Addio a Luca Santini, attivista per il diritto al reddito e la giustizia sociale

Addio a Luca Santini, attivista per il diritto al reddito e la giustizia sociale

Lutti.  Saluteremo Luca venerdì 2 agosto al tempietto egizio del Cimitero del Verano a Roma

È il tristissimo momento di dare una notizia che non avremmo mai voluto neanche pensare. La prematura e morte di Luca Santini, amico caro, sodale e solidale compagno, fratello di molti di noi a Roma e poi in giro per l’Italia, l’Europa, l’Africa e il mondo, tra lotta per il reddito di base e apertura alla vita, alla giustizia sociale, al diritto individuale e collettivo di muoversi liberamente attraverso confini e frontiere. Luca è stato stroncato, rapidamente, da una malattia aggressiva e incurabile, nonostante una operazione chirurgica ben augurante solo pochi mesi fa.

Luca Santini è l’avvocato sempre sorridente, arguto, metodico, garbato e brillante che abbiamo avuto la fortuna di incontrare e che ora noi tutti ricordiamo: sempre dalla parte delle persone più deboli e indifese, sempre a fianco di chi rivendica quotidianamente diritti, libertà, tutele sociali, garanzie. È per me impossibile parlarne all’imperfetto o al passato.

Luca è il «nostro Presidente», così lo abbiamo sempre chiamato, da quando, ormai un decennio fa, divenne Presidente del Basic Income Network Italia, associazione per il reddito di base che aveva entusiasticamente contribuito a fondare, dopo praticamente un ventennio di studio, scrittura, azione e campagne condivise nei movimenti sociali in favore di un reddito di base, universale e incondizionato. Luca è anche cofondatore e vice-presidente dell’Associazione Roma-Dakar pensata per favorire l’incontro tra culture e persone e promuovere ulteriormente la stretta relazione tra Dakar e Roma, tra il Senegal e l’Europa.

I suoi interventi, saggi, scritti sono disseminati tra riviste, come la mitica Infoxoa, sul manifesto, libri, articoli su blog e webzine, interviste e video che troviamo in Internet, ricerche sostenute da istituzioni locali ed europee, pubblicazioni collettanee, i Quaderni per il Reddito dove ha sempre fatto sentire il suo impegno e la sua proverbiale capacità organizzativa e mobilitante.

Luca era sempre disponibile per la richiesta di un parere, la delicata argomentazione difensiva di persone o collettivi, la partecipazione a mille seminari, assemblee, incontri, dibattiti. È impossibile pensare che non avremo più intorno a noi il suo sorriso a un tempo incantato dalla vita e disincantato dal mondo.

Così rimaniamo senza parole. Saluteremo Luca Santini venerdì 2 agosto dalle 10 alle 12 al tempietto egizio del Cimitero del Verano a Roma. La sua Roma.

* Fonte: Giuseppe Allegri, IL MANIFESTO



Related Articles

Palermo, quartiere Zen la repubblica della mafia

   PALERMO. BISOGNEREBBE far venire esperti da tutto il mondo, per studiare quel che succede allo Zen di Palermo. Non solo giornalisti: sociologi, politologi, giuristi. Bisognerebbe organizzare seminari, borse di studio, master e tesi di laurea al solo scopo di interpretare cosa è veramente questo quartiere: un trattato a cielo aperto su
mafia e antimafia.

Amnesty: le grandi potenze ostacolano la giustizia internazionale

8 paesi del G20, tra cui gli Usa, non riconoscono ancora la Corte penale internazionale e questo dà  luogo a gravi violazioni: Guantanamo e le repressioni di manifestanti in Cina ne sono un esempio.

Sete di candidati per l’amnistia

RADICALI Marco Pannella rischia la vita ma sospenderà  lo sciopero solo se troverà  adesioni alla lista Rosa nel pugno. Da sette giorni senza cibo e acqua per portare in parlamento il tema carcere e giustizia

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment