Gelo in Siria, 15 piccoli rifugiati uccisi dal freddo

Gelo in Siria, 15 piccoli rifugiati uccisi dal freddo

Loading

Prima Norma, da ieri sera Miriam: sono i nomi dati alle tempeste che stanno colpendo da giorni il Medio Oriente. Neve, piogge, temperature sotto lo zero hanno già cominciato a uccidere: ieri l’Unicef ha denunciato la morte per congelamento di almeno 15 bambini siriani in due diversi campi profughi nel paese.

Campi improvvisati, dove le organizzazioni internazionali non arrivano. La situazione è drammatica nel vicino Libano con 66 campi in piena emergenza (le foto delle tende di Arsal, da noi, sono state spacciate per le casette dei terremotati nel Centro Italia), ma in Siria è devastante per l’isolamento in cui sono costretti a vivere da mesi, anni, gli sfollati interni.

Otto bambini sono morti nel famigerato campo di Rukban, sorto spontaneamente al confine con la Giordania e dal 2015 chiuso dalle autorità di Amman per timore di attentati terroristici dopo un attacco contro le guardie di frontiera del regno hashemita. Qui, in mezzo al deserto, d’estate si muore di sete e malattie, in pieno inverno di freddo.

Altri sette minori hanno perso la vita ad Hajin, nella provincia orientale siriana di Deir Ezzor, da cui da settimane decine di migliaia di civili sono in fuga per gli scontri tra il sempre presente Stato Islamico e le Forze Democratiche Siriane. L’Unicef prova a svegliare le coscienze, il suo direttore regionale Geert Cappelaere lo fa con l’età dei bambini: il più piccolo aveva solo un anno.

L’emergenza si concentra a Rukban, dove l’80% dei 45mila rifugiati presenti sono donne e bambini e il tasso di mortalità infantile è in costante aumento per la mancanza pressoché totale di assistenza sanitaria.
Gli ultimi aiuti umanitari, portati da convogli dell’Onu solo dopo un estenuante negoziato, sono entrati all’inizio di novembre. I rifugiati vivono in mezzo al nulla, abbandonati a se stessi: due giorni fa una donna ha tentato il suicidio dandosi fuoco con i figli per la disperazione, tra tende portate via da vento e pioggia e i pochi averi distrutti dall’acqua.

«Le vite dei bambini continuano ad accorciarsi per qualcosa di prevedibile e curabile – denuncia Cappelaere – Non ci sono scuse per tutto questo nel ventunesimo secolo. La storia ci giudicherà per queste morti evitabili». Eppure a dicembre il ministero degli esteri giordano lo ha ribadito: Amman, che ospita 630mila siriani, non farà entrare nel proprio territorio i profughi di Rukban.

Hajin, a Deir Ezzor, non è certo un’oasi felice: i civili in fuga dagli scontri e i raid Usa (sì, ritiro o meno, ci sono ancora) arrivano nei campi a nord gestiti dai curdi a piedi, tra pioggia torrenziale e neve. Ci impiegano giorni a raggiungere un riparo, sfiniti e denutriti.

E poi c’è la provincia di Idlib, dall’altra parte, a ovest: qui, denuncia l’Unhcr, almeno 11mila bambini e le loro famiglie si sono ritrovati senza riparo a causa delle piogge che hanno colpito la zona e le temperature scese sotto lo zero. Le tende sono distrutte e non ci sono più coperte disponibili.

«Il numero di persone che si sono spostate a Idlib nel corso dell’anno è enorme – dice Caroline Anning di Save the Children – C’è il rischio che altre ne arrivino». Arrivano dove di aiuti ce ne sono ben pochi: mancano strutture mediche e la tempesta ha reso irraggiungibili molte aree della provincia.

* Fonte: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO


Tags assigned to this article:
Caroline AnningGeert CappelaereIdlibRukban

Related Articles

Rapporto ONU: l’Afghanistan è il conflitto più letale al mondo per i civili

Loading

I Talebani uccidono di più dopo gli accordi con gli Stati uniti. I dati della missione Onu: oltre 2000 i morti da gennaio, meno 30% rispetto al 2019, ma un terzo sono bambini

900 mila bambini in cerca di asilo nido

Loading

Legge di stabilità. Oggi è la giornata mondiale dei diritti dell’infanzia, Fp-Cgil lancia la campagna #ChiedoAsilo. «Mille asili in mille giorni» disse un tempo Renzi. Ma oggi nella legge di stabilità non c’è un euro

«Anche il figlio del boss ora può rifarsi una vita»

Loading

PALERMO — Ad aprire una linea di credito verso il rampollo del capo dei capi che vuol tornare «a vivere e a lavorare» è il figlio di una vittima di mafia come Claudio Fava, una vita segnata dal delitto del padre, uomo politico di primo piano, scrittore e sceneggiatore di storie in cui si specchia la malvagità  di Cosa nostra. E, davanti a Salvuccio Riina che dopo otto anni di carcere torna a Corleone invocando il diritto a rifarsi una vita, Fava non ha dubbi: «Se il figlio di Riina ha pagato il suo debito con lo Stato può andare a vivere ovunque. Dalla sua città  natale al Veneto. E senza che questo rappresenti un inquinamento».

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment