I 360 troll contro Mattarella nel mirino dell’intelligence

I 360 troll contro Mattarella nel mirino dell’intelligence

Un anno fa i direttori di Aisi e Aise si erano seduti davanti al Copasir per spiegare che non c’era alcuna evidenza che hacker stranieri avessero influenzato le tornata elettorale referendaria. E niente che facesse pensare a movimenti che si stessero organizzando in vista delle politiche. Oggi il direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza ( Dis), Alessandro Pansa, si siederà al Copasir – in un’audizione già prevista – per rispondere alla stessa domanda. Dando, probabilmente, una risposta non troppo diversa. Dai dati fin qui in possesso della nostra intelligence, sembra che la twitter storm #mattarelladimettiti sia stata alimentata – nella notte del 27 maggio quando il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, disse no a Paolo Savona come ministro dell’Economia allontanando la prima nascita del governo Conte – da almeno 360 profili fake. Profili creati in Italia, seppur facendoli rimbalzare su piattaforme estoni. Chi aveva interesse e il know how per farlo? Una traccia esiste. E la Polizia postale, che depositerà una informativa alla Procura di Roma nei prossimi giorni come chiesto loro dal procuratore Giuseppe Pignatone, la sta battendo. Certo a muovere le fila è stato chi aveva interesse a creare instabilità attorno al presidente Mattarella nella notte in cui l’attuale vice premier Luigi Di Maio e alti esponenti del Movimento 5 Stelle intervennero in televisione ( durante Che tempo che Fa) e sul palco di Fiumicino, in un comizio per le amministrative, gridando all’impeachment. Ma non è detto che i responsabili siano direttamente legati alla politica. «Qualcosa di simile accadde anche a me e Unicef sul tema dello ius soli » ha scritto ieri su twitter il portavoce di Unicef Andrea Iacomini.

Migranti, terrorismo sono i temi cari alla propaganda populista che arriva dalla Russia ma, al momento, sulla vicenda Mattarella sembra esclusa l’interferenza straniera. Diverso quanto accaduto con l’Internet Research Agency ( Ira), l’agenzia di San Pietroburgo legata agli apparati del presidente Putin, nata per condizionare attraverso i social l’opinione pubblica occidentale e che ha lavorato anche in Italia. Grazie all’inchiesta dell’Fbi sul Russiagate si è scoperto che Ira aveva una cinquantina di profili attivi in lingua italiana che hanno prodotto 18.254 tweet in circa due anni. La maggior parte di questi profili è stata disattivata tra la fine del 2017 e i primi mesi del 2018, ben prima cioè della tweet storm contro il presidente della Repubblica. Tra i più citati ci sono il Partito democratico (711 volte) e tra i leader l’allora segretario e presidente del consiglio, Matteo Renzi (385). Qualcosa è accaduto e sta avvenendo anche su Facebook: ci sono profili fake che sono addirittura arrivati a inventare eventi ( per esempio una manifestazione anti Trump a Roma) e alcuni post di pagine legate a simpatizzanti del Movimento 5 Stelle e Lega ( e in alcuni casi anche al Pd) che hanno un rapporto anomalo tra condivisioni e like.
Renzi ha fatto sapere « di avere molto da raccontare». Ed è possibile che davanti al presidente Lorenzo Guerini molti parlamentari chiedano oggi a Pansa cosa è successo. E soprattutto perché.

* Fonte: Giuliano Foschini e Fabio Tonacci, LA REPUBBLICA



Related Articles

Nomine e affari, Bisignani parla della Santanché

 Verifiche dei pm di Napoli sulle società  del sottosegretario. Sentito anche Tavaroli

Come il guru ha perso il tocco magico

GRILLO. Se il tempo della finanza in età globale è il nanosecondo, quella della politica postmoderna in chiave nostrana potrebbe essere tre mesi; quanto separa le elezioni politiche di questo febbraio dalle amministrative di maggio. La sequenza in cui si è consumata – dall’ascesa alla caduta – l’avventura di Beppe Grillo quale alfiere dell’altrapolitica.

Tutta colpa di Pisapia

A sette giorni dal ballottaggio, si rivede Berlusconi in tv ma la destra non sa far altro che evocare scenari apocalittici che fanno ridere mezza città . Ancora storditi dalla batosta, i berluscones continuano a brancolare nel buio. Promettono di tutto di più e accusano la sinistra di qualunque nefandezza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment