FCA di Pomigliano. Sciopero: carichi massacranti, mentre troppi sono in «cassa»

FCA di Pomigliano. Sciopero: carichi massacranti, mentre troppi sono in «cassa»

Si alza il livello dello scontro dentro Fca. I ritardi negli investimenti promessi e la montagna di ore di cassa integrazione hanno portato ad un risultato impensabile solo pochi mesi fa. Alle presse di Pomigliano uno sciopero indetto dalla Fiom ha avuto un’adesione del 95 per cento.

Ieri mattina è arrivata la comunicazione della direzione di stabilimento. Un inaspettato aumento di richieste di Panda ha portato l’azienda a decidere una salita produttiva: dalle attuali 4.500 auto sfornate in una settimana serve passare a 5.400. Per farlo la direzione – usando le ampie discrezionalità previste nel contratto, il cui rinnovo ha portato la rottura fra Fiom e azienda – ha deciso di passare dagli attuali 10 a 12 turni a settimana.
Il tutto però avviene in uno stabilimento in cui la cassa integrazione – «che va avanti ininterrottamente da 10 anni» – riguarda ancora il 37 per cento degli operai. In questo modo gli operai delle presse avrebbero dovuto lavorare anche il sabato con carichi massacranti rispetto ad una riduzione dei livelli di Cig molto modesti.
«Come Fiom abbiamo proposto di utilizzare un mini turno notturno, passare a 11 turni in modo da poter ruotare più persone facendo calare la cassa integrazione fino al 10 per cento, ma la direzione ha subito detto no», spiega il segretario della Fiom di Pomigliano Mario Di Costanzo.
La Fiom ha dunque proclamato sciopero immediato con oltre 100 operai che hanno incrociato le braccia mentre l’azienda è stata costretta a far lavorare anche i capi per non bloccare completamente la produzione.
«A scioperare sono stati anche molti iscritti di Fim e Uilm, sindacati che proprio a causa del contratto Fca non possono proclamare sciopero, anche se è anche capitato che un delegato Fim lo facesse e in 20 sono stati sanzionati. Lo sciopero è anche figlio di tutta la tensione che si è accumulata in questi giorni per il finto annuncio sull’arrivo del suv Alfa», attacca Di Costanzo. «Per ora sono stati annunciati lavori di manutenzione al reparto verniciatura ma il rischio è che sia solo un mondo per arrivare all’incontro al ministero dimostrando che stanno preparando la nuova produzione anche se non c’è nessuna data prevista e la Cig scade a settembre», chiude Di Costanzo.

* Fonte: Massimo Franchi, IL MANIFESTO



Related Articles

Le grandi aziende non sentono la crisi

Hospodà¡Å™ské noviny

“Per ora le 500 imprese più grandi dell’Europa centrale e orientale resistono bene alla crisi”, titola HospodaÅ™ské Noviny. Secondo il rapporto annuale dello studio Deloitte sulle principali società  di 18 paesi della regione, i profitti sono aumentati di quasi il 30 per cento nel 2011. I più ricchi sono i costruttori automobilistici e gli operatori del settore energetico.

Lavoro, idraulici e falegnami addio estetica e take away ultime frontiere

 Unioncamere: la mappa delle attività  in tempo di recessione   

Una sola voce solidale: «non saremo schiavi»

Centinaia di delegate e delegati Fiom in assemblea nella cittadina campana. Una nuova classe operaia si batte contro il diktat Fiat che cancellerebbe per tutti i diritti, i contratti e la Costituzione. E accoglie come fratelli i migranti di Rosarno, emblema di quel lavoro che «senza diritti, è da schiavi» POMIGLIANO La «mossa» Fiat sotto esame
«AMelfi noi siamo già  stati vittima di un accordo separato, solo la Fiom

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment