Il bispensiero del «Decreto dignità 2.0», da oggi sindacati in piazza contro i voucher

Il bispensiero del «Decreto dignità 2.0», da oggi sindacati in piazza contro i voucher

Nel decreto dignità George Orwell avrebbe riconosciuto un esempio di «bipensiero»: la capacità di affermare qualcosa e il suo opposto. Il «decreto dignità 2.0» contiene una stretta sui contratti a termine, rivendicata ieri il ministro del lavoro Luigi Di Maio nel corso della discussione generale alla Camera sul provvedimento che sarà votato giovedì 2 agosto. Il ritorno della causale dopo 12 mesi; il taglio di rinnovi (da 5 a 4) e durata (da 36 a 24); l’obbligo all’assunzione in caso di mancata comunicazione della causale; le norme sulla somministrazione possono essere intesi come una «lotta contro la precarietà». Lo stesso decreto contiene però la precarizzazione del lavoro stagionale in agricoltura e nel turismo perché estende l’uso dei voucher. Da oggi fino a giovedì i sindacati dei lavoratori dell’agroindustria Flai Cgil, Fai Cisl e Uila-Uil (dal 1 agosto quelli del commercio e del turismo Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil) torneranno a protestare a piazza Montecitorio. Per loro il «decreto Di Maio» è una «schifezza» e «una vergogna».

Lo schema del bipensiero può portare un sollievo a chi è sensibile alla sceneggiata delle imprese contro la «rigidità» del mercato che sarebbe causata dall’aumento contributivo dello 0,5% aggiuntivo rispetto all’1,4% previsto dalla legge Fornero previsto dal rinnovo dei contratti. Per questo è stata introdotta la proroga al 2019 e al 2020 degli incentivi alle imprese per le assunzioni stabili e il periodo transitorio fino al 31 ottobre prima dell’entrata in vigore delle nuove regole. Misure per cercare di neutralizzare il turn-over dei precari. Stanziati 300 milioni fino al 2021 coperti con l’aumento delle tasse sui giochi d’azzardo. Da punti di vista opposti, nel quadro di un equilibrismo neocorporativo tra imprese e lavoratori, nel decreto «simbolico» i contraenti del «contratto di governo» continueranno a trovare motivi opposti per essere critici e soddisfatti.

Di Maio è tornato a denunciare «le lobby». «Il decreto non è il male assoluto – ha detto – è stranissimo che lo si combatti. Il 4 marzo i cittadini ci hanno chiesto di licenziare il Jobs Act e noi lo faremo». Reintroduzione della causale a parte – elemento che più innervosisce le imprese – è difficile vedere un «licenziamento» del Jobs Act. Di Maio avrebbe potuto ripristinare l’articolo 18, la causale dal primo contratto a termine, rivedere le norme sul «contratto a tutele crescenti». Ha invece alzato gli indennizzi nei casi di licenziamenti individuali illegittimi. Allo stesso tempo il vicepremier non si è soffermato sulla contraddizione dei voucher che rende meno credibile la «lotta contro la precarietà». Resta forte la denuncia contro le fake news «che hanno terrorizzato la classe imprenditoriale». L’allusione è alla tabella Inps degli 8 mila contratti in meno causati dal decreto: stima tra l’altro prudente e variabile. Di Maio trascura invece le «fake news» sui voucher: i colleghi del suo governo hanno sostenuto che sono «reintrodotti» con il decreto. In realtà esistono. Sono limitati, mentre ora ci sono i contratti di prestazione occasionale che garantiscono un minimo di tutele.

Un caso di bipensiero sembra quello dei diplomati magistrali che denunciano il rischio di licenziamento a giugno 2019. Ieri il presidente della Camera Roberto Fico (M5S) li ha ricevuti: «Non vi fate fagocitare dalla Lega» gli hanno chiesto. Fico ha promesso di interessare il ministro dell’istruzione Bussetti. Pd, Forza Italia e LeU hanno presentato 450 emendamenti, la Lega quattro, tra cui uno sugli incentivi per le imprese che assumono over 35. E si pensa di modificare le causali, spostandole da 12 a 18 mesi. Un significativo contributo per rasserenare l’offensiva delle rappresentanze d’impresa del Nord Est che hanno scatenato l’offensiva contro la Lega in questi giorni. I cinque Stelle dicono di essere soddisfatti per gli emendamenti approvati in commissione. «Si possono votare entro giovedì – ha detto Di Maio – Ma se si usano per l’ostruzionismo allora non c’è volontà di rispettare gli accordi». E sarà messa la fiducia.

* Fonte: Roberto Ciccarelli , IL MANIFESTO



Related Articles

Ecco perché Pirelli è finita nella «scatola cinese»

Pirelli. Con l’acquisizione della società di Tronchetti Provera da parte di ChemChina finisce all’estero un altro pezzo della grande industria italiana. E’ l’esito di un lento declino cominciato ai tempi di Cuccia con le discutibili operazioni di Mediobanca.

Fiat prepara un piano in due mosse cassa integrazione prima, poi i modelli

TORINO – Sergio Marchionne anticiperà  domani a Mario Monti alcuni punti del nuovo piano per le fabbriche italiane. Il progetto completo sul futuro della Fiat verrà  illustrato, come previsto, il 30 ottobre al termine del cda del Lingotto. Ma già  nelle prossime ore, in occasione del vertice a Palazzo Chigi, si dovrebbero capire alcune caratteristiche del progetto destinato a sostituire Fabbrica Italia.

“Sì al fondo per le primavere arabe” il G8 appoggia la Casa Bianca

“Mediazione russa sulla Libia”. Piano di sicurezza per il nucleare. “Gheddafi deve andare via”. Sul tavolo nuove sanzioni contro Assad, Mosca frena

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment