Riforma carceri, il tempo è scaduto: Orlando chiede al governo di procedere

Riforma carceri, il tempo è scaduto: Orlando chiede al governo di procedere

Il tempo a disposizione delle Commissioni speciali è ampiamente scaduto. Ora il governo può procedere autonomamente al varo definitivo del primo decreto attuativo della riforma dell’ordinamento penitenziario, quello sulle misure alternative, che attende solo l’ultimo step, trasmesso al Parlamento il 20 marzo scorso.

A sottolinearlo, chiedendo al premier Paolo Gentiloni di procedere senza ulteriore attesa, come prescrive la legge 103 (art.1, comma 83), è stato ieri lo stesso Guardasigilli Andrea Orlando che durante il Consiglio dei ministri ha motivato l’urgenza ricordando che le carceri sono di nuovo sovraffollate, con il rischio di un’altra condanna Cedu, ma anche di favorire, secondo il ministro, l’affermarsi di fenomeni di radicalizzazione fin qui tenuti sotto controllo.

FONTE: Eleonora Martini, IL MANIFESTO

 



Related Articles

Bimba di 4 anni muore. Il padre denuncia: «Uccisa da un respingimento dei greci»

Il gruppo di migranti si trovava a bordo di un gommone in difficoltà quando è stato intercettato da alcune unità delle Guardia costiera di Atene

Delitto d’asilo. Il Decreto Minniti diventa legge

Alla camera passa con un record negativo la fiducia sul decreto che istituisce un diritto di serie B per i profughi che cercano la protezione internazionale

Primi arresti in Slovacchia per l’omicidio del giornalista Ján Kuciak

Le indagini. In manette sette imprenditori calabresi con presunti legami con la ’ndrangheta. Nell’inchiesta sull’uccisione del giornalista spunta anche la pista degli ambienti giudiziari

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment