Hong Kong, Carrie Lam ritira la legge sull’estradizione in Cina

Hong Kong, Carrie Lam ritira la legge sull’estradizione in Cina

A sei mesi dalla sua prima lettura nell’Assemblea legislativa di Hong Kong, la proposta di riforma della legge sull’estradizione (che avrebbe permesso a cittadini dell’ex colonia di essere estradati anche a Macao, a Taiwan e in Cina) è stata ufficialmente ritirata.

L’azione era già stata annunciata dal capo dell’esecutivo Carrie Lam tempo fa, nel bel mezzo delle proteste che durano ormai da quattro mesi, ma solo ieri si è avuto l’atto ufficiale che conclude l’iter del discusso provvedimento, ma non certo la generale situazione – caotica – dell’ex colonia britannica.

NELLE ULTIME SETTIMANE non si sono fermate le proteste, benché meno partecipate di quelle iniziali e contrassegnate dal confronto molto duro tra manifestanti e polizia. Ma nelle ultime ore a tenere banco è l’articolo del Financial Times nel quale, secondo fonti pechinesi, il partito comunista cinese sarebbe pronto a mettere in campo un piano che prevede, entro marzo prossimo, la rimozione dal suo incarico di Carrie Lam e la sua sostituzione con potenziali candidati.

Immediata è arrivata la smentita da Pechino, ma di sicuro nelle stanze segrete di Zhongnanhai (il quartier generale del Pcc) da tempo si discute dell’affidabilità o meno di Carrie Lam e di come trovare una soluzione alla sua ormai sbiadita e sfiduciata leadership. Secondo il report del Financial Times il successore della chief executive di Hong Kong subentrerà da marzo del prossimo anno, e dovrebbe rimanere in carica fino a quella che è la scadenza del mandato di Lam nel 2022 (la carica dura 5 anni e Lam è stata nominata nel 2017).

Tra i principali candidati alla successione di Lam le fonti del Ft indicherebbero «Norman Chan, a capo dell’Autorità monetaria di Hong Kong, e Henry Tang, figlio di un magnate del settore tessile, già segretario delle finanze e segretario capo per l’amministrazione di Hong Kong». Questa testi non pare però potersi avverare, a causa della Basic Law che prevederebbe, in teoria, un iter diverso in caso di revoca del mandato della chief executive, benché, come riporta il quotidiano finanziario britannico, «quando Tung Chee-hwa, primo capo esecutivo di Hong Kong, ha rassegnato le dimissioni nel 2005, Donald Tsang, il burocrate di più alto livello della regione amministrativa, gli è subentrato sino alla conclusione del mandato, ed è poi stato rieletto ad per un ulteriore mandato quinquennale nel 2007».

SECONDO FONTI ascoltate da Reuters, in realtà, non sarebbe tutto così semplice: un alto funzionario di Pechino ha riferito infatti che nessuno dei candidati suggeriti dal Ft «potrebbe subentrare a Lam», proprio a causa della Basic Law: se Carrie Lam non fosse in grado di adempiere alle proprie funzioni, «queste verrebbero temporaneamente assunte dal segretario amministrativo, dal segretario finanziario o dal segretario alla giustizia, in questo ordine». Entro sei mesi, a quel punto si dovrebbe provvedere a selezionare un nuovo leader.

PUR NEGANDO che Pechino abbia davvero intenzione di mettere in atto il piano indicato dal Ft, le fonti sentite da Reuters hanno confermato che la Cina ha pronti tutti i «piani di emergenza per diversi scenari a Hong Kong, inclusa l’amministrazione Lam che sta perdendo totalmente il controllo della situazione».

Con le eventuali dimissioni di Lam, una volta ufficializzata la morte giuridica della contestata legge, Pechino si metterebbe di sicuro in una posizione di forza sia rispetto ai manifestanti, di cui di fatto avrebbe esaudito due punti, uno dei quali fa parte delle «cinque richieste», considerati dirimenti dalla protesta.

* Fonte: Simone Pieranni, il manifesto



Related Articles

La sconfitta di Julius il leader che ha tradito il sogno di Mandela

Il capo dei giovani sudafricani dell’Anc sospeso dal partito. Predica l’odio contro i bianchi. È accusato di corruzione. Il populista trentenne lodò il programma degli espropri del dittatore Mugabe 

TUNISIA. Attivisti mobilitati al grido di «Kasbah3»

Ancora un tentativo di costruzione della «Terza Kasbah», nuova edizione dei sit in di massa che tra l’inverno e la primavera scorsa erano riusciti a far cadere il governo di transizione di Ghannouchi e far annunciare al nuovo presidente Essebsi l’indizione della costituente.

L’età  adulta dei paesi emergenti

La Cina rallenta la sua crescita, si scopre vulnerabile alla recessione europea e s’interroga su come aiutare l’eurozona. India e Brasile perdono colpi e hanno la tentazione di rilanciare la crescita attraverso il protezionismo. I Brics (Brasile Russia India Cina Sudafrica) sono a un appuntamento storico, il vertice annuo che li riunisce oggi a New Delhi deve decidere se sono pronti ad assumersi un ruolo da leader nell’economia globale.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment