Denunciò pestaggio, detenuto morto nel carcere di Viterbo

Denunciò pestaggio, detenuto morto nel carcere di Viterbo

Aveva denunciato di aver subito violenze e aveva paura di morire: lo aveva confidato ad una delegazione del Garante regionale dei detenuti del Lazio andata in visita nel carcere Mammagialla di Viterbo dove era recluso. Le sue dichiarazioni vennero poi riportate, insieme alle denunce di altri detenuti, in un esposto inviato dal Garante alla Procura viterbese il 5 giugno scorso. Eppure Hassan Sharaf, un detenuto egiziano di 21 anni che avrebbe finito di scontare la pena il 9 settembre, il 23 luglio scorso è stato trovato impiccato nella cella di isolamento dove era stato trasferito da appena due ore. Entrato in coma, è morto il 30 luglio nell’ospedale locale di Belcolle. Suicida, secondo le autorità penitenziarie.

A darne notizia è stato lo stesso Garante, Stefano Anastasia, che di Hassan si era già occupato in passato: «Alla nostra delegazione che lo incontrò il 21 marzo scorso – ricorda Anastasia – Sharaf mostrò alcuni segni rossi su entrambe le gambe e dei tagli sul petto che, secondo il suo racconto, gli sarebbero stati provocati da alcuni agenti di polizia che lo avrebbero picchiato il giorno prima».

È il terzo detenuto morto dall’inizio dell’anno nella casa circondariale di Viterbo, il secondo suicida in cella d’isolamento, «segno – è il commento di Patrizio Gonnella – di un malessere diffuso le cui cause devono essere portate pienamente alla luce». Nel caso specifico, sul quale indaga la procura, il presidente di Antigone chiede anche di chiarire «se corrisponda a realtà quanto starebbe emergendo, ovvero che il 21enne fosse in carcere per un reato commesso da minorenne. Se così fosse avrebbe dovuto essere recluso presso un Istituto di pena per minorenni. Anche in questo caso – conclude Gonnella – andrebbe quindi accertato cosa è accaduto».

Secondo quanto riportato da Anastasia, infatti, Hassan Sharaf nell’aprile scorso aveva finito di scontare la pena per un reato commesso da adulto ma avrebbe dovuto trascorrere ancora 4 mesi in carcere per un fatto risalente a quando era minorenne. Per questo residuo di pena, avendo meno di 25 anni, la norma prevede che avrebbe potuto essere trasferito in un istituto per minorenni, a discrezione del magistrato di sorveglianza e del giudice dell’esecuzione minorile, che devono essere avvisati dalla direzione penitenziaria. Cosa che, in questo caso, rimane da accertare sia mai avvenuta.

* Fonte: Eleonora Martini, IL MANIFESTO



Related Articles

Il limbo infinito delle non-sentenze

Politica e giustizia, alle nostre latitudini, sono come cane e gatto. Litigano su tutto, perfino sull’esistenza stessa del litigio.
C’è una caratteristica, però, che accomuna entrambi i contendenti: l’incapacità  d’assumere qualsivoglia decisione.

A Roma «In marcia per l’amnistia, ma anche per l’antiproibizionismo»

Intervista. Parla Riccardo Magi, segretario di Radicali Italiani: «A rischio, per colpa della burocrazia, le 60 mila firme raccolte a sostegno della legge per la legalizzazione della cannabis»

Misure cautelari per 13 persone tra studenti e csoa Askatasuna

Torino /ARRESTI E DOMICILIARI PER LE PROTESTE DEL 1 MAGGIO.
Lo scorso primo maggio, a Torino, non è stato uno dei tanti. Non che i precedenti fossero esenti da proteste, ma quello di quest’anno ha rivelato ai più il termometro sociale della città , i malumori e le tensioni latenti. Al centro, una contestazione nei confronti del sindaco, Piero Fassino, che ha incassato un malcontento di piazza difficilmente circoscrivibile (dai precari alle maestre, dai disoccupati agli studenti fino ai No Tav).

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment