Geopolitiche. Nel nuovo assetto coreano dopo il summit, ci guadagna la Cina

Geopolitiche. Nel nuovo assetto coreano dopo il summit, ci guadagna la Cina

Lo storico summit tra Kim e Trump a Singapore potrebbe regalare un periodo di tranquillità all’Asia. E se lo stato delle cose reggerà questo strambo equilibrio paventato, a uscire come vincitrice strategica della recente girandola diplomatica sarà la Cina.

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in rimarrà nella storia come il vero artefice di questo straordinario avvicinamento tra Usa e Corea del Nord, ma al momento sembra essere Pechino a guadagnarci di più dal nuovo assetto che pare definirsi.

Al di là degli aspetti mediatici e di quelli legati al «documento» firmato in modo solenne da Trump e Kim, un insieme di punti troppo vaghi per essere presi sul serio, la vera notizia del meeting di Singapore è quella rivelata da Trump durante la sua conferenza stampa prima di lasciare Singapore.

Il presidente degli Stati uniti ha specificato che a fronte delle promesse di Kim di distruggere un non meglio identificato «grande» sito di test missilistici, da parte loro gli Usa si impegnano a non effettuare più esercitazioni congiunte con la Corea del Sud. Il presidente americano ha giustificato questa scelta argomentando che costano troppo. Ma la rivelazione è potente: restano le sanzioni, restano le basi, a quanto detto, ma saltano le esercitazioni. Si va dunque verso la situazione ideale per Pechino: una Corea del Nord bloccata nella sua escandescenza e nel suo mettere a repentaglio in continuazione la pace nella regione e una Corea del Sud che – pur avendo le basi americane sul proprio territorio – comincia ad allontanarsi militarmente da Washington.

Ma la ragione della gioia di Xi Jinping di fronte a questo scenario, non risiede solo nelle strategie militari. La Cina sta rafforzando il proprio esercito, specie la marina, sta andando verso un corpo militare iper specializzato e composto da squadre d’élite, ma sa bene che la distanza dagli Usa in quel campo è ancora eccessiva.

Ma non è quello il punto che interessa a Pechino. Alla Cina ora come ora servono condizioni ideali per il suo sviluppo economico, per la Nuova via della Seta, per la vendita anche all’estero di robotica e prodotti legati all’intelligenza artificiale. Serve un’Asia che non sia turbolenta.

Con Seul i problemi ci sono da molto tempo, ci sono stati boicottaggi commerciali, perfino delle pop star sudcoreane, i rapporti tra i due paesi sono stati a lungo più che tesi. Con l’avvento di Moon e la sua politica di apertura anche nei confronti di Pechino, il clima è cambiato.

La Cina ha cominciato a riavviare rapporti commerciali e la Corea del Sud potrebbe fornire vantaggi non da poco alle aziende cinesi e agli scopi di Xi nella regione. Tanto più adesso che il Vietnam torna a contestare la presenza e l’influenza cinese sul proprio territorio – con il Giappone che «orfano» di un alleato forte come gli Usa sta espandendo il suo interesse proprio lì, come la Russia – la Cina ha bisogno di Seul.

La novità annunciata da Trump – dunque- potenzialmente rafforza la Cina in una regione i cui equilibri sono in via di ridefinizione.

E poi c’è la Corea del Nord. Con il regime di Kim al sicuro e militarmente tranquillo, il territorio sopra il trentottesimo parallelo diventa interessante. Per Seul, ovviamente. Per Pechino, per mille motivi. Ma anche per la Russia e per il Giappone.

Mosca si è già detta pronta a contribuire in infrastrutture: Lavrov, non a caso, pochi giorni fa era a Pyongyang. Il Giappone ha detto che se Kim restituirà i giapponesi rapiti è pronta a cooperare per una rinascita economica del paese.

La «pace» quindi potrebbe aprirebbe una nuova fase nella regione asiatica.

FONTE: Simone Pieranni, IL MANIFESTO

photo: Kremlin.ru [CC BY 4.0 (https://creativecommons.org/licenses/by/4.0)], via Wikimedia Commons



Related Articles

Il patto tra Usa e Ue sul libero scambio una rivoluzione con troppi segreti

Si chiama Ttip. Se va in porto, sarà il più ambizioso accordo di libero scambio della storia. La fase due della globalizzazione.

«No Raila no peace». Elezioni contestate in Kenya

Presidenziali contestate. Odinga non accetta la quarta sconfitta: «Risultati hackerati». Kenyatta al 54%. Primi scontri nelle roccaforti dell’opposizione malgrado gli appelli alla calma: almeno tre morti

Il dialogo tra le Coree. Kim Jong-un scomodo ma indispensabile

È la prima volta che Kim Jong- un partecipa a un incontro al vertice, essendo succeduto al padre Kim Jong- il, morto nel 2012

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment