Relazione annuale INPS. Allarme povertà per 5 milioni di pensionati

Relazione annuale INPS. Allarme povertà per 5 milioni di pensionati

Un sistema solido, la conferma del flop di Quota 100, la difesa del cosiddetto Reddito di cittadinanza, l’immutato quadro di 5 milioni di pensionati poveri, soprattutto al femminile. Nella sua prima relazione annuale da presidente – non (da Gazzetta) ufficiale – dell’Inps Pasquale Tridico si sforza di mostrarsi «istituzionale», lascia da parte il piglio da professore ruspante (a differenza dell’urticante demagogia saccente del predecessore Boeri) e cerca di tracciare un quadro quasi idilliaco dell’istituto da lui diretto da pochi mesi.
Se i dati sulle pensioni sono la conferma dell’allarme sociale – nel 2018 quelle sotto i mille euro al mese sono quasi circa 5,4 milioni, il 34,7% del totale in leggero calo sul 2017, ma con le donne al 43,6% – Tridico punta ad evitare «allarmismi circa la sostenibilità del nostro sistema pensionistico, che è solido», lanciando per l’istituto il motto modus operandi «Generosi con i deboli e forti con i forti».
Difesa la sua creatura, «il Reddito di cittadinanza – «a fine giugno, dopo 3 soli mesi di operatività, 840 mila nuclei (di cui 102.833 destinatari di pensioni di cittadinanza) lo hanno per un numero complessivo di individui coinvolti che supera 2 milioni con un importo medio è di circa 500 euro; le domande respinte il 27%» – arriva la certificazione con numeri precisi del flop di Quota 100 -«a fine giugno sono pervenute 154.095 domande, alla fine dell’anno ne attendiamo 205.000, il 29% in meno a quello che era stato stimato in 290.000» – (in realtà pochi giorni fa parlava di 190mila e il manifesto stimò nel 45,7% la mancanza rispetto alle 350mila domande previste dal mentore leghista del provvedimento Durigon), Tridico lancia anche la battaglia sulle pensioni di invalidità: i funzionari dovranno «diventare più duri conto le frodi» L’Inps punterà sul digitale e qui l’obiettivo è realizzare «un polo strategico nazionale». Spunta anche l’idea di un unico fondo pubblico per la previdenza complementare, progetto che però viene subito bocciato dalla Uil che vuole che i fondi rimangano di categoria con governance autonoma. La Cgil con il segretario Maurizio Landini, invoca invece una «vera riforma previdenziale» e una ridistribuzione per alleviare quelle che lo stesso Inps definisce «gravi» disuguaglianze.

* Fonte: Massimo Franchi, IL MANIFESTO

 

Foto: Pxhere Dominio Pubblico CC0



Related Articles

Atene ricompra i vecchi «bond» Juncker: sì agli aiuti Spagna, 39 miliardi

BRUXELLES — La Grecia ha presentato all’Eurogruppo dei 17 ministri finanziari il piano di riacquisto di una parte del suo maxidebito pubblico, che dovrebbe favorire la riduzione dell’esposizione complessiva al 124% del Pil nel 2020. I mercati sembrano aver accolto con interesse questa offerta di Atene, che può consentire ingenti guadagni alle banche d’affari e ai fondi speculativi avventuratisi in acquisti massicci di titoli di Stato greci quando erano quotati ai minimi.

Lo Stato punta sulla marmellata entra nella Rigoni con 14 milioni

Il Fondo Italiano d’Investimento fa capo al ministero del Tesoro

Acli: un’ “Opa etica” su mercati, banche e multinazionali

   Foto: Pensatoio

Riuniti nella capitale francese per il terzo congresso della Federazione delle Acli Internazionali, i delegati della Fai, in rappresentanza di 18 Paesi nel mondo dov’è radicata la presenza dei nostri connazionali, non si sono limitati ad eleggere la nuova assemblea generale (che ha confermato alla guida della Federazione Andrea Olivero, presidente Acli italiane), ma hanno voluto proporre una questione di grande rilevanza sociale attraverso un confronto sugli effetti sociali in Europa della crisi economica internazionale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment