Nelle elezioni in Iraq vince a sorpresa Moqtada al-Sadr

Nelle elezioni in Iraq vince a sorpresa Moqtada al-Sadr

Risultati specchio della frustrazione per ingerenze esterne, povertà e settarismi

Sorpresa in Iraq: la strana alleanza sadristi-comunisti ha vinto le parlamentari La coalizione Sairoun («In cammino insieme») guidata dal leader religioso sciita Moqtada al-Sadr è primo partito.

Segue la coalizione Fatah («Conquista»), raggruppamento delle unità di mobilitazione popolare, ovvero le milizie sciite filo-iraniane. Solo terzo il favorito, il premier uscente al-Abadi, che ora si dice pronto a collaborare con il vincitore per formare un governo stabile.

Le urne danno uno spaccato dell’Iraq a 15 anni dall’invasione statunitense e a quattro da quella dello Stato Islamico. Il popolo iracheno è stanco, spossato: solo il 44,5% degli iracheni è andato a votare, tantissimi quelli che hanno boicottato il voto come atto politico. E chi lo ha fatto ha scelto la rottura con un passato/presente di corruzione e incapacità politica.

A uscire sconfitta è la leadership del post-Saddam, quella che ha ingurgitato miliardi di dollari destinati alla ricostruzione e che ha spaccato il paese lungo linee etniche e confessionali, accendendo lo scontro tra sciiti, sunniti e curdi. A vincere sono coloro che hanno offerto un’alternativa, militare le milizie sciite, politica al-Sadr.

Da anni, accantonato l’Esercito del Mahdi, protagonista della resistenza sciita all’occupazione Usa, ha vestito i rassicuranti panni del leader nazionale, anti-settario, attento alle condizioni sempre peggiori della classe operaia e delle fasce più povere della popolazione. Da cui l’alleanza con una forza centenaria, laica e marxista, il Partito Comunista iracheno.

Ieri la commissione elettorale ha reso noti i risultati parziali del voto: con 54 seggi su 329 Sairoun è in testa, seguito da Fatah con 47 e la lista Nasr («Vittoria») di al-Abadi con 42. Al quarto posto il suo predecessore, Nouri al-Maliki, considerato il principale fautore delle divisioni interne e della marginalizzazione della comunità sunnita (e la conseguente ribellione nelle province occidentali). I sadristi si sono presi Baghdad, la capitale, dove il premier è solo quinto. Le milizie sciite prevalgono invece nel sud del paese, nelle città sciite di Bassora e Kerbala.

Nessun vincitore assoluto, condizione che apre a necessarie alleanze: le ha paventate già ieri al-Abadi, che resta comunque popolare in tutto il paese. Il primo ministro si è detto pronto a cooperare con il primo partito: è probabile che resti a ricoprire la carica di premier, con l’appoggio indispensabile di sadristi, comunisti e liberali e un programma di sostegno al lavoro e di lotta alla corruzione.

Ma le elezioni hanno effetti importanti anche sullo scacchiere regionale: preda delle potenze vicine, l’Iraq trasuda frustrazione per le ingerenze esterne che lo hanno massacrato.

È stanco della longa manus americana come di quella iraniana: al-Sadr, seppur sciita, non è un filo-iraniano (a nessuno è sfuggita lo scorso anno la visita al principe saudita Mohammed bin Salman a Gedda). Stesso dicasi per al-Abadi, capace di difficili equilibrismi e di mantenere a distanza sia Washington che Teheran, tanto da essere visto di buon grado da entrambi.

Allo stesso tempo, però, è stata premiata la compagine filo-iraniana guidata da al-Amiri, quelle milizie a cui il popolo iracheno riconosce un fondamentale ruolo nella liberazione dall’Isis, legate a doppio filo alla Repubblica islamica: armate e addestrate dalle unità di élite delle Guardie Rivoluzionarie, sono state direttamente gestite dal potente generale iraniano Suleimani. Non è dunque detto che i secondi arrivati non tentino «il colpo di mano»: unità popolari insieme ad al-Maliki.

Di certo ci vorrà del tempo per mettere insieme i 165 seggi necessari a formare una maggioranza. Senza dimenticare il Kurdistan iracheno: secondo i dati parziali, primo partito è il Kdp di Barzani con 25 seggi, secondo il Puk di Talabani con 15 e terzo, con 6, l’opposizione di Gorran. Che già denuncia irregolarità nei distretti curdi.

FONTE: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO

photo: By Muqtada al-Sadr (Muqtada al-Sadr) [CC BY-SA 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/4.0)], via Wikimedia Commons

 



Related Articles

«Puniremo gli abusi in caserma» La battaglia delle due senatrici (rivali)

 Democratiche, vogliono leggi diverse. E si contendono i voti dei maschi 

“Resterò a Tripoli vivo o morto” Gheddafi sfida la Nato con un video

Nuovi raid nella capitale. Obama: “Il raìs ha le ore contate”. Sono vicino ai luoghi bombardati, ma resisto ancora. Non abbiamo che una sola alternativa: restare fino alla fine. Non ci sottometteremo, non lasceremo il nostro Paese, non lo venderemo, non abbiamo nessuna paura dei vostri missili

“L’American dream ai clandestini” la legge di Obama per gli immigrati

L’aveva promesso in campagna elettorale. Proposta bipartisan. L’aveva promesso in campagna elettorale.  Gli irregolari negli Usa sono undici milioni. Sarà  più facile ottenere la “green card” 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment