Gli avvocati scioperano contro l’abbandono della riforma delle carceri

Gli avvocati scioperano contro l’abbandono della riforma delle carceri

L’indignazione, che nella vita privata è un nobile sentimento, in politica conta pressoché zero se non si accompagna a una reazione concreta. Non si tratta, dunque, di mostrarsi indignati di fronte a questo disastro della politica ma di dire qualche semplice verità circa il perché del fallimento della riforma penitenziaria. Una riforma voluta dal ministro Orlando che aveva avuto, esattamente due anni fa, il 18 aprile del 2016, la sua celebrazione, simbolicamente collocata nell’Auditorium della Casa circondariale di Rebibbia a Roma.

Lì si concludevano, alla presenza del Presidente della Repubblica Napolitano, gli «Stati Generali dell’Esecuzione penale», che avrebbero dovuto realizzare la più importante riforma del governo, attraverso la nomina di un Comitato di esperti e l’organizzazione di Tavoli tematici. Uno sforzo di ampio respiro che rispondeva, a distanza di quarant’anni dalla prima riforma dell’ordinamento penitenziario del 1975, a un’esigenza assai avvertita. Ma che era divenuta una assoluta urgenza a seguito della condanna inflitta dall’Europa con la sentenza Torreggiani, per la violazione dell’articolo 3 della Convenzione dei diritti dell’uomo, norma che vieta pene «inumane o degradanti». Le condizioni nelle quali si trovavano le carceri italiane costituivano un peso insopportabile per l’intera collettività, imponendo di dedicare al riscatto dell’intero universo penitenziario uno sforzo corale.

Già in quel contesto, alla presenza di ministri e sottosegretari, della stampa e delle televisioni, si era fatto riferimento ai dati raccolti sul fenomeno della recidiva che imponevano quella riforma: inutile insistere sulla centralità del carcere come rimedio alla delinquenza, risultando oramai evidente che solo l’applicazione di pene alternative e lo svolgimento di un lavoro riducono a limiti minimi (2%) il tasso di recidiva che raggiunge, nel caso in cui invece la pena venga scontata interamente in carcere, tassi superiori al 40%.

A distanza di due anni quel progetto, sia pure parzialmente tradotto in decreti attuativi, non è ancora legge. Il ministro ha difatti inspiegabilmente disatteso, dapprima gli inviti a «stralciare» la riforma penitenziaria (che vedeva il consenso degli operatori, dell’avvocatura, dell’accademia e della magistratura), dalla controversa riforma del processo penale e, successivamente, le richieste di una rapida approvazione di quel testo in Consiglio dei ministri, prima che la legislatura si esaurisse e che la politica nazionale finisse stritolata nel tritacarne elettorale e nel conseguente timore di perdere consensi.

I detenuti in Italia, fra definitivi e in attesa di giudizio (che costituiscono oltre il 30% cento del loro numero complessivo), sono nuovamente saliti a limiti insopportabili (58.300), tali da determinare situazioni di sostanziale illegalità e di impraticabilità di ogni seria forma di trattamento, così come drammatico e insostenibile è il numero dei suicidi che si susseguono oramai ad un ritmo costante di uno alla settimana. Ciò non è sembrato sufficiente ai presidenti dei gruppi parlamentari per ritenere l’urgenza dell’approvazione.

Ed ora si assiste a un triste epilogo, una dissolvenza incrociata nella quale nessun politico (al di fuori dell’oramai tardivo intervento del ministro) difende le ragioni della riforma, e nessuno più ha voglia di diffondere quei dati che dovrebbero essere invece il viatico di ogni politica seria che, facendosi strada fra populismi e demagogia, avesse davvero a cuore la sicurezza dei cittadini e la dignità della persona. Ecco perché i penalisti italiani si asterranno dalle udienze il 2 e il 3 maggio prossimi.

FONTE: Beniamino Migliucci *, IL MANIFESTO

* Presidente Unione Camere penali italiane



Related Articles

Deficit, sanità e addizionali la rivolta delle Regioni Chiamparino si dimette

Il governo non neutralizza la sentenza sui disavanzi Orlandi: “Le agenzie fiscali rischiano di morire”

In 3.300 dalle celle ai domiciliari

Pronto il piano «svuotacarceri». Risparmi per 380 mila euro al giorno

La doccia fredda dei detenuti romani, a Regina Coeli impianto rotto da 40 giorni

Regina Coeli: un agente penitenziario (foto Proto)

 

 

Regina Coeli: un agente penitenziario (foto Proto)

Nel penitenziario da oltre un mese non c’è acqua calda. Il garante: in mille verso il secondo inverno al gelo

ROMA – Da più di quaranta giorni gli oltre mille detenuti del carcere romano di Regina Coeli sono senza acqua calda. Lo rende noto il garante dei detenuti del Lazio, Angiolo Marroni, secondo cui il disguido sarebbe da attribuire alla rottura della caldaia centralizzata che serve l’intera struttura.
I disagi sarebbero destinati a protrarsi «fino a quando non si provvederà  a sostituire l’impianto centralizzato con singole caldaie in grado di servire le singole sezioni». Già  lo scorso inverno i detenuti dello storico carcere di via della Lungara, spiega Marroni, rimasero a lungo senza acqua calda e senza riscaldamento a causa di disguidi e lungaggini burocratiche.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment