CAMPAGNA DELLA CGIL. Milano, i rider inseriti nel contratto nazionale

Sono circa tremila i fattorini che si muovono giorno e notte lungo le strade della città. Il segretario Filt Cgil, Stanzione: «Dovevamo dare cittadinanza a queste persone che non venivano riconosciute come lavoratori»

Giampiero Rossi • 17/5/2018 • Lavoro, economia & finanza, Sindacato • 101 Viste

E ora l’incontro con le piattaforme digitali

Andranno per strada, perché solo lì è possibile incontrare i rider, cioè i fattorini dei pasti (ma non solo) a domicilio. La Cgil milanese apre una campagna per sensibilizzare (e sindacalizzare) questi lavoratori attualmente senza diritti. Secondo le stime sono circa tremila quelli che si muovono giorno e notte — anche spericolatamente — lungo le strade della città. «Diamo cittadinanza a queste persone che non vengono riconosciute come lavoratori — premette il segretario della Filt Cgil, Luca Stanzione —. Da marzo i rider sono stati finalmente inseriti nel contratto nazionale del trasporto merci e della logistica, quindi per le aziende non ci sono più scuse».

Il sindacato chiede infatti un incontro formale alle piattaforme digitali Just it, Deliveroo, Foodora con l’obiettivo di «mettere fine a una condizione oggettiva di degrado del lavoro di queste persone. È arrivato il tempo di una legge nazionale che perimetri l’azione di queste piattaforme e restituisca dignità al lavoro». Ma nel frattempo il sindacato si è attrezzato per muoversi «su strada», cioè per avvicinare i lavoratori e proporre loro una forma di organizzazione sindacale: «Distribuiremo un kit studiato per chi fa questo tipo di lavoro, perché molte di queste piattaforme non forniscono nemmeno gli strumenti minimi — spiega Stanzione — e forniremo a chi si associerà al sindacato una tutela mutualistica minima per un anno». Il segretario generale della Camera del lavoro Massimo Bonini sottolinea il significato della campagna: «Vogliamo affermare che tra un clic e l’altro esistono persone in carne e ossa che vanno tutelate —. Per molto tempo si è raccontato di un sindacato vecchio e non in grado di mettere in campo azioni di tutela adeguate, questa intanto è una risposta, ma deve essere chiaro che il ritardo è tutto politico, sia europeo che italiano. La Cgil di Milano sta lavorando sui temi dell’innovazione per renderla governabile e sostenibile per le persone che ci lavorano — aggiunge — e agli stessi lavoratori rivolgo un invito a organizzarsi, a vedere il sindacato come strumento per le proprie battaglie. Ma cominciamole».

Fonte: Giampiero Rossi, Corriere della Sera

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This