«Stop alle trivelle», il ministero annuncia un emendamento

«Stop alle trivelle», il ministero annuncia un emendamento

L’annuncio c’è. Il ministero dello Sviluppo economico ha messo a punto un emendamento blocca trivelle, inserito nel decreto semplificazioni e che prevede, per un «termine massimo di tre anni», la sospensione dei «permessi di prospezione e di ricerca già rilasciati, nonché dei procedimenti per il rilascio di nuovi permessi di prospezione o di ricerca o di coltivazione di idrocarburi. Grazie a tale moratoria, sarà impedito il rilascio di circa 36 titoli attualmente pendenti», compresi i tre permessi autorizzati, il 7 dicembre scorso, nel Mar Ionio.

È IL SOTTOSEGRETARIO al Mise, con delega all’Energia, Davide Crippa, a rendere noto il provvedimento, dopo la bufera che si è abbattuta sul governo, e in particolare sui Cinque Stelle, riguardo alla questione idrocarburi. Nella proposta di modifica, viene fatto presente che «le attività upstream non rivestono carattere strategico e di pubblica utilità, urgenza e indifferibilità» e si prevede «l’introduzione del Piano per la transizione energetica sostenibile delle aree idonee (Ptesai), strumento già in programma da tempo, e la rideterminazione di alcuni canoni concessori. Il Piano – viene spiegato – andrà definito e pienamente condiviso con Regioni, Province ed enti locali e individuerà le zone idonee alla pianificazione e allo svolgimento delle attività di prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi sul territorio nazionale. Questo per assicurare la piena sostenibilità ambientale, sociale ed economica e per accompagnare la transizione del sistema energetico verso la decarbonizzazione».

LA FRONDA ECOLOGISTA non si fida e rammenta che già nel corso dell’iter di approvazione dell’ultima finanziaria è stato presentato un emendamento no oildel quale poi si è persa traccia, in quanto ritenuto inammissibile. «Il M5S – ricorda il coordinamento nazionale No Triv – in quell’occasione non è riuscito a far passare due punti dirimenti: moratoria delle nuove attività petrolifere per la durata di 2 anni e reintroduzione del Piano delle Aree».

Si parla poi di un altro «tentato» emendamento, sempre pentastellato, pubblicizzato à gogo e che fece imbestialire Confindustria e qualche sindacato, ma abortito prima che nascesse.

IL TERMINE «EMENDAMENTO», insomma, è già stato usato a ripetizione ma senza finora aver prodotto alcun risultato normativo. Il mondo ambientalista puntualizza pure «che le attività legate alla ricerca e all’estrazione non hanno più carattere strategico dalla Legge di stabilità 2016». Scettici quindi associazioni e movimenti che, dopo le ultime decisioni del Mise, con l’ok ai sondaggi con airgun davanti alle coste di Calabria, Basilicata e Puglia e al rinnovo di due concessioni in Emilia Romagna, hanno rifiutato di incontrare il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa.

IL CAOS TRIVELLE agita il governo gialloverde e l’imbarazzo dei grillini deve fare i conti con la posizione della Lega, che non è certo antitrivelle. L’annuncio di Crippa fa comunque sobbalzare il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. «Visto che hanno finalmente scoperto che stanno governando e hanno tutti i poteri per agire – tuona il governatore – servono altre due botte di coraggio da parte loro: un decreto legge urgente che abroghi i 12 decreti incostituzionali Ilva di Taranto che contengono l’immunità penale e che obblighi a cominciare la decarbonizzazione della fabbrica. Perché è il carbone ad uccidere e va urgentemente eliminato. E serve un altro decreto legge che sposti l’approdo del gasdotto Tap, attualmente previsto nella meravigliosa spiaggia di San Foca a Melendugno, in un posto più isolato e sicuro, meno pregiato dal punto di vista ambientale e turistico, evitando così anche la costruzione di un tratto inutile via terra a carico dei contribuenti italiani».

«Considerato il precedente della moratoria adottata nel 2016 dalla Francia – commenta il Wwf – abbiamo sempre ritenuto che il Governo potesse dare un chiaro segnale politico-istituzionale per sospendere le trivellazioni offshore. I tre anni di sospensione devono servire, però, a smontare l’apparato normativo del decreto Sblocca Italia. Se confermata, la moratoria – viene aggiunto – può essere un primo chiaro segnale per la tutela del Mediterraneo, sottoposto all’inquinamento da greggio (si stima che ogni anno vi vengano riversate 600mila tonnellate di petrolio) e da plastica».

* Fonte: Serena Giannico, IL MANIFESTO



Related Articles

C’è una nuova energia, che adesso vuole contare

Italia rinnovabile non sarà una delle tante manifestazioni che riempiono le strade di Roma in questa difficile fase che attraversa il Paese. La ragione per cui oltre 40 associazioni – da Legambiente a Libera, dall’Arci alla Fiom passando per associazioni di agricoltori e consumatori – hanno scelto di «occupare» Via dei Fori Imperiali per tutta la giornata di sabato 26 ottobre è infatti al contempo paradossale e molto seria da un punto di vista politico.

Arriva l’annuncio ufficiale. In Francia la Tav Torino-Lione imbocca il binario morto

no tavE’ proprio vero. La commissione Mobilité 21, incaricata dal Governo francese della spending review sui progetti di infrastrutture legate ai trasporti, ha fatto scattare ufficialmente il semaforo rosso davanti al tratto francese della Tav Torino-Lione. Rimandato a dopo il 2030: come dire, alle calende greche.

Milano capitale del mondo via alla sfida dell’Expo “Abbiamo fatto il possibile adesso vinca il dialogo”

In città si trovano fianco a fianco capi di Stato e no global, star internazionali e antagonisti, multinazionali e intellettuali. Ciascuno con una ricetta diversa per salvare il pianeta dalla fame

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment