Allarme recessione nell’Unione europea, rallenta anche la locomotiva tedesca

Allarme recessione nell’Unione europea, rallenta anche la locomotiva tedesca

BERLINO. Cala la produzione in Francia, Spagna e Gran Bretagna, ma rallenta la sua corsa anche la “locomotiva” tedesca costretta a correggere al ribasso le previsioni per il 2019. Gli istituti di statistica nazionali certificano la crisi dell’industria europea conclamata da numeri incontrovertibili.

A Parigi l’Insee restituisce il crollo dell’indice dello scorso novembre (meno 1,3% rispetto al 2017) smentendo le rosee previsioni del governo Macron che si attendeva una performance invariata. A Madrid la produzione industriale fa registrare cifre perfino peggiori: meno 2,6% è il preoccupante risultato delle fabbriche iberiche degli ultimi dodici mesi. Mentre a Londra la corsa verso la Brexit corrisponde all’ennesimo passo indietro (meno 0,4%) di ciò che resta dell’industria smantellata in nome della finanza.

Pessime notizie, soprattutto a Berlino, dove ieri sono rimbalzati i dati economici a partire da quelli locali. La recessione generale è parallela alla crisi tedesca: meno 1,9% è la cifra del made in Germany industriale, che non tira più come prima. Dalle difficoltà nell’export di macchinari alle esauste possibilità per lo Stato di supportare il settore con finanziamenti e tassazione ad hoc. «Il periodo delle “vacche grasse” è finito» è l’avvertimento agli addetti del settore del vice-cancelliere Spd Olaf Scholz, ministro delle finanze consapevole del tramonto del ventennio di crescita.

L’Europa piange e Berlino certo non ride. Tuttavia il numero due del governo Merkel è consapevole che la Germania poggia su basi (e altezze) economiche ben differenti dai partner fuori e dentro l’Eurozona. Il rapporto dell’Agenzia tedesca per il Lavoro diffuso il 4 gennaio squaderna le tabelle con 193mila senza lavoro in meno nell’ultimo anno, ovvero il record di calo della disoccupazione dai tempi della Riunificazione. Era a quota 5,7% due anni fa, è scesa fino al 5,2% nel 2018 riducendo a “soli” 2,3 milioni la platea di tedeschi senza un impiego.

Si aggiunge alla “cassaforte” dell’avanzo commerciale (il famigerato “surplus” che Bruxelles può sorvegliare ma non sanzionare) mai così più colma di denaro: corretto a fine novembre, il dato ufficiale adesso risulta pari a 19 miliardi di euro, oltre tre miliardi in più della previsione iniziale.

Con questi fondamentali a Berlino la frenata industriale è politicamente più governabile che a Parigi e Roma, anche se dal punto di vista economico ci sarà comunque il rimbalzo della crisi che investe i principali acquirenti della produzione locale.

Rimane, in parallelo, la preoccupazione per le reali dimensioni della recessione già arrivata. Fino a ieri il governo federale non aveva compreso la vera portata della flessione dell’industria, tantomeno che avrebbe investito anche la Germania. La previsione iniziale della produzione nazionale corrispondeva a un calo dello 0,3% mentre l’istituto di studi economici CeSifo di Monaco ha dovuto tagliare la previsione della crescita fino all’1,1% del Pil limandolo di ben 0,8 punti. Non sono i numeri della Bundesbank, che sconta solo mezzo punto e fissa la stima al 2%, ma è la prova che lo stop industriale si è acceso anche nel più importante Paese dell’Ue, in prima linea nella guerra commerciale dichiarata dagli Usa (dove Mercedes, Bmw e Vw incassano fatturati da capogiro) come trincerato nella tenuta della moneta unica attaccata su tutti i fronti.

Così, per il rilancio dei grandi konzern industriali in crisi, la Germania guarda alla Cina anche se l’attenzione economica rimane sul Regno Unito nella nuova veste sovranista. A fianco delle mosse per sottrarre a Theresa May la City finanziaria, il governo Merkel osserva con manicale attenzione la crescita del vicino britannico che rimane inchiodata allo 0,2%. Con la manifattura in calo da cinque mesi consecutivi, come non accadeva dai tempi del premier Gordon Brown.

* Fonte: Sebastiano Canetta, IL MANIFESTO



Related Articles

Quei fantasmi alle nostre porte

Le colpe dell’Europa sono enormi perché non ha fatto niente per questi popoli

Porte sbarrate per Rotelli nel patto Rcs John Elkann: “Il perimetro non cambia”

La riunione del patto di sindacato non ha discusso l’ingresso di nuovi azionisti ma solo le linee generali del piano strategico.  Il nuovo tentativo di Geronzi e Ligresti di sdoganare il re delle cliniche lombarde fallisce

«Sui rientri a Pomigliano decide il mercato»

E Fiat «cancella» le frasi più dure sulla Cgil. Immatricolazioni -12%, le vendite come nel ’77

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment