Dopo otto anni la Germania lo rimpatria, afgano di 23 anni si suicida

Dopo otto anni la Germania lo rimpatria, afgano di 23 anni si suicida

Lo hanno trovato appeso al soffitto della sua stanza nel “rifugio temporaneo” dentro l’hotel «Spinsar» di Kabul. Era stato rimpatriato dalla Germania dopo che la sua domanda di asilo era stata respinta in via definitiva dal Tribunale di Amburgo, dove viveva da 8 anni.
Così un afgano di 23 anni, ha scelto di sfuggire al destino scritto da chi ha scelto di farlo ritornare nel suo «Paese sicuro».

Per il ministro dell’Interno Seehofer «si tratta di un incidente profondamente deplorevole», mentre la stampa conservatrice evoca «il passato criminale» del giovane. In ogni caso, si tratta della prima vittima certificata delle deportazioni iniziate con l’insediamento del leader Csu agli Interni.

Sul volo che ha espulso il giovane suicida risultavano 69 afgani. Numero sintomatico per Seehofer, che ieri ha voluto sottolineare così l’inquietante parallelismo: «Proprio nel mio sessantanovesimo compleanno sono stati rimpatriate 69 persone…».

FONTE: Sebastiano Canetta, IL MANIFESTO



Related Articles

Femminicidio di stato a Tulum, in Messico uccise 10 donne ogni giorno

Messico. Donne vittime sia di criminali che della polizia, i dati del Paese restano da brivido. Uso eccessivo della forza, detenzioni illegali e abusi di genere contro chi protesta: forze di sicurezza sotto accusa anche da parte di Amnesty

Dopo la guerra, esecuzioni e processi sommari: così ci si sbarazza delle «donne dell’Isis»

Il duro prezzo pagato dalle mogli dei miliziani islamisti nei tribunali di Iraq e Siria del nord. Almeno 4.500 le donne arrivate da tutto il mondo. I Paesi di origine accolgono solo i figli

Uccisa davanti al figlio. Così muore Miros in Messico una reporter

Indagava su narcos e politici, minacciata da tempo. Tre giornalisti uccisi in un mese

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment