Riforma carceri, il tempo è scaduto: Orlando chiede al governo di procedere

Riforma carceri, il tempo è scaduto: Orlando chiede al governo di procedere

Il tempo a disposizione delle Commissioni speciali è ampiamente scaduto. Ora il governo può procedere autonomamente al varo definitivo del primo decreto attuativo della riforma dell’ordinamento penitenziario, quello sulle misure alternative, che attende solo l’ultimo step, trasmesso al Parlamento il 20 marzo scorso.

A sottolinearlo, chiedendo al premier Paolo Gentiloni di procedere senza ulteriore attesa, come prescrive la legge 103 (art.1, comma 83), è stato ieri lo stesso Guardasigilli Andrea Orlando che durante il Consiglio dei ministri ha motivato l’urgenza ricordando che le carceri sono di nuovo sovraffollate, con il rischio di un’altra condanna Cedu, ma anche di favorire, secondo il ministro, l’affermarsi di fenomeni di radicalizzazione fin qui tenuti sotto controllo.

FONTE: Eleonora Martini, IL MANIFESTO

 



Related Articles

Ecco la storia delle toghe rosse

MAGISTRATURA DEMOCRATICA
Periodicamente, soprattutto in concomitanza con decisioni giudiziarie sgradite a questo o a quel centro di potere, si riapre il tormentone sulle «toghe rosse», indicate come responsabili di tutti (o quasi) i mali del paese. Non importa se le decisioni giudiziarie sono o meno fondate né chi le ha pronunciate.

Dopo Rebibbia. Tossicodipendenti e malati psichici nelle celle

Le coscienze scosse da Rebibbia e la rivoluzione copernicana necessaria

«Sterilizzate» le imprese inquisite Cantone potrà rimuovere i manager

Il presidente della Repubblica ha firmato il decreto legge numero 90 del 2014 che attribuisce nuove competenze e poteri all’Autorità nazionale anticorruzione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment