «capacità chimiche» di Damasco.

 

****

Bin Salman all’Eliseo: «Partecipiamo ai raid in Siria»

Medio Oriente. Doppio vertice ieri: l’emiro del Qatar al-Thani vede Trump e compra altri 300 milioni in armi, il principe saudita bin Salman incontra Macron e sigla accordi da 18 miliardi. Sullo sfondo l’intervento contro la Siria

Ieri due incontri hanno segnato la giornata di tensione intorno alla Siria e al processo di ridefinizione di zone di influenza in Medio Oriente. Alla Casa bianca Trump incontrava l’emiro del Qatar al-Thani, a meno di un mese dal vertice con il suo arci-nemico, il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman; nelle stesse ore il delfino dei Saud era accolto con tutti gli onori all’Eliseo dal presidente francese Macron.

Due dei pivot regionali vedevano i due promotori dell’attacco contro la Siria. E stringevano accordi: al-Thani ha portato a casa la vendita di 5mila missili per 300 milioni di dollari e (dopo aver speso milioni negli ultimi mesi per oliare lobbisti che perorassero la causa dell’emirato isolato dal resto del Golfo) l’investitura da parte Usa di partner strategico in Medio Oriente: guarda caso il Qatar ospita la più ampia base militare Usa, 10mila soldati, a poca distanza dalla Siria.

Bin Salman siglava con la Francia 20 accordi di cooperazione per un totale di 18 miliardi di dollari nel settore petrolchimico e aerospaziale. Ma soprattutto aderiva alla prossima impresa militare: durante la conferenza stampa con Macron, Bin Salman ha detto che Riyadh potrebbe prendere parte a raid contro Damasco: «Se la nostra alleanza con i nostri partner lo esige risponderemo presente».

FONTE: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This