Brasile al ballottaggio, col fiato sospeso aspettando l’improbabile virada

Brasile al ballottaggio, col fiato sospeso aspettando l’improbabile virada

Sono in tanti, tra i brasiliani che si recheranno oggi alle urne, a credere che alla fine la barbarie non avrà la meglio sulla civiltà: la virada, la svolta nelle intenzioni di voto, è in atto, ma tutto sta a vedere se sarà sufficiente. Gli ultimi sondaggi danno Bolsonaro ancora in vantaggio di 5-6 punti, ma a far sperare è il dato di São Paulo, dove Haddad ha effettuato il sorpasso sull’avversario, 51% a 49%: al primo turno era finita con il 44% dei voti a favore dell’ex capitano, contro appena il 19% del candidato del Pt.

SE IL BRASILE DEMOCRATICO trattiene il fiato, a far salire la tensione ci hanno pensato gli agenti della polizia federale e militare che il 25 e il 26 ottobre, su mandato (peraltro solo verbale) dei tribunali regionali elettorali, hanno invaso una trentina di università del paese, con l’obiettivo di sequestrare presunti materiali di propaganda a favore di Haddad e di interrogare e intimidire professori e studenti. Durissima la reazione dell’Ordine degli avvocati di Rio, che ha parlato di «un precedente preoccupante e pericoloso per la democrazia brasiliana», come pure di «un’indebita violazione dell’autonomia universitaria garantita dalla Carta costituzionale».

TANTO PIÙ CHE, NEL MIRINO della polizia, sono finiti anche manifesti e documenti non direttamente attinenti alla campagna elettorale e addirittura uno striscione in ricordo di Marielle Franco esposto nell’Università statale di Rio de Janeiro. E a rendere ancor più drammatico il quadro è stato il ritrovamento di un corpo con segni di arma da fuoco all’interno di un’automobile parcheggiata di fronte alla Facoltà di Diritto dell’Università federale di Rio de Janeiro, proprio mentre si svolgeva una lezione pubblica sulla lotta contro la dittatura.

EPPURE, NEL CASO in cui oggi il «Pinochet del Brasile» – come lo ha chiamato il leader dei senza terra João Pedro Stedile – abbia la meglio, si tratterebbe appena di un antipasto. Se l’ex capitano ha già avvisato che entrerà «con un lanciafiamme» nel Ministero dell’Educazione per cancellare ogni traccia del grande educatore Paulo Freire, il suo consulente per l’educazione Stavros Xanthopoylos ha annunciato il taglio dei fondi per le facoltà di scienze umane – le quali, a suo giudizio, in nulla contribuirebbero allo «sviluppo scientifico del paese» – e il generale Aléssio Ribeiro Souto, indicato come probabile ministro dell’educazione, ha espresso l’intenzione di operare una revisione dei programmi scolastici e delle bibliografie utilizzate per evitare che i bambini siano esposti a «ideologie e contenuti inappropriati», invitando i professori a dire la «verità» sul «regime del 1964», per esempio dando conto delle morti «da entrambi i lati».

SE IN CAMPO EDUCATIVO la situazione si annuncia drammatica, sul fronte ambientale è notte fonda. Per quanto negli ultimi giorni il candidato di estrema destra abbia in parte ridimensionato due delle proposte più contestate – l’uscita del Brasile dall’Accordo di Parigi sul cambiamento climatico e la fusione dei ministeri dell’Agricoltura e dell’Ambiente – le sue dichiarazioni hanno fatto gridare a una vera «bolsocalipse» ambientale.

Gli obiettivi di Bolsonaro sono chiari: indiscriminato sfruttamento dell’Amazzonia e sostegno incondizionato all’agrobusiness, allentando controlli e multe e trasformando aree protette e terre indigene in pascoli per l’allevamento del bestiame, latifondi di soia e miniere.

UN PROGRAMMA riassunto dalla dichiarazione del presidente della Unione democratica ruralista (una sorta di braccio armato dei latifondisti) Nabhan Garcia, uno dei nomi più quotati per occupare la carica di ministro dell’Agricoltura: «Se un qualunque produttore rurale vuole comprare mille ettari di terra, non può disboscare perché loro parlano di “deforestazione zero”? È un’assurdità». A farne le spese saranno i popoli indigeni – «Nemmeno un centimetro quadrato in più agli indios», ha garantito Bolsonaro – e i senza terra, che il candidato neofascista si è già impegnato a trattare come terroristi. Oltre naturalmente all’Amazzonia, il cui destino, se la deforestazione oltrepasserà il 25% (oggi è al 19%), sarà, secondo gli scienziati, quello di trasformarsi in una savana.

* Fonte: Claudia Fanti, IL MANIFESTO



Related Articles

Elezioni americane: il fattore ispanico

I latinos voteranno tutti per Obama? – Foto: thegrio.com

Un boom demografico: cosi è stata definita la crescita del gruppo dei Latinos rispetto al complesso della popolazione statunitense dal Census Bureau. Secondo i dati del Censimento 2010, infatti, gli ispanici, costituiscono il 16,3% della popolazione statunitense, superando ormai i 50 milioni di unità  e mostrando un aumento del 43% rispetto alla rilevazione precedente, quella del 2000. Si tratta di una crescita rapidissima, un vero e proprio boom demografico per l’appunto. Se questo trend di crescita rimanesse invariato, entro il 2050 gli ispanici arriverebbero a rappresentare oltre un terzo della popolazione statunitense. Già  oggi, nel frattempo, un abitante su sei è di origine latina.

Myanmar, un militare al potere dopo le dimissioni del presidente

Il presidente del Myanmar, il settantaduenne U Htin Kyaw, il primo capo dello Stato civile dopo la lunga parentesi militare iniziata nel 1962, si è dimesso

Netanyahu alla partita della vita Ma ex generali e 007 lo scaricano

Gli analisti avvertono che la partita non è chiusa, ricordano il 1996 quando il laburista Shimon Peres era in vantaggio nei sondaggi e alla fine perse proprio contro Netanyahu

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment