Le crude cifre dell’Ocse: l’economia italiana arranca

Economia. L’unico paese del G7 che vede un rallentamento della crescita nel secondo trimestre

Bruno Perini * • 28/8/2018 • Lavoro, economia & finanza, Lavoro, economia & finanza nel mondo, Studi, Rapporti & Statistiche • 301 Viste

Prima le grigie previsioni di Moody’s poi le crude cifre dell’Ocse: l’Italia non riesce a decollare, anzi arranca. E questo ha un effetto immediato sui redditi e sui consumi. E’ vero che lo spread ieri è sceso a 273 punti dai 280 di venerdì, ma l’instabilità e l’incertezza tra gli investitori rimangono a causa anche nelle nebbie che si intravedono nei rapporti politici tra Italia e Bruxelles. E’ con questo quadro macroeconomico che il ministro Giovanni Tria, attualmente in Cina, dovrà fare i conti. La speculazione infatti non arretra: è in uno stato di tregua armata.
Ma vediamo che cosa ci dicono gli analisti dell’Ocse.

L’ITALIA È L’UNICO PAESE del G7 che nel secondo trimestre dell’anno ha registrato un rallentamento della crescita. Tra aprile e giugno 2018 la crescita dell’area è stata dello 0,6% contro lo 0,5% del primo trimestre. L’accelerazione si è sentita negli Usa, con un balzo dallo 0,5% all’1%, in Giappone (+0,5% da -0,2%), in Germania (+0,5% da 0,4%) e nel Regno Unito (+0,4% da +0,2%). Il Pil è stato stabile in Francia (+0,2%), mentre in Italia ha rallentato da +0,3% a +0,2%. Il dato del Canada non è ancora disponibile.

La crescita del Pil, evidenzia ancora l’Ocse, è rimasta stabile allo 0,4% sia nella Ue che nell’eurozona. Su base annua, l’economia nell’area dell’organizzazione ha rallentato marginalmente, passando dalla crescita del 2,6% del primo trimestre a +2,5% del secondo trimestre (rispetto allo stesso periodo del 2017). Tra i Paesi del G7, gli Stati Uniti hanno segnato un picco di +2,8%, mentre per il Giappone la crescita è stata la più bassa su base annua, pari a +1,0%. Se si guarda più da vicino l’economia italiana il quadro è ancora peggiore.

NEL PRIMO TRIMESTRE del 2018 i redditi reali procapite delle famiglie nell’area Ocse sono saliti dello 0,7%, ma non in Italia, dove scendono dello 0,2%. «Un fatto gravissimo, che denunciamo da anni. Urge una politica dei redditi. Non è possibile che tutto, dalle multe per le violazioni al Codice della strada alle tariffe dell’acqua, sia adeguato all’inflazione, tranne gli stipendi. In questi anni di privatizzazioni, ma non di liberalizzazioni, tutte le tariffe, dalla luce ai pedaggi autostradali, sono aumentate più dell’inflazione, mentre le retribuzioni sono rimaste al palo», afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori. Che punta il dito anche sui livelli contrattuali: «Dopo i rinnovi contrattuali e la fine del blocco degli stipendi dei dipendenti pubblici, fermi dal 2010, l’indice delle retribuzioni contrattuali orarie è aumentato del 2% su base annua, del 4,1% per quelli della pubblica amministrazione, ma siamo ben lontani dall’aver recuperato quanto i lavoratori hanno perso in questi anni di crisi e di mancati rinnovi, come attestano i dati Ocse».

STIME DI CRESCITA MENO buone delle attese, agenzie di rating che alla fine di agosto potrebbero trasformare i nostri Btp in carta straccia, Bruxelles che rimanda al mittente la sfida all’ok korral lanciata dal governo Conte-Di Maio-Salvini, un programma di governo che appare ormai senza coperture: per il ministro dell’Economia Giovanni Tria si prepara un autunno di fuoco, appesantito dai recenti contrasti con l’Europa sull’immigrazione. E per reperire risorse il governo Lega-M5S pensa ad una riedizione della voluntary disclosure per regolarizzare il contante custodito all’estero, una sorta di scudo fiscale nuova versione già bocciata dagli esperti.
Sul fronte delle agenzie di rating, solo pochi giorni fa Moody’s ha tagliato le stime sul Pil italiano dall’1,5% all’1,2% per quest’anno e dall’1,2% all’1,1% per il 2019.

IL GIUDIZIO SUL RATING sovrano arriverà invece a fine ottobre. E cruciali per il quadro della crescita che si preannuncia ribassato rispetto alle attese, saranno le stime dei conti economici trimestrali (aprile-giugno) che l’Istat pubblicherà venerdì 31 agosto, e la Nota mensile sull’andamento dell’economia italiana per il mese di agosto del 7 settembre. Previsioni che saranno alla base del consueto confronto sulla congiuntura economica e sui conti di Tria con i colleghi europei all’Ecofin informale del 7 e 8 settembre a Vienna.

* Fonte: Bruno Perini, IL MANIFESTO

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This