Vertenza Zara. Vigilantes feriscono col taser i lavoratori in sciopero

Vertenza Zara. Vigilantes feriscono col taser i lavoratori in sciopero

L’amministratore delegato che si presenta con una quindicina di addetti alla sicurezza armati di pistole taser per «liberare il magazzino» controllato dai lavoratori che da una settimana scioperano per rivendicare i loro diritti. Assomiglia molto al blitz del 2009 di Samuele Landi contro i lavoratori ex Agile Eutelia ciò che è accaduto ieri al magazzino di Castel Giubileo, periferia nord di Roma, teatro di una «spedizione punitiva» finita con tre lavoratori all’ospedale: «uno con 21 giorni di prognosi, uno con fratture scomposte ad una mano da operare, per non contare quelli con escoriazioni da uso della pistola elettrica», racconta Massimo Pedretti, sindacalista Filt Cgil e testimone oculare dell’arrivo della polizia e dell’identificazione degli «aggressori», compreso l’ad di Faro, Vittorio Picena.

Il magazzino è strategico per Zara perché serve tutti i punti vendita di Roma. Vi lavorano una sessantina di persone. «Per paura che il Faro potesse addebitare loro mancanze di merce, abbiamo organizzato turni di presidio a controllo del magazzino», continua Pedretti. Ieri mattina all’arrivo dei sedicenti «addetti alla sicurezza» i lavoratori hanno pensato che fossero la vigilanza e invece si trattava di un blitz per sbloccare la merce e riprendere le consegne ai negozi. La contrarietà dei lavoratori – «Dovete rispettare il nostro sciopero, rimaniamo qui» – ha provocato la reazione violenta: «uso delle pistole elettriche e di tubi di ferro divelti dal magazzino». Nonostante l’arrivo dei colleghi subito avvisati dai 3 malcapitati, la colluttazione è andata avanti fino a che le forze dell’ordine hanno identificato l’amministratore delegato e tutti gli assalitori.
La causa scatenante della rabbia è la vertenza della logistica Zara. Da una settimana in tutta Italia i circa 1.100 dipendenti della cooperativa il Faro (Expo Logistic) che gestisce in esclusiva il servizio di facchinaggio per la multinazionale spagnola dell’abbigliamento in Italia scioperano per chiedere il ripristino del contratto nazionale della logistica e gli arretrati per 10 anni di sfruttamenti: «Moltissimi lavoravano 220-230 ore al mese contro le 168 previste senza un euro di straordinario», spiega Alessandro Antonelli sempre della Filt Cgil. «Abbiamo già ottenuto il pieno riconoscimento del 4° livello del contratto nazionale per tutti, ma sugli arretrati siamo ancora distanti: ora però il Faro offre 20mila euro a lavoratore».
Nel pomeriggio era in programma un nuovo incontro nella vertenza dei 200 dipendenti del Faro a Roma – ne lavorano un buon numero in ogni negozio Zara della capitale, a partire da quello di Via del Corso – che si è tenuto comunque, nonostante l’assenza dell’ad presente agli incontri precedenti. Un avvocato e un consulente del lavoro hanno provato a motivare l’azione squadristica del mattino ma per fino la stessa Zara si è dissociata dall’accaduto.
«Si è davvero superato il limite – dichiara Michele Azzola, segretario generale Cgil Roma e Lazio – . L’idea padronale di risolvere i conflitti sindacali ricorrendo alla violenza dimostra quanto sia necessario cambiare profondamente il sistema tra committente e appaltatore che si scarica sui lavoratori. Chiediamo a Zara di interrompere l’appalto e di farsi carico in proprio della logistica nel rispetto dei contratti e dei diritti di tutti i lavoratori», chiude Azzola.

* Fonte: Massimo Franchi, IL MANIFESTO

LEGGI ANCHE: Un nuovo sciopero contro le violenze al magazzino Zara



Related Articles

Sviz­zera, la lista dei forzieri illeciti

Pubblicato un nuovo “elenco Falciani” con 100 mila nomi: avevano depositi per oltre 100 miliardi di euro nella banca Hsbc. Tra loro trafficanti di armi e diamanti “insanguinati”, dittatori e faccendieri

Germania, guerra al brevetto sugli alimenti

Un gruppo di associazione in lotta contro la speculazione sul cibo

Chiamiamoli pure i difensori della vita: centinaia di persone oggi protesteranno a Monaco di Baviera davanti alla sede dell’Ufficio brevetti dell’Unione europea (Epo) che ha cancellato l’udienza pubblica riguardante il “Broccoli-case”.

Gre­cia, i retroscena del pressing Ue

La Germania guadagna dal disastro ellenico e i fondi Ue finiscono solo alle banche

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment