Dopo otto anni la Germania lo rimpatria, afgano di 23 anni si suicida

Dopo otto anni la Germania lo rimpatria, afgano di 23 anni si suicida

Lo hanno trovato appeso al soffitto della sua stanza nel “rifugio temporaneo” dentro l’hotel «Spinsar» di Kabul. Era stato rimpatriato dalla Germania dopo che la sua domanda di asilo era stata respinta in via definitiva dal Tribunale di Amburgo, dove viveva da 8 anni.
Così un afgano di 23 anni, ha scelto di sfuggire al destino scritto da chi ha scelto di farlo ritornare nel suo «Paese sicuro».

Per il ministro dell’Interno Seehofer «si tratta di un incidente profondamente deplorevole», mentre la stampa conservatrice evoca «il passato criminale» del giovane. In ogni caso, si tratta della prima vittima certificata delle deportazioni iniziate con l’insediamento del leader Csu agli Interni.

Sul volo che ha espulso il giovane suicida risultavano 69 afgani. Numero sintomatico per Seehofer, che ieri ha voluto sottolineare così l’inquietante parallelismo: «Proprio nel mio sessantanovesimo compleanno sono stati rimpatriate 69 persone…».

FONTE: Sebastiano Canetta, IL MANIFESTO



Related Articles

Festival di Venezia: “disumana e pericolosa la paura dei migranti”

  L’etiope Timnit T interprete di Terraferma – Foto: Piucinema.it

I migranti, fino ad ora protagonisti di pericolosi viaggi della speranza e degli allarmismi della politica al punto da mettere in discussione nei mesi scorsi anche gli accordi di Scenghen, “sbarcano” in questi giorni non solo a Lampedusa, ma anche alla 68° Mostra del Cinema di Venezia. Lo fanno sia in alcune pellicole che in modo differente raccontano il dramma dell’immigrazione e i limiti di chi ne vede solo i lati negativi, che con un appello lanciato da registi, autori, produttori e attori all’opinione pubblica ed alle istituzioni: “Per contribuire con la nostra voce, oltre che con i nostri racconti – ci ha spiegato il regista Andrea Segre primo firmatario dell’appello – alla costruzione di una società  meno soggetta a chiusure e derive xenofobe”.

Russia: “Free Pussy Riot”

  Bob Geldof in posa per la libertà delle Pussy Riot – Foto: Facebook.com

Il 24 e 25 luglio scorsi Maria Alekhina e Nadezhda Tolokonnikova si sono viste rifiutare la domanda di scarcerazione anticipata durante quella che Amnesty International ha definito “un’ulteriore conferma della sempre più ampia soppressione del libero pensiero in Russia”.? Maria e Nadezhda erano state accusate, insieme a Ekaterina Samutsevich, di “vandalismo per motivi di odio religioso”, dopo aver cantato col loro gruppo, la punk band femminista Pussy Riot, un brano di protesta nella principale cattedrale ortodossa di Mosca, nel febbraio 2012.

La Pantera Nera morirà  in cella niente boia per Mumia Abu Jamal

Usa, svolta per il detenuto simbolo della lotta alla pena di morte.   Dopo 30 anni di carcere, ha saputo che la sua vita sarà  risparmiata dal pubblico ministero. Per l’accusa uccise un agente nel 1981 Ma le prove sono sempre state contraddittorie 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment