Afghanistan, gli USA testano i nuovi caccia F35. Onu: «Sempre più vittime civili»

Afghanistan, gli USA testano i nuovi caccia F35. Onu: «Sempre più vittime civili»

Dal paese della guerra e della confusione infinita arrivano due notizie di segno opposto. La prima dice che funzionari del governo afghano e talebani si sono incontrati in Arabia saudita per discutere di uno scambio di prigionieri in cambio della garanzia che le elezioni previste in ottobre si possano svolgere pacificamente.

La notizia è anche che sarebbe stato il fallimento, forse temporaneo, di colloqui diretti tra americani e talebani a convincere parte della guerriglia a parlamentare con i «burattini» del governo di Kabul, come i talebani definiscono l’esecutivo di Ashraf Ghani.

L’altra notizia riguarda invece la conferma dell’arrivo in Afghanistan dell’ultima generazione di F-35 della Lockheed Martin: F-35B Lightning II, un aereo da combattimento in grado di decollare e atterrare anche in condizioni estreme.
Giovedì scorso, confermando le indiscrezioni del giorno prima fornite dalla Cnn, avrebbe compiuto il suo primo raid contro i talebani. Ovviamente vittorioso.

Nel paese della guerra e della confusione infatti la propaganda militare ostenta i successi della nuova politica di Trump: colpire dall’aria sempre di più costringendo i talebani al tavolo negoziale. Ma se il risultato sperato è quantomeno discutibile, l’opzione aerea è già in voga da tempo.

Con pessimi effetti. Alcune decine di civili sarebbero stati uccisi da recenti raid aerei congiunti afghano-americani su cui sta indagando la missione di assistenza delle Nazioni unite in Afghanistan (Unama) che sostiene come le vittime si debbano a errori commessi durante una caccia dal cielo dell’aviazione.

I militari chiamati in causa obiettano un vecchio refrain e cioè che fanno il possibile per non colpire i civili e che le morti denunciate non risultano. Ma Unama ricorda anche che gli attacchi aerei – triplicati nell’ultimo anno – avevano già ucciso 149 persone e ne avevano ferite oltre 200 nella prima metà del 2018, in crescita del 52% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Incuranti degli appelli umanitari, i militari fanno arrivare gli F-35B ma non senza polemiche. Il caccia è infatti nell’occhio del ciclone non solo in Italia: il Congresso statunitense aveva espresso dubbi su una macchina da guerra che continua a mostrare falle.

Forse i marine, e con loro l’industria bellica, devono aver pensato che si dovrà pur testare se l’ultima generazione di F-35 finalmente funziona. Cosa meglio di una guerra? I negoziati possono attendere.

* Fonte: Emanuele Giordana, IL MANIFESTO

photo: By Official U.S. Navy Page from United States of AmericaMC2 Irwin Phililp D. Sampaga/USS ESSEX/U.S. Navy (170819-N-XN518-294) [Public domain], via Wikimedia Commons



Related Articles

Le sfide della pace

Durante gli incontri di pedagogia degli Accordi dell’Avana che faccio alla mattina nella Zona Transitoria incontro persone e storie che mi colpiscono

Gli interessi nazionali e le ipocrisie

L’ intervento militare in Libia, da parte di una Comunità  internazionale «dimezzata» , solleva alcune domande di senso comune. Prima: perché si è intervenuti? Risposta: a seguito di una risoluzione del Consiglio di sicurezza dell’Onu proposta da Francia e Gran Bretagna e approvata con l’astensione di Russia, Cina, Germania, India e Brasile.

Il caso Belaid: traiettorie di un omicidio politico

  Chokri Belaid – Foto: lemonde.fr

L’atmosfera. “Se non c’è nulla di buono nell’antico, che venga il nuovo, benché cattivo. Qualunque cosa in luogo del nulla! La morte stessa è rinnovamento”. Sono parole di Naguib Mahfouz, letterato arabo insignito del premio Nobel nel 1988. Il romanzo da cui sono tratte ha un titolo tristemente significativo: “Il Giorno dell’Assassinio del Leader”.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment