Al Congresso di Milano Landini unisce la Cgil: «Impariamo a volerci bene»

Al Congresso di Milano Landini unisce la Cgil: «Impariamo a volerci bene»

Dopo il rischio spaccatura, il “candidato” segretario di Camusso riceve la standing ovation della platea: «La Cgil è collettiva o non è, abbiamo bisogno dell’intelligenza di tutti»

«Questo congresso è sfortunato perché arriva dopo il direttivo di sabato». Il momento della Cgil era sintetizzato dalla battuta del segretario dei pensionati dello Spi di Milano Sergio Perino. E invece nella città di Susanna Camusso (presente in sala), proponendo come segretario quel Massimo Bonini che sabato aveva sottoscritto il documento dell’area pro-Colla, Maurizio Landini ha conquistato la platea della camera del lavoro più antica e importante d’Italia, ricostruendo quell’unità che pareva a rischio.

Dopo l’intervista-appello di Sergio Cofferati di ieri al manifesto, il clima in Cgil sembra improvvisamente migliorato. E ieri Landini nel suo intervento – terminato con una «standing ovation» – ha per la prima volta parlato in pubblico dell’indicazione ricevuta da Camusso nella segreteria di ormai tre settimane fa. «L’unità della Cgil c’è, non la dobbiamo costruire: è nel 98 per cento dei voti al documento “Il lavoro è” che è merito di tutti e che prevedeva un percorso fatto insieme, compresa la proposta fatta da Susanna che non riguarda solo una proposta nominativa ma è più complessiva a partire dalla contrattazione inclusiva e dalla necessità di cambiare in un processo di continuità».

Sulla nomina Landini spiega: «La Cgil mi ha insegnato a comportarmi in un certo modo, non mi sono mai candidato a nulla. Quando la segretaria generale ci ha informati sono stato felice cinque minuti ma poi non vi nascondo che la notte non ho dormito», racconta tra le risate.

Poi arriva l’invito a tutti: «La Cgil è collettiva o non è, abbiamo bisogno dell’intelligenza di tutti, di mescolarci: è questa la nostra forza». Poi ha concluso citando una frase della stessa Camusso: «All’assemblea nazionale delle donne ha detto una cosa rivolta a tutta l’organizzazione che noi uomini facciamo fatica a fare: “Imparare a volersi bene”. Mi ha fatto pensare che non ci sono cose personali che vengono prima dell’interesse della Cgil, sapendoci dire la verità. Sono sicuro che siamo persone intelligenti e se ci vogliamo bene saremo in grado di fare un grande congresso e dare un messaggio a tutto il paese», ha concluso.

Il congresso di Milano si è chiuso con la conferma del giovane Massimo Bonini, votato da tutti (114 voti a favore, 10 contrari, 9 astenuti e tre schede nulle): l’abbraccio con Landini e Camusso pare un buon viatico per una ricomposizione. Il direttivo di domenica 11 novembre dovrebbe suggellarlo.

* Fonte: Massimo Franchi, IL MANIFESTO



Related Articles

Cosa prevede il nuovo programma indiano sui sussidi alimentari?

Il 3 settembre 2013 il parlamento indiano ha approvato il National food security bill, un piano alimentare che dovrebbe coinvolgere 800 milioni di persone. Adesso manca solo la firma del presidente Pranab Mukherjee perché la proposta diventi legge. In cosa consiste il piano e com’è giudicato?

“Ora garanzie da Marchionne e Monti, il Paese ha bisogno d’investimenti”

Maurizio Landini, segretario Fiom: gli operai del Lingotto e di Fincantieri pagano l’assenza di una politica industriale. Fatto da persone rispettabili, ma è in continuità  con Berlusconi, pagano sempre gli stessi. In diecimila chiedono l’abolizione dell’intesa sull’auto. Spero che si faccia un referendum senza ricatti dalla Fiat. E’ un paradosso: l’Ue finanzia il rinnovamento delle flotte e noi chiudiamo il settore dove siamo leader

Corsa per il decreto già  oggi Due prelievi di «solidarietà »

Sugli stipendi oltre i 90 mila euro e le aliquote Irpef dal 41% in su

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment