Turchia. Il governo caccia i sindaci Hdp, commissariato anche Diyarbakir

Turchia. Il governo caccia i sindaci Hdp, commissariato anche Diyarbakir

Turchia. Cannoni ad acqua contro i cittadini scesi in strada per protestare

Il governo turco ha rimosso ieri i sindaci delle città metropolitane di Diyarbakir, Mardin e Van accusati di presunti collegamenti con le forze curde del Pkk, il Partito dei lavoratori del Kurdistan, inserito nella lista delle organizzazioni terroristiche da Stati Uniti e Unione Europea.

I tre erano stati eletti lo scorso 31 marzo con il partito di sinistra filo-curdo Hdp, più volte accusato dal presidente Recep Tayyip Erdogan di intrattenere rapporti con l’organizzazione fondata da Abdullah Ocalan. Secondo Ankara, i co-sindaci (l’Hdp candida sempre due amministratori, un uomo e una donna) delle città commissariate lo scorso lunedì avrebbero “finanziato il terrorismo” e “diffuso materiale propagandistico”.

Il primo cittadino di Diyarbakir, Adnan Selçuk Mızraklı, ha accusato il governo di “non rispettare la volontà degli elettori”. Come del resto avvenuto tra il 2015 e il 2016 quando Ankara commissariò ben 96 comuni amministrati dall’Hdp, durante la campagna politica e militare contro il sud est a maggioranza curda.

Anche l’ex primo ministro Ahmet Davotoglu ha criticato la mossa di Ankara definendola “una violazione dello spirito democratico”. I sindaci sono stati rimpiazzati da fiduciari nominati dallo Stato, nonostante le proteste dei cittadini di Diyarbakir: la polizia ha utilizzato cannoni ad acqua contro i manifestanti, mentre il ministro degli Interni Suleiman Soylu faceva sapere su Twitter che le persone fermate ieri dalla polizia per sospetti collegamenti con il Pkk sono in tutto 418.

In mano all’Hdp  rimangono adesso solo cinque province del Paese, fra cui Hakkari e Kars. Dopo il fallito colpo di Stato del 2016, Ankara ha intensificato il giro di vite nei confronti dell’opposizione, con migliaia di arresti in tutto il paese, tra cui oltre cento sindaci e i co-leader di allora dell’Hdp, Selahattin Demirtaş e Figen Yuksekdag. Nel 2014 l’Hdp aveva vinto le elezioni in ben 102 distretti del paese.

* Fonte: Melissa Aglietti, IL MANIFESTO



Related Articles

Accordo ponte e nuovi bond la ricetta Roubini per salvare Atene

Nouriel Roubini ha appena varato il report sulle prospettive finanziarie di Atene realizzato dal suo centro studi Rge

Lo sciopero della fame non schiude le carceri

Thaer Halahla e Bilal Diab giovedì erano un aula, davanti ai tre giudici della Corte Suprema di Israele chiamati ad esaminare l’appello per la loro scarcerazione immediata presentato da Jawad Boulos, l’avvocato dei due palestinesi in «detenzione amministrativa» (senza processo).

Una morte «cattolica»

Savita Halappanavar una donna di 31 anni è stata ricoverata nell’ospedale di Galway in Irlanda per complicazioni di gravidanza. Quando ha appreso che era in corso un’interruzione spontanea della gravidanza ha chiesto di abortire per evitare ulteriori complicazioni. La sua richiesta è stata respinta dai medici dell’ospedale che le hanno risposto: «Questo è un paese cattolico». A nulla è servito che Savita protestasse cercando di far valere il fatto che lei non fosse irlandese, né cattolica.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment