Cresce il razzismo in Italia, dodici aggressioni in 50 giorni

Cresce il razzismo in Italia, dodici aggressioni in 50 giorni

L’Unhcr, l’Alto commissariato Onu per i rifugiati, si è detto ieri preoccupato per «il crescente numero di attacchi» compiuti in Italia contro cittadini stranieri. Di seguito l’elenco delle aggressioni.

11 giugno, Caserta: due ragazzi maliani, ospiti di un centro Sprar, vengono avvicinati da una Fiat Panda, a bordo della quale viaggiavano tre giovani italiani i quali hanno sparato alcuni colpi con una pistola ad aria compressa, al grido “Salvini Salvini”.

20 giugno, Napoli: Bouyangui Konate, cuoco maliano di 21 anni, rifugiato, viene colpito da due ragazzi con un fucile a piombini.

3 luglio, Forlì: una donna nigeriana viene avvicinata da un motorino, con due persone a bordo, dal quale parte un colpo da una pistola ad aria compressa che la ferisce a un piede.

5 luglio, Forlì: un uomo di 33 anni originario della Costa d’Avorio viene colpito all’addome con colpi esplosi da pistola ad aria compressa.

11 luglio, Latina: due uomini di origine nigeriana vengono raggiunti da proiettili di gomma esplosi da un’Alfa 155 nei pressi della fermata dell’autobus.

17 luglio, Roma: una bambina rom di poco più di un anno, viene raggiunta da un colpo di pistola ad aria compressa. Rischia di rimanere paralizzata.

26 luglio, Partinico: un richiedente asilo senegalese di 19 anni viene aggredito e picchiato mentre stava lavorando al bar da tre uomini che gli gridano: “Tornatene al tuo paese, sporco negro”.

26 luglio, Vicenza: un operaio di origine capoverdiana che lavorava su un ponteggio viene colpito alle spalle dai colpi di una carabina.

26 luglio, Aversa: un richiedente asilo della Guinea viene avvicinato da due ragazzi in moto, che gli sparano con un’arma ad aria compressa, colpendolo al volto.

28 luglio, Milano: un uomo di origine cingalese viene aggredito in un parco. L’agressore pretendeva che parlasse in italiano al telefono e lo ha minacciato con un taglierino sulla gola davanti alla figlia terrorizzata.

29 luglio, Aprilia: un uomo di origine marocchina viene picchiato a sangue da due uomini e muore, abbandonato sulla strada.

29 luglio, Moncalieri: Daisy Osakue, nazionale di atletica leggera, aggredita a Moncalieri mentre rincasava: da un’auto in corsa le sono state lanciate contro delle uova. L’atleta è stata colpita a un occhio ed è stata operata per una lesione alla cornea.

* Fonte: IL MANIFESTO

Foto: Andrea Cesanelli [CC BY-SA 3.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0)], via Wikimedia Commons



Related Articles

Affogati all’ombra dell’Europa

Sicilia. Secondo i sopravvissuti sarebbero stati in quaranta sul barcone partito dalla Libia. Dall’inizio dall’anno sono 410 i migranti morti annegati, 340 i bambini deceduti da settembre ad oggi

Associazioni e coop: una proposta di legge contro la povertà 

I paesi europei prevedono in forme diverse misure di sostegno al reddito, uniche eccezioni Grecia, Ungheria e Italia, dove il governo Berlusconi prosegue a tappe forzate verso la dismissione del welfare. Nel 2010 il Fondo Nazionale Politiche Sociali era di 374 milioni di euro, l’esecutivo a febbraio scorso aveva annunciato un taglio del 41% portandolo a 273 milioni, questa settimana informano dall’assessorato campano all’Assistenza sociale la cifra è scesa ulteriormente a 179 milioni di euro per il 2011.

A Verona le Giuliette ribelli contro il clima medioevale

Non solo 194. Almeno 5 mila al colorato corteo convocato da Non Una Di Meno contro i deliri antiabortisti in consiglio comunale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment