Domani in 1.325 città il «Global Climate Strike», in Italia saranno 140

Domani in 1.325 città il «Global Climate Strike», in Italia saranno 140

Fridays for future – a Roma il 15 marzo corteo e manifestazione in P.zza Madonna di Loreto (piazza Venezia) – interventi di ragazze e ragazzi dai 9 ai 24 anni e del geologo Mario Tozzi.

Tutto pronto dunque anche nella capitale per il «Global Climate Strike» che si svolgerà in 1.325 città di 100 nazioni del pianeta, e in Italia in 140 città piccole, medie e grandi (la seconda nazione al mondo per eventi, dopo la Germania).

Nessuno poteva immaginare che dalla protesta solitaria di Greta Thunberg, la sedicenne che nell’agosto del 2018 ha iniziato a manifestare, da sola, davanti al Parlamento svedese, per chiedere provvedimenti rapidi sui Cambiamenti climatici, potesse nascere un movimento con tale forza.

Questa iniziativa, sul solco delle lotte nonviolente di Ghandi e Martin Luther King, ha di fatto creato questa mobilitazione internazionale che ha scosso i palazzi delle istituzioni.

Anche la lettera scritta e pubblicata sui social di alcuni ragazzi: «Cari Genitori, voi avevate un futuro, noi non abbiamo più tempo».

Il 15 marzo a Roma il programma è il seguente:

Ore 10.30 ritrovo davanti alla fermata Colosseo della Metro; passeggiata fino a Piazza Madonna di Loreto dove, dalle 11 inizieranno gli interventi, secondo il seguente programma di massima:

10.30-11 Musica dal vivo;

11.00 Introduzione e intervento di Mario Tozzi – Geologo.

Interventi di: Alice Imbastari, 9 anni, Elementari; Riccardo Marinozzi, 13 anni, Scuola Media; Francesca Travaglino, 18 anni, Liceo; Martina D’Arco, 18 anni, Liceo; Luca Franceschetti, 20 anni, Università; Federica Gasbarro, 24 anni, Università; Janne o Zio, Liceo – Bruxelles.

A seguire gli interventi delle associazioni e interventi liberi.

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Ilva, chiesto il fallimento della holding dei Riva

Il processo. La «Fire» controllava l’87% del gruppo siderurgico. Il colosso dell’acciaio è stato commissariato dallo Stato, e oggi è in vendita

Iscrizioni solo via web, rivoluzione a scuola

Dal 21 gennaio obbligatorie per le prime classi. Ma è polemica su pagelle e registri online  

Sempre più mamme e papà  scelgono il “gap year”

In viaggio per il mondo, e per i bimbi niente scuola. L’anno sabbatico delle famiglie “Così educhiamo i nostri figli” .   La pausa formativa era diffusa tra gli studenti. Ora invece è praticata anche dai professionisti 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment