L’Italia fuori dalla «top ten» europea dell’industria

L’Italia fuori dalla «top ten» europea dell’industria

I nostri grandi gruppi industriali tornano a crescere ma l’Italia è «fuori» dal campionato europeo della manifattura: nessun big con sede nel nostro Paese quotato in Borsa è presente fra i primi 10 primi player continentali. Exor in questa classifica è terza (era sesta nel 2003) ma ha quartier generale in Olanda e per trovare la prima italiana si deve scendere al 64esimo posto con Leonardo. E c’è solo una nostra «squadra» che può scendere in campo nella Champions League: la manifattura privata, che cresce più dei big degli altri Paesi, privi o quasi di industria pubblica. Debolezze e punti di forza dell’impresa-Italia, seconda manifattura d’Europa, sono delineate nella 43esima edizione dell’Annuario R&S, realizzato dall’Area studi Mediobanca.

Dal confronto con l’Europa, appunto, la manifattura italiana esce con le ossa rotte. I ricavi dei 10 primi big player pesano sul Pil del proprio Paese per il 24,6% in Germania, il 15,7% in Germania, l’8,3% in Gran Bretagna e il 5,2% in Italia. Ogni mille persone attive, in uno dei più grandi gruppi manifatturieri ne lavorano 20 in Germania, 13 in Francia e 5 in Italia. Cinque sui 10 big europei hanno sede in Germania. I primi tre grandi, Volkswagen, Daimler e Bmw, fatturano da soli più dei primi 10 big italiani complessivamente. I top 10 tedeschi valgono come giro d’affari la metà del Pil del nostro Paese e capitalizzano quanto Piazza Affari. Chi guida la classifica dei ricavi dei nostri top 10 della manifattura, Fca Italy, sarebbe nona in Germania , seconda in Gran Bretagna e sesta in Francia. E l’Italia è ultima in classifica per crescita del giro d’affari: dal 2013 al 2017 i top 10 tedeschi (primi) hanno aumentato il fatturato del 19,5% mentre in Italia (ultimi) l’incremento è stato del 10,7%, frutto di una forbice: nei big pubblici il fatturato è sceso del 17%, mentre in quelli privati ha registrato un aumento record del 34,5%. A guidare la graduatoria per variazione nel periodo indicato del giro d’affari è Fca Italy con il 68,1% (senza la quale i privati sarebbero cresciuti del 12,7%), seguita dalla pubblica Fincantieri con il 31,5%. Ultimo il nostro Paese è pure in termini di investimenti, dove i top 10 tedeschi sono primi per 426 miliardi e i «nostri» chiudono la fila con 18, e per utili: i profitti cumulati nel 2013-2017 dai top 10 sono stati in Germania 210 miliardi, in Gran Bretagna 142, in Francia 119 e in Italia 5.

Dentro ai nostri confini, i primi 42 gruppi industriali italiani hanno registrato nel 2017 per la prima volta dopo tre anni una ripresa del 6,6% del giro d’affari complessivo, che vale 370 miliardi. Alla crescita, trainata soprattutto all’export, ha contribuito anche il settore energetico (più 11,3% sul 2016) grazie alla risalita del greggio. Oltre un terzo dell’aggregato fa capo a Enel ed Eni, rispettivamente al primo e secondo posto nella graduatoria dei 42 big player italiani. Seguono Poste e Fca Italy. Dal 2003 al 2017 i 42 gruppi con sede in Italia hanno cumulato utili per 46 miliardi, dei quali oltre un quarto realizzati dall’Enel (12,3 miliardi) che si conferma «campione» di profitti. E hanno reso dividendi per 51,3 miliardi, con capofila è Eni con 16,71 miliardi, seguita da Enel con 8,5. Lo Stato ha incassato 11,2 miliardi.

* FONTE: Sergio Bocconi, CORRIERE DELLA SERA



Related Articles

“Occupy Wall Street”


Qualunque cosa pensiate delle proteste di Occupy Wall Street, voi allenati alle news dall’economia globale, dovete ammettere che la cosa comincia a fare un certo effetto. Le massicce manifestazioni a New York, il gruppo di hacker Anonymous, i violenti pestaggi della polizia con arresti di massa, i camion WikiLeaks mentre il movimento arriva anche da noi con manifestazioni a Roma contro la Banca d’Italia, sono forse la facciata “mediatica” della faccenda. Ammesso che il tutto sperabilmente non degeneri in violenza il messaggio pero’ e’ gia’ gravido di serie conseguenze collaterali in quanto sintomo di un fenomeno non piu’ occultabile: il capitalismo e’ nel pieno della sua piu’ pericolosa e patologica involuzione. 

“Insorgiamo per il futuro”, studenti in corteo con gli operai Gkn

In lotta per i diritti . Dietro lo striscione “Insorgiamo per il futuro”, più di un migliaio di studenti e lavoratori manifestano a Firenze, anche in solidarietà con gli operai Gkn.

Licenziare in Italia è troppo facile

La liberalizzazione più urgente? Democrazia nella rappresentanza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment