Storico incontro tra tra Kim Jong-un e Moon Jae-in, leader delle due Coree

Storico incontro tra tra Kim Jong-un e Moon Jae-in, leader delle due Coree

Nella notte italiana al confine tra le due Coree è avvenuto lo storico incontro tra Kim Jong-un, primo leader della Corea del nord a recarsi al sud, e Moon Jae-in presidente sudcoreano (e di origine nordcoreana).

I due si sono stretti la mano, hanno camminato e si sono recati nel luogo dove tutt’ora è in corso l’incontro dal quale potrebbe uscire un clamoroso trattato di pace (le due Coree sono separate ncora oggi da un armistizio firmato nel 1953).

In questo momento i colloqui in corso a Panmunjom, lungo il confine demilitarizzato tra le due Coree, sono stati sospesi.

Alle ore 11.55 di questa mattina i leader hanno cominciato a pranzare.

Il leader nordcoreano, Kim Jong-un, ha riattraversato il confine nordcoreano per la pausa pranzo.

Al suo rientro, nel primo pomeriggio, Kim e il presidente sudcoreano Moon Jae-in pianteranno un albero di pino al confine tra i due paesi, a simboleggiare la riconciliazione tra le due Coree.

La pianta, germinata nel 1953 – ultimo anno della Guerra di Corea – verrà ricollocata utilizzando terreno prelevato da Hallasan, nella provincia sudcoreana di Jeju, e da Baekdusan, nella Corea del Nord; il pino verrà innaffiato con acqua prelevata dal fiume Han, in territorio sudcoreano, e dal fiume Daedong, nel Nord.

Seguirà la ripresa dei colloqui bilaterali.

FONTE: Simone Pieranni, IL MANIFESTO

photo: By Jgaray, Nicor, Coronades03, P388388, Oppashi – File:Marx Engels Lenin.svgFile:Kim Il Sung portrait Grand People’s Study House cropped.jpgFile:Kim Jong-il Portrait.jpgFile:Kim Jong-Un Photorealistic-Sketch.jpg, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=52581138



Related Articles

Usa, crescono mormoni e musulmani

“Riforma”, il settimanale protestante sempre bene informato sui fatti religiosi, questa volta illustra la situazione religiosa negli Stati Uniti: «Forte crescita dei mormoni e dei musulmani in dieci anni».

Francia e Spagna silurano il Fronte del Sahel. L’Algeria resta sola di fronte ad Al Qaida

 

 

L’Algeria è irritata per le iniziative recenti di Francia e Spagna, che hanno accettato di pagare lauti riscatti ai terroristi di Al Qaida per la liberazione di ostaggi. In questo modo – dicono i responsabili dei servizi di sicurezza algerini – l’Algeria viene lasciata sola a combattere il terrorismo

“Tutti i termini della cooperazione antiterrorista con i sei paesi della regione saranno rivisti
completamente”

Atto XII. I Gilet gialli sempre in piazza, contro le violenze della polizia

Francia. Nuovo sabato di protesta. In questione l’uso delle Ldb40 (ma il Consiglio di stato le ha approvate). Polemica sull’imminente legge anti-casseur

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment