Decreto sicurezza bis. Misure mirate a colpire i No Tav

Decreto sicurezza bis. Misure mirate a colpire i No Tav

C’è un altro motivo, oltre al «tradimento» sull’Alta velocità, destinato ad allontanare ancora di più il movimento No Tav dal M5S: il fatto che i pentastellati hanno condiviso con la Lega il decreto sicurezza bis entrato in vigore il 15 giugno e che – a giudizio di molti giuristi – rappresenta un pericolo per la libertà di manifestare. A partire dai cortei contro la Tav in Val di Susa.

I primi a farne le spese potrebbero essere i 48 manifestanti denunciati il 27 luglio scorso al termine della manifestazione durante la quale è stato manomesso il cancello di Giaglione. Per ora la contestazione riguarda solo la violazione dell’ordinanza prefettizia che dal 2011 vieta l’accesso ai terreni limitrofi al cantiere, ma non è detto che nuove accuse non possano arrivare al termine delle indagini. E in tal caso i conti andrebbero fatti con le nuove norme licenziate lunedì dal Senato. Ecco cosa prevedono.

USO DEL CASCO Inasprite le pene per chi, nel corso di una manifestazione, fa uso del casco o di qualunque altro mezzo che renda difficoltoso il riconoscimento. Le nuove pene prevedono la reclusione da due a tre anni e un’ammenda da 2.000 a 6.000 euro.

USO DI BASTONI E BENGALA Reclusione da uno a quattro anni per chi, nel corso di una manifestazione, lancia o utilizza illegittimamente razzi, bengala, fuochi artificiali, petardi, strumenti per l’emissione di fumo o di gas visibile o in grado di nebulizzare gas contenenti principi urticanti. ma anche per chi utilizza bastoni, mazze, oggetti contundenti o comunque atti a offendere.

RESISTENZA E OLTRAGGIO Diventa un’aggravante il reato di violenza o minaccia, resistenza o violenza a pubblico ufficiale.

DANNEGGIAMENTO Pene da uno a cinque anni per chiunque nel corso di una manifestazione distrugga, disperda o comunque danneggi beni mobili o immobili altri.

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Bergoglio una dottrina al settimo cielo

Tempi presenti. Nel discorso tenuto da Bergoglio nel recente incontro con i movimenti sociali emerge una dottrina della chiesa che fa i conti con le conseguenze della globalizzazione neoliberista

Milano, guerriglia urbana per sgomberare due case occupate in zona Corvetto

Case popolari occupate. Prosegue la guerra dichiarata agli occupanti abusivi. A farne le spese i ragazzi e le ragazze di due realtà antagoniste che si sono scontrate duramente con la polizia

Capanna dichiara guerra allo «scientismo»

Mario Capanna torna in pista con la solita vitalità  e con la consueta audacia, che ad alcuni può sembrare temerarietà . Infatti l’ex leader del Sessantotto, oggi presidente della Fondazione Diritti Genetici, propone di adottare un modello partecipativo e democratico anche in un’attività  tradizionalmente mente elitaria come la ricerca scientifica.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment