Aquarius. I sindaci contro la linea del Viminale di Salvini: «Porti aperti subito»

Aquarius. Da Napoli a Palermo fino alle città senza mare. Ma dal 1994 i comuni non hanno competenze sugli scali. Anche nella Torino 5S si protesta per la chiusura

Adriana Pollice • 12/6/2018 • Diritti umani & Discriminazioni, Immigrati & Rifugiati • 178 Viste

La chiusura dei porti all’Aquarius, imposta dal Viminale, ha provocato le proteste di molte amministrazioni comunali. A cominciare dal sindaco partenopeo, Luigi de Magistris: «Napoli è pronta ad accoglierle i 629 migranti. L’eventuale attracco di Aquarius in Spagna non è una vittoria di Salvini ma una vergognosa sconfitta dell’Italia. Al presidente della Camera Roberto Fico dico di battere un colpo».

Domenica è intervenuto anche il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio De Caro: «Dobbiamo cambiare la politica europea sull’accoglienza, ma non possiamo usare queste persone disperate come ostaggi». Seguito ieri dal collega di Taranto, Rinaldo Melucci: «Dopo la riforma del sistema portuale del ’94, i sindaci non hanno più alcuna competenza diretta sugli scali. D’altronde in mare vigono leggi e consuetudini che non si possono cancellare con una circolare».

No alla chiusura dei porti anche dai due sindaci che hanno accolto gli unici sbarchi autorizzati da Salvini. «Il nostro cuore è grande – ha commentato Giuseppe Falcomatà che guida Reggio Calabria –, più grande di chi vuole speculare senza un briciolo di umanità». Più diplomatico il collega siciliano di Pozzallo, Roberto Ammatuna: «Salvini ha voluto sollevare un problema che esiste ma l’ha fatto in maniera sbagliata».

La collega 5S di Augusta, Cettina Di Pietro, si è dichiarata pronta ad accogliere l’Ong ma, ha precisato, «i comuni sono stati lasciati soli». Contro la linea dura di Salvini anche Crotone e Lampedusa.

Da Palermo Leoluca Orlando attacca: «A violare la legge internazionale, quella che impone come priorità il salvataggio delle vite umane, è il ministro dell’Interno italiano che ha dato ulteriore dimostrazione della natura culturale dell’estrema destra leghista». Risalendo la penisola, si fa sentire anche il sindaco di Ravenna, Michele De Pascale: «Di sicuro avrei accolto l’Aquarius. La Costituzione, con l’articolo 10, prevale sui ministri dell’Interno».

Solidarietà ai colleghi dai sindaci dei comuni che non affacciano sul mare, a cominciare da Milano con Giuseppe Sala: «Penso che facciano bene. È il tema più politico che esista e anche il tema più deviato da una politica alla ricerca di consensi».

Persino nella Torino 5S c’è chi si dissocia dal governo: «Ci piace sempre immaginare come sarebbe Torino con il mare. Se c’è il mare c’è un porto e sono convinto che stasera sarebbe aperto – scriveva ieri su Facebook l’assessore ai Diritti, Marco Giusta – La politica dell’immigrazione è da rivedere, tutta, ma non si può fare sulla pelle delle persone».

L’ex 5S Federico Pizzarotti da Parma attacca il leader leghista e l’Ue: «Salvini gioca a braccio di ferro con Malta sulla pelle di oltre 600 vite umane. Condanniamo con altrettanta fermezza l’assenza dell’Europa, che si è dimostrata lontana e debole».

Sono intervenuti anche i governatori dem. Il campano Vincenzo De Luca, che pure ha simpatia per la linea dura dei leghisti in tema di sicurezza, ammette: «Il problema umanitario deve essere risolto prima di ogni altra cosa».

Il presidente sardo Francesco Pigliaru puntualizza: «Se il governo ha deciso di cambiare le regole del gioco prima dovrebbe annunciarlo. E non farlo nel momento in cui c’è una nave in giro per il Mediterraneo». E il collega pugliese Michele Emiliano: «La condotta di Salvini sta rasentando l’illegittimità. Il nostro modello di accoglienza non è basato sul considerare gli esseri umani come un motivo di controversia con le altre nazioni».

FONTE: Adriana Pollice, IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

One Response to Aquarius. I sindaci contro la linea del Viminale di Salvini: «Porti aperti subito»

  1. Sandro ha detto:

    L’unica cosa giusta era limitare l’entrata di persone che che se ne dica sono un peso su un paese che è già al collasso. Se dessero qualcosa al paese niente da dire ma purtroppo solo sono un peso… ma noi siamo fighi e facciamo morire di stenti i nostri connazionali e ci prendiamo tutti senza nemmeno controllo … poi ci chiediamo come migliorare le cose ed ecco il risultato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This