MayDay, rider in piazza a Milano il 1 maggio. Ed è scontro con Fedez sulle mance dei vip

MayDay, rider in piazza a Milano il 1 maggio. Ed è scontro con Fedez sulle mance dei vip

Il cantante: «Le liste di proscrizione che hanno sempre puzzato di fascio». Il collettivo Deliverance Milano: «Non è nostra intenzione prendere lezioni di lotta di classe da nessuno, specie se ci vengono impartite dal “pulpito social” di sedicenti comunisti col rolex”

Fedez, uno dei «vip» della «lista nera» dei clienti che non danno le mance ai rider milanesi, ha attaccato su Instagram il collettivo dei ciclofattorini «Deliverance Milano» sostenendo che la notizia e infondata e parlando di « liste di proscrizione che hanno sempre puzzato di fascio». «Non è nostra intenzione prendere lezioni di lotta di classe da nessuno, specie se ci vengono impartite dal “pulpito social” di sedicenti comunisti col rolex – hanno risposto i rider – Il nostro non sono le mance ma il fatto di non avere un minimo garantito che permetterebbe di difenderci dal ricatto del cottimo e dai meccanismi reputazionali discriminatori». I rider hanno dato appuntamento al primo maggio al corteo della MayDay in Piazza Morbegno a Milano dalle ore 15.30.

«Il primo maggio – questo è l’invito dei ciclofattorini rivolto ai lavoratori e ai clienti delle piattaforme di food delivery -, non usate le app». «Abbiamo alzato la voce per farci sentire dalle aziende e dalle istituzioni perché – continuano i rider – nonostante le proteste e gli scioperi, dopo aver presentato una proposta di legge al Ministero del Lavoro, ad oggi le nostre richieste rimangono ancora inascoltate». La proposta di legge promessa dal ministro del lavoro e sviluppo Di Maio si è di nuovo inabissata. Il 6 maggio incontrerà di nuovo le parti sociali. Quello dei rider è diventato un problema per Di Maio.

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Credito malato, salvataggio da 114 miliardi Richiesta in aumento

 L’Autorità  bancaria europea: la ricapitalizzazione degli istituti deve avvenire entro gennaio Gli effetti della crisi

A sorpresa il Pil italiano è cresciuto

ROMA — L’Italia è un po’ più ricca di quello che pensavamo, importiamo ed esportiamo di più di quel che sapevamo, abbiamo un rapporto tra il debito e il prodotto interno lordo più basso di quello che finora ci hanno detto. Con la crisi economica che imperversa sono notizie per le quali si potrebbe anche stappare una buona bottiglia e festeggiare. Ma se nessuno lo fa, e le notizie sono vere, anzi certissime, non è perché siamo stati più bravi e virtuosi di come ci vediamo. C’è una sola ragione, ed è la statistica.

Confindustria incontra i sindacati per scongiurare l’addio della Fiat

TORINO – Un incontro con i sindacati «nei primi giorni della prossima settimana». E’ l’ultima mossa di Emma Marcegaglia per tentare di scongiurare l’uscita del Lingotto da Confindustria. Uscita che molti danno per imminente anche all’interno dell’associazione degli industriali.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment