Privacy. Apple licenzia i 300 che “ascoltavano” gli utenti con Siri

Privacy. Apple licenzia i 300 che “ascoltavano” gli utenti con Siri

Siri, l’assistente digitale che ci frega sulla privacy. Dopo Google, Amazon e Microsoft, anche Apple si aggiunge alla lunga lista di scandali che vedono intromissioni nella vita privata degli utenti da parte dei maggiori colossi digitali, tanto da costringere il gigante della Silicon Valley a lasciare a casa centinaia di collaboratori che lavoravano nella sede di Cork, in Irlanda, dell’azienda.

A essere lasciati a casa, ben 300 persone, dipendenti di società terze, incaricate di ascoltare le conversazioni registrate da Siri, l’assistente vocale presente nei dispositivi iOS, per valutare l’efficienza del servizio. La decisione arriva dopo un’inchiesta pubblicata dal The Guardian. Secondo alcuni ex-dipendenti, tra le registrazioni ascoltate, anche dialoghi relativi a incontri sessuali e visite mediche.

Il programma era stato sospeso a inizio mese, poi il licenziamento. Il programma era stato sospeso a inizio mese. Nel frattempo sono arrivate le scuse ufficiali di Apple sul sito dell’azienda che ha promesso che non riprenderà le operazioni fino a che non ci sarà una revisione delle modalità di monitoraggio del servizio.

“Crediamo che la privacy sia un diritto umano fondamentale. Per questo progettiamo i nostri dispositivi per proteggere i dati personali degli utenti e lavoriamo costantemente per rafforzare i mezzi di protezione”, si legge nel comunicato.

Secondo Bloomberg, anche Facebook avrebbe pagato dipendenti di imprese appaltatrici per ascoltare e trascrivere le clip audio private registrate su Messenger, l’app di messaggistica del colosso digitale. I collaboratori avevano il compito di verificare se il software di intelligenza artificiale interpretava correttamente i messaggi.

* Fonte: IL MANIFESTO



Related Articles

Trovato il tesoro segreto di Hitler 1500 opere da Picasso a Matisse

Sequestrati a un gallerista quadri per un valore di oltre un miliardo  

IL DIRITTO NEGATO

La decisione della signora di Treviso, malata di sclerosi multipla, di rivolgersi ad un giudice per nominare suo marito “amministratore di sostegno”, ovvero persona incaricata di far valere le sue volontà  circa il rifiuto di trasfusioni di sangue e alimentazione forzata allorché lei non potrà  più farlo direttamente, evidenzia non solo la drammaticità , ma la intima contraddizione delle norme sul testamento biologico di recente approvate dal senato e in attesa di approvazione alla Camera.

La partita di Francoforte contro la speculazione

Munizioni per 45 miliardi I dubbi olandesi e tedeschi, poi voto a maggioranza

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment