Elezioni in Slovenia, premiata la destra antimigranti

L’«uomo forte» Jansa primo, ma ha pochi alleati. Secondo è il partito di un comico

Paolo Salom • 4/6/2018 • Europa, Internazionale • 284 Viste

Un ex premier incarcerato per corruzione che torna vincitore. Un comico che ha fondato il suo partito e potrebbe essere decisivo. Il leader del governo di centrosinistra che è inciampato su un referendum e ha dovuto dimettersi anzitempo. Le elezioni di ieri in Slovenia potrebbero sembrare curiosamente vicine a quelle italiane, anche per i temi di una campagna che ha visto primeggiare slogan populisti come «prima di tutto gli sloveni»; «basta migranti»; «pensioni più alte».

Altra (paradossale?) similitudine con il nostro Paese, formare un governo sarà tutt’altro che agevole per quanto il presidente della Repubblica Borut Pahor abbia espresso la «speranza» di una soluzione rapida della crisi. D’altro canto — secondo i primi risultati — il partito che ha ottenuto il consenso più netto, l’Sds (Partito democratico sloveno) del conservatore Janez Jansa, per due volte primo ministro, finito in prigione per una storia di corruzione quattro anni fa (sentenza annullata dalla Corte Costituzionale), supera di poco il 25% dei voti. Ottimo risultato. Ma, considerato che, a parole, sono pochi gli esponenti politici disposti ad allearsi con lui (anche perché il modello cui sembra ispirarsi è l’ungherese Viktor Orbán), avrà difficoltà a formare il governo.

Sarà invece importante, qualunque soluzione si dovesse ricercare, l’apporto della lista civica da poco formata dall’ex comico e imitatore liberale Marjan Sarec — sorta di Grillo sloveno ma con tendenze politiche liberali, per quanto «anti sistema»: con il 12,6%, servirà a garantire la governabilità, chiunque diventi primo ministro. È utile ricordare che Sarec, l’anno scorso, arrivò secondo alle presidenziali, ottenendo di disputare il ballottaggio contro Pahor, poi eletto: sarà per questo che il (nostro) Grillo immagina di presentarsi candidato quale futuro presidente della Repubblica?

Altri risultati: il Partito democratico di centro (Smc), del primo ministro uscente Miro Cerar, ha preso il 9,5%. Sinistra unita e Socialdemocratici sono testa a testa con preferenze tra il 9 e il 10%.

Dall’indipendenza ottenuta nel 1991 dopo dieci giorni di guerra contro i soldati della morente Jugoslavia orfana di Tito — conflitto cui prese parte anche Janez Jansa, allora giovane ministro della Difesa — la Slovenia ha percorso in pochi decenni una parabola esemplare nel mondo delle democrazie occidentali. Paese modello dal punto di vista delle istituzioni, economia brillante e capace di portare Lubiana nell’area euro senza soverchi problemi, è incappato nella crisi finanziaria che ne ha scardinato sì l’equilibrio, ma ne è uscito senza aiuti esterni.

Soltanto la politica ha accusato il colpo: corruzione e «inciuci» ne hanno minato la credibilità anche se l’emergenza immigrazione del 2015 ha messo tutto in secondo piano. È proprio grazie al passaggio nel suo territorio di 500 mila profughi diretti verso l’Europa Centrale che il discorso populista ha potuto attecchire con l’aiuto, certo non disinteressato, del premier ungherese Orbán — capofila del Gruppo di Visegrád (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) — impegnato a respingere con ogni mezzo l’ingresso nel suo Paese dei migranti. Ora, in Slovenia (due milioni di abitanti) , solo una manciata di richiedenti asilo si è fermata. Mentre il nostro vicino annovera emigrati di successo, come la first lady Melania Trump, nata Knavs a Novo Mesto.

«Mi auguro che questo voto sia il primo passo per dare priorità alla sicurezza e al benessere della Slovenia e degli sloveni», ha detto, uscendo dal seggio elettorale in un paesaggio alpino ordinato e pulito, Jansa. In verità, il Paese non sembra bisognoso di particolari rimedi, se non il buon governo. Lo dimostra forse il fatto che su un milione e 700 mila aventi diritto, soltanto poco più di 800 mila sono andati effettivamente alle urne. Certo, ieri è stata una bella giornata di sole oltre confine. Però il clima politico, di questi tempi, pare avulso dalle stagioni. Non in Slovenia.

FONTE: Paolo Salom, CORRIERE DELLA SERA

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This