Continuano le proteste a Hong Kong, al corteo scontri e feriti

Continuano le proteste a Hong Kong, al corteo scontri e feriti

Un fiume di persone – la stima è 300 mila – ieri ha sfilato in un corteo non autorizzato davanti alla stazione della metro di Yen Long a Hong Kong per protestare contro le violenze di domenica scorsa in quello stesso luogo, quando una manifestazione anti-governativa contro la legge sull’estradizione in Cina è stata assaltata da un centinaio di uomini delle Triadi mafiose che, vestiti con magliette bianche e calzoni neri, spalleggiati dalla polizia, hanno iniziato a colpire con bastoni i manifestanti vestiti di nero, mandandone 45 in ospedale con ferite anche gravi. Ieri la maggior parte dei manifestanti era munita di casco mascherina e ombrello, alcuni di maschere anti gas. In serata la polizia ha usato proiettili di gomma, ferendone altri nove.

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Il gran ritorno di Suu Kyi: «Sarà  deputata»

Il portavoce: pronta a candidarsi per entrare in Parlamento Aria nuova in Birmania. Aria dolce, di fine monsone. Mentre il tiepido inverno del Sudest asiatico è prossimo a mitigare i bollori e l’umidità  dell’estate, Aung San Suu Kyi fa sapere, dal quartier generale della sua Lega nazionale per la democrazia, di essere pronta a correre per un seggio di deputato del Parlamento nazionale.

Armi, carte d’identità , pericolo frodi: un «normale» voto americano

Il sindaco di New York Michael Bloomberg coglie l’occasione del primo dibattito presidenziale, avvenuto ieri sera alle 21, (nella notte italiana, fuori dai tempi di chiusura di questo giornale) in Colorado, per mandare in onda uno spot a favore del controllo delle armi e chiedere ai due candidati di unirsi al suo messaggio. Testimonial dello spot, realizzato su iniziativa dell’organizzazione Mayors Agains Illegal Guns, è un ventiduenne sopravvissuto alla strage nel multiplex di Aurora.

Berlino dice addio alla moneta unica. Fiction o realtà ?

 

La sera della sua rielezione, Nicolas Sarkozy viene a sapere che gli avversari politici di Angela Merkel si preparano a far cadere il governo tedesco e far sì che la Germania lasci Eurolandia. Poco dopo, la Corte costituzionale tedesca invalida il meccanismo di stabilità  dell’euro. In una fiction politica, Le Monde disegna lo scenario – non così improbabile – della fine della moneta unica. Estratti.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment