Per Facebook perdita record di 110 miliardi di dollari

Per Facebook perdita record di 110 miliardi di dollari

Facebook ha perso più di 110 miliardi di dollari di valore di mercato a seguito dell’annuncio della perdita di tre milioni di utenti in Europa, da 282 a 279 milioni, dopo lo scandalo Cambridge Analytica che ha provocato la violazione di 87 milioni di profili, di cui uno in Gran Bretagna e 240 mila in Italia. La violazione dei dati è costata 16 miliardi di dollari al fondatore Mark Zuckerberg. Una perdita, in fondo, ancora modesta, dato che il suo patrimonio è stato calcolato in 87 miliardi di dollari, ora sono 70.

È uno dei più grandi cali mai registrati in un solo giorno nel valore di mercato di un’azienda. Il precedente crollo record è stato quando Intel ha perso 91 miliardi di dollari in un solo giorno nel Duemila.

«I nostri tassi di crescita dei ricavi totali continueranno a rallentare nella seconda metà del 2018 e prevediamo che i nostri tassi di crescita dei ricavi diminuiranno ancora nel terzo e nel quarto trimestre – ha detto David Wehner, Chief Financial Officer di Facebook – Guardando oltre il 2018, prevediamo che la crescita totale delle spese supererà la crescita dei ricavi nel 2019. La decisione di dare ai propri utenti più scelte sulla privacy dei dati a seguito dello scandalo di Cambridge Analytica potrebbe avere un impatto sulla nostra crescita dei ricavi».

* Fonte: Roberto Ciccarelli, IL MANIFESTO



Related Articles

Le promesse mancate di Di Maio, serve ripristinare la cassa integrazione tolta dal Jobs act

Ammortizzatori Sociali. Il ritorno della causale per cessazione non basta: serve allungare i termini. A rischio i lavoratori Fca, Whirlpool e Electrolux

LO STIMOLO ALLA RIPRESA

Il rapporto sull’andamento dell’occupazione reso noto venerdì scorso non era poi malaccio. Ma tenuto conto di quanto continua a essere depressa la nostra economia, ogni mese dovremmo in realtà creare oltre 300mila nuovi posti di lavoro, non meno di 200mila. Come fa notare l’Economic Policy Institute, di questo passo serviranno oltre cinque anni di crescita dei posti di lavoro per ritornare ai livelli di disoccupazione anteriori alla Grande Recessione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment