Morti di Gaza, come numeri dimenticati

Morti di Gaza, come numeri dimenticati

Passata la reazione per la strage del 14 marzo, la routine di ‎morte e sofferenza di Gaza non fa più notizia

GERUSALEMME. Vendeva gelati e bibite fredde Hussein Abu Aweida. Alle manifestazioni ‎della Grande Marcia del Ritorno andava per guadagnare qualche soldo ‎per sopravvivere. Sulla sua vecchia bicicletta aveva fissato due ‎frigoriferi portatili e pedalando per la strade maladandate di Gaza ‎portava dolcezza e ristoro a piccoli e grandi. Un colpo sparato da un ‎tiratore scelto dell’esercito israeliano durante le dimostrazioni della ‎scorsa settimana l’ha colpito alla colonna vertebrale ed è spirato ieri ‎all’alba all’ospedale Shifa. Hussein Abu Aweida è il 116 palestinese di ‎Gaza ucciso dai militari israeliani da quando sono cominciate, lo scorso ‎‎30 marzo, le manifestazioni della Grande Marcia del Ritorno. Qualche ‎ora prima erano morti altri due giovani feriti, di 23 e 21 anni.

‎ Nomi e volti degli uccisi di Gaza girano sui social. L’Europa non li ‎nota. Passata la reazione per la strage del 14 marzo – circa 70 vittime tra ‎quelli uccisi subito e i feriti deceduti nei giorni successivi – la routine di ‎morte e sofferenza di Gaza non fa più notizia. E regna l’indifferenza ‎verso i motivi delle manifestazioni lungo le linee di demarcazione tra ‎Gaza e Israele. Prevale la narrazione del governo Netanyahu che ‎descrive la Grande Marcia del Ritorno come una copertura per gli ‎attacchi di Hamas. La responsabilità di tutti quei morti sarebbe solo del ‎movimento islamico anche se a sparare su manifestanti disarmati sono i ‎soldati israeliani. Anzi, la reazione di Israele è stata “moderata”, ‎spiegava qualche settimana fa alle Nazioni Unite l’ambasciatrice Usa ‎Nikki Haley.‎

‎ Anche i giudici israeliani ritengono legittima la risposta data sino ad ‎oggi dall’esercito alle manifestazioni palestinesi. La Corte Suprema ‎israeliana ha respinto all’unanimità due petizioni presentate da gruppi per ‎i diritti umani che chiedevano alle forze armate di non usare più cecchini ‎e munizioni vere contro dimostranti disarmati a Gaza. Secondo la Corte ‎quei manifestanti costituivano un pericolo reale per i soldati e i cittadini ‎israeliani. A nulla è valso il dato che quel “pericolo”, in due mesi di ‎proteste con decine di migliaia di persone, non ha causato il ferimento di ‎alcun israeliano, civile o militare. Inutili le testimonianze di alcuni delle ‎migliaia di feriti e la recente risoluzione di condanna di Israele votata dal ‎Consiglio dell’Onu per i Diritti Umani. Tutto regolare, tutto lecito.

‎ Domani a Bruxelles, in occasione del Consiglio Affari Esteri, Avaaz ‎depositerà 4.500 paia di scarpe vicino alla sede della riunione, un paio di ‎calzature per ciascuna vittima di Gaza negli ultimi anni. Oggi pomeriggio ‎al Circo Massimo a Roma la campagna #CambiaGiro, in occasione della ‎tappa finale del Giro d’Italia colorerà la zona di verde, rosso, bianco e ‎nero, i colori della bandiera della Palestina, per protestare contro la ‎scelta degli organizzatori della Corsa Rosa di far partire il Giro da ‎Gerusalemme ignorando lo status internazionale della città e le ‎rivendicazioni dei palestinesi sulla zona Est occupata da Israele. ‎

FONTE: Michele Giorgio, IL MANIFESTO



Related Articles

Yemen, droni Usa uccidono l’imam al-Awlaki

Era ritenuto da Washington il leader di al-Qaeda nella Penisola Islamica, la Cia gli dava la caccia da due anni

Due macchine, provincia di Marib, Yemen profondo. Un razzo cade tra le due vetture, disintegrandole. Ecco la parola fine alla vita di Anwar al-Awlaki, il predicatore ritenuto il leader di al-Qaeda nella Penisola Islamica. Dopo Osama bin Laden, l’anti terrorrismo a stelle e strisce mette a segno un altro colpo mortale all’integralismo islamico. Anche se pure la democrazia Usa non gode di ottima salute.

Pakistan, gli americani a Quetta

Islamabad accetta ufficialmente una presenza militare Usa nella città  che ospita il quartier generale talebano, e si prepara a eseguire gli ordini di Washington in Nord Waziristan

Il Pakistan ha ufficialmente consentito agli Stati Uniti di mantenere una loro presenza militare fissa nella città  di Quetta: il quartier generale dei talebani afgani, sede della famosa ‘shura’ capeggiata dal Mullah Omar.

La notizia è stata ufficializzata in un’informativa del Pentagono al parlamento Usa, nella quale si specifica che i militari americani stazioneranno presso il quartier generale del 12° corpo d’armata dell’esercito pachistano.

Cina Rallenta la crescita Pechino si prepara a tensioni sociali

La Cina deve mettere a punto “un sistema di gestione sociale” per far fronte alle crescenti tensioni nel Paese.

E’ quanto ha dichiarato un alto responsabile del partito comunista, invitando le province del Paese a tenersi pronte di fronte “all’impatto negativo” del rallentamento della crescita.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment