Amazzonio, Jair Bolsonaro rifiuta i soldi del G7 e insulta il presidente Macron

Amazzonio, Jair Bolsonaro rifiuta i soldi del G7 e insulta il presidente Macron

È uno strano concetto di sovranità nazionale quello rivendicato rispetto all’Amazzonia, da Jair Bolsonaro. Il quale può tranquillamente proporre a Trump uno sfruttamento congiunto della regione, aprendola alle imprese statunitensi, ma non accettare i 20 milioni di dollari messi a disposizione dal G7 per l’invio di Canadair contro le fiamme che stanno divorando la foresta.

Il rifiuto si inscrive nello scontro diplomatico tra Brasile e Francia che, dal primo allarme lanciato da Macron sulla «crisi internazionale» provocata dagli incendi, non ha fatto che inasprirsi e, da parte brasiliana, anche involgarirsi, con tanto di attacchi sessisti a Brigitte Macron a cui il presidente francese ha risposto augurando ai brasiliani «un presidente all’altezza».

«Non possiamo accettare – ha scritto Bolsonaro – che Macron lanci attacchi infondati e gratuiti sull’Amazzonia né che mascheri le sue intenzioni dietro l’idea di un’alleanza dei paesi del G7 per salvare la foresta, come se fossimo una colonia».

E ancora più sprezzante è stato il ministro della Casa civile Onyx Lorenzoni, secondo cui i fondi del G7 «potrebbero essere più utili per la riforestazione dell’Europa». «Macron – ha aggiunto – non riesce neppure a evitare un prevedibile incendio in una chiesa che è patrimonio dell’umanità e vuole dare lezioni a noi?». Al contrario, è il Brasile che può insegnare al mondo come proteggere la vegetazione, dal momento che «non esiste nessun paese con una copertura forestale superiore alla nostra».

E a completare l’offensiva brasiliana è intervenuto, in una nota, anche il ministero degli Esteri, invitando la Francia e i paesi che ne sostengono la posizione a compiere piuttosto il proprio dovere nell’ambito della Convenzione quadro delle Nazioni unite sul cambiamento climatico, invece di lanciare inutili iniziative «ben al di sotto degli impegni assunti internazionalmente e con insinuazioni ambigue riguardo al principio della sovranità nazionale».

Neppure la comparsa di oltre un migliaio di nuovi roghi, per un totale di oltre 26mila incendi registrati, ha indotto il governo a cambiare discorso. Tant’è che il ministro dell’Ambiente Ricardo Salles si è addirittura lanciato in una accalorata difesa dei fazendeiros che, non ricevendo l’autorizzazione a disboscare «per poter usufruire della loro proprietà», finiscono per farlo «senza permesso». In tal caso, ha garantito, non si tratta di «un’azione illegale».

* Fonte: Claudia Fanti, IL MANIFESTO



Related Articles

Cuba Adià³s

Da oggi per la prima volta gli abitanti dell’isola possono avere un passaporto. Ma senza visti né soldi nessuno li vuole. Così uno scrittore racconta il paradosso

Europa, arriva il giorno di Juncker Primo scoglio il caso Mogherini

L’agenda: flessibilità, reti energetiche, strappo britannico Ma la composizione della squadra rimane il vero rebus

Le macerie sui Palazzi della politica

Sisma e crisi. Alla faglia geologica si è aggiunta una vera e propria faglia democratica. Abbandono delle aree interne a favore dello sviluppo costiero, subordinazione delle politiche di risanamento ai vincoli della spesa pubblica, svuotamento delle autonomie locali a favore della centralizzazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment