Storica sentenza: «Armi ai sauditi, Londra viola la legge»

Golfo. L’Alta corte d’appello ordina la sospensione delle licenze. I giudici accolgono il ricorso dell’associazione Caat. Festeggiano i laburisti: ora inchiesta parlamentare

Chiara Cruciati * • 21/6/2019 • Guerre, Armi & Terrorismi • 153 Viste

Dal 2015 sei miliardidi dollari in export militare a Riyadh. Ma c’è del business occulto

Un messaggio è stato spedito anche da Sana’a, martoriata e bellissima capitale dello Yemen: ieri la pagina Twitter della Campaign Against Arms Trade (Caat) si è riempita di congratulazioni.

Perché gli attivisti britannici che da anni si battono contro il mercato internazionale delle armi hanno vinto: l’Alta corte d’appello del Regno unito ha ribaltato la sentenza del 2017 dell’Alta corte e ordinato al governo di Londra di sospendere il rilascio di nuove licenze per vendite militari all’Arabia saudita.

Ai giudici sono stati presentati i rapporti delle associazioni della società civile, Amnesty International, Human Rights Watch e Oxfam, con a capo Caat: quelle vendite violano il diritto internazionale umanitario e sono utilizzate per compiere crimini contro i civili yemeniti.

La Corte ha accolto il ricorso, ma con una motivazione diversa, non incentrata sulla bontà o meno della decisione di vendere ai Saud ma sul processo che ha condotto a tale decisione: i giudici Terence Etherton, Irwin e Singh non hanno potuto confermare che le armi britanniche siano state effettivamente utilizzate per compiere gravi violazioni del diritto internazionale ma si sono detti certi del mancato controllo da parte di Londra.

Insomma, alla luce delle passate violazioni commesse dalla petromonarchia, il governo britannico non ha verificato l’uso fatto delle armi, dunque deve sospendere le licenze. Messaggio diretto al segretario al commercio internazionale Liam Fox: rimetti mano alle decisioni del passato.

Perché è il governo che indica e il parlamento, attraverso la commissione sul controllo dell’export di armi, che dà luce verde. Quella commissione, che il governo definisce «uno dei più robusti regimi di controllo bellico del mondo», per la Corte non fa il suo dovere: i suoi membri si limitano a dare sostegno alle scelte governative senza analizzarle davvero.

La sentenza non tocca gli ordini già in essere, quelli continueranno a far crescere il contingente militare saudita. Ma da questo momento, ordina la Corte, nessun’altra licenza potrà essere rilasciata a meno di un effettivo controllo sull’uso delle armi made in Britain. E quell’ordine lo emette con parole forti: le licenze sono «irrazionali e di conseguenza illegali».

Al governo resta la Corte suprema, ultimo grado di giudizio, a cui Londra ha già fatto sapere che si appellerà. A reagire è anche il convitato di pietra, il regime saudita: l’unico a beneficiare della sentenza, ha detto il ministro degli Esteri Adel al-Jubeir, sarà l’Iran, spauracchio facilmente spendibile da Londra a Washington.

Si festeggia invece dentro Caat, una festa consapevole del senso di questa vittoria, ancora limitata: «Accogliamo questo verdetto – commenta Andrew Smith, il portavoce della Campagna – ma non sarebbe dovuto essere un ricorso di attivisti a costringere il governo a rispettare le sue stesse leggi. Non importa le atrocità di cui si è macchiato, il regime saudita è stato in grado di avere l’acritico sostegno politico e militare della Gran Bretagna».

«La vendita di armi usate in Yemen è sfidata a livello internazionale – aggiunge Sam Perlo-freeman, coordinatore della ricerca di Caat – ma che venga dalla corte di uno dei principali fornitori ai sauditi porta la questione a un livello nuovo».

Festeggiano anche i laburisti, con la segretaria ombra agli esteri, Emily Thornberry, che ha subito chiesto un’inchiesta parlamentare per individuare eventuali responsabilità ministeriali e la sospensione immediata della vendita di armi ai sauditi.

Vendite da miliardi di sterline che fanno della Gran Bretagna il secondo esportatore bellico verso Riyadh dopo gli inamovibili alleati statunitensi: licenze da sei miliardi di dollari (il 43% delle vendite belliche totali britanniche), di cui 3,4 in aerei da guerra e 2,4 in missili, bombe e granate, oltre a 6.200 contractor britannici impiegati nelle basi saudite come addestratori e 80 uomini della Royal Air Force operativi nei centri di comando di Riyadh.

Questo è il valore ufficiale dal marzo 2015, quando l’Arabia saudita ha messo insieme una coalizione di volenterosi paesi sunniti per dichiarare guerra al movimento Houthi yemenita, trascinando il paese più povero del Golfo nella peggior crisi umanitaria globale.

Ma quel valore, è l’accusa delle associazioni, va considerata al ribasso. È quella resa nota dal governo ma non tiene conto delle licenze (altre centinaia di milioni di dollari stimati) allegramente distribuite con le Open Individual Export Licences, opaco sistema che non richiede autorizzazione perché riguarderebbe «prodotti meno sensibili». Ma in mezzo, denunciano gli attivisti, sarebbero finiti missili e bombe.

* Fonte: Chiara Cruciati, IL MANIFESTO

 

photo by Campaign Against Arms Trade, https://blog.caat.org.uk/

Articoli correlati

5 per mille

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

« »

Pin It on Pinterest

Share This