Dopo la strage di Gaza, un appello: «Tacciano le armi in Medio Oriente»

Dopo la strage di Gaza, un appello: «Tacciano le armi in Medio Oriente»

«Israele oggi assomiglia più a una fortezza che non a una casa», ha detto David Grossman aprendo, tre settimane fa, una cerimonia congiunta di commemorazione delle vittime del conflitto, israeliane e palestinesi, a Tel Aviv, in ebraico e in arabo.

In queste ore a Gaza sangue si aggiunge su sangue. Condividiamo il dolore delle vittime palestinesi.

Noi sottoscritti, sostenitori del diritto di Israele ad esistere come stato entro confini legittimi, sicuri e riconosciuti, e ugualmente di quello dei palestinesi ad uno stato indipendente, guardiamo con estrema preoccupazione alle prime conseguenze, letali per le prospettive della pace, dello spostamento dell’ambasciata americana a Gerusalemme da parte dell’amministrazione Trump.

Non possiamo tacere di fronte all’uso sproporzionato della forza da parte di Israele. L’uso di armi da fuoco contro civili è ammissibile soltanto se detti civili partecipano direttamente ad azioni ostili, non se varcano o cercano di superare la frontiera con Israele. Vi sono mezzi non letali per contenere e disperdere proteste anche di massa.

Condanniamo  la retorica fondamentalista di Hamas che non abbandona il rifiuto di Israele né desiste da una guerra di guerriglia che espone la gente di Gaza alla rappresaglia di Israele.

Chiediamo, soprattutto, che tacciano le armi e si cerchino ora e per il futuro, da parte di tutti, le vie politiche del dialogo, della conoscenza reciproca e della pace in tutta la regione.

*** Primi firmatari: David Calef, Bruno Contini, Roberto Della Seta, Anna Foa, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Giorgio Gomel, Helena Janeczek, Gad Lerner, Simon Levis Sullam, Laura Mincer, Michele Sarfatti, Roberto Saviano, Susanna Terracina, Alessandro Treves

Per adesioni: taccianoarmiMO@gmail.com

FONTE: IL MANIFESTO



Related Articles

La Colombia della pace

Presidenziali. Manuel Santos vince al secondo turno con i voti della sinistra

Assetati, a piedi nel nulla. Con gli yazidi braccati dall’Isis

Dire che hanno bisogno di tutto può sembrare una frase banale e forse anche esagerata per descrivere gruppi di profughi in fuga. Ma è senz’altro pertinente nel caso degli yazidi

A Kabul testa a testa tra Abdullah e Ghani

Afghanistan. Risultati dei primi scrutini, ma nel computo finale potrebbero pesare i brogli. In testa è Abdullah Abdullah, già brac­cio destro del coman­dante Masoud

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment