Immigrazione. Il Parlamento europeo respinge risoluzione porti aperti

Immigrazione. Il Parlamento europeo respinge risoluzione porti aperti

Il parlamento europeo, con due soli voti di scarto, ha respinto ieri la risoluzione sui salvataggi in mare dei migranti che chiedeva di aprire i porti alle ong. La maggioranza che ha eletto Ursula von der Leyen presidente della Commissione Ue non ha tenuto mentre la destra è stata compatta. La plenaria ha bocciato il testo con 290 voti contrari, 288 a favore e 36 astenuti. Tra gli astenuti, risultati quindi decisivi, la pattuglia M5s (che conta 14 deputati) scatenando così in Italia una nuova polemica tra alleati nel governo Conte bis.

LA PROPOSTA DI RISOLUZIONE invitava gli stati membri «a mantenere i loro porti aperti alle navi, comprese le navi delle ong, che hanno effettuato operazioni di salvataggio». Al testo era stato aggiunto un emendamento presentato dai Socialisti, Verdi e 5Stelle, che chiedeva «un meccanismo permanente e obbligatorio di ricollocamento per gli arrivi via mare». La risoluzione chiedeva anche di «potenziare le operazioni proattive di ricerca e soccorso, fornendo una quantità sufficiente di navi e attrezzature per le operazioni lungo le rotte sulle quali possono contribuire al salvataggio di vite umane». Il testo menzionava anche una nuova missione Ue «coordinata da Frontex» o una serie di «operazioni internazionali, nazionali o regionali distinte, preferibilmente civili».

Amaro il commento del presidente della commissione Libe, il socialista Juan Fernando Lopez Aguilar: «Piangiamo le vittime delle reti mafiose che trafficano persone e per due voti non si è potuto trasmettere un messaggio di solidarietà, non solo con chi perde la vita ma anche con gli stati membri perché ci sia un meccanismo europeo di salvataggio».

A VOTARE CONTRO SONO STATI gli eurodeputati dell’Ecr (Conservatori e Riformisti), di Identità e Democrazia (il gruppo di cui fa parte la Lega), il Ppe, più una decina di liberali di Renew Europe (per lo più di paesi dell’Est) ma anche quattro socialisti e un deputato della Gue/Ngl (sinistra). A favore la maggioranza della Gue, dei Liberali, dei Socialisti&democratici (di cui fa parte il Pd) più i Verdi. Se lo schieramento socialista avesse votato compatto a favore, la risoluzione sarebbe passata. Ma a causa dell’astensione dei 5 stelle, in Italia è di nuovo cresciuta la tensione nella maggioranza di governo. I grillini hanno provato a scaricare la responsabilità su Socialisti e Verdi: «Avevamo presentato degli emendamenti che restituivano concretezza a un testo vago – ha spiegato l’europarlamentare Laura Ferrara -. Al paragrafo sull’apertura dei porti chiedevamo il rispetto delle leggi internazionali e di altre leggi applicabili, con un emendamento cofirmato da M5s e dai gruppi Verdi e S&d. Il rimando esplicito al rispetto della Carta dei diritti umani e delle leggi e convenzioni internazionali metteva a tacere chi voleva sintetizzare le nostre proposte come emendamenti anti-Carola. Questi emendamenti non hanno trovato il sostegno della maggioranza, da qui l’astensione».

IL NODO INSUPERABILE sarebbe stato quindi in quel «altre leggi applicabili», in cui evidentemente far rientrare i decreti Sicurezza approvati ai tempi del governo giallo verde a cui Luigi Di Maio non vuole rinunciare. Il capo politico pentastellato ieri ha esultato sui social: «In Europa siamo l’ago della bilancia. L’Italia non può farsi carico da sola di un problema che riguarda tutta l’Ue!».La bocciatura ha provocato il tripudio di Matteo Salvini: «Schiaffo alla maggioranza delle poltrone Macron-Pd-5Stelle-Renzi. Vittoria della Lega e dell’Italia: non perdoniamo chi infrange le nostre leggi, vuole riempirci di clandestini spalancando le porte alle ong e ha messo a rischio la vita dei finanzieri, come fatto da Carola Rackete. Rialziamo la testa, a cominciare da domenica quando gli umbri spazzeranno via l’inciucio Pd-5Stelle». Sul carro dei vincitori sono saliti anche Fi e Fdi, a destra è stata una gara a intestarsi il risultato. L’azzurra Mariastella Gelmini ha affondato il colpo: «Si sono spaccati i partiti che sostengono l’esecutivo. Qual è, dunque, la posizione del governo italiano sul tema?».

IMBARAZZO IN CASA DEM: «L’astensione del M5s segnala un problema rilevantissimo. Non credo sia possibile costruire un’alleanza con un movimento che ha una posizione sostanzialmente molto simile a Salvini sui salvataggi» ha dichiarato il presidente dei senatori, Andrea Marcucci. E Matteo Orfini: «Inseguire Salvini sul suo terreno è la specialità dei 5S. Lo dico a chi insiste nel proporci di costruire con loro un nuovo centrosinistra: aprite gli occhi». L’eurodeputato e medico di Lampedusa, Pietro Bartolo il più amaro: «Il rammarico maggiore è per l’astensione dei 5S, che sembrano aver dimenticato che non governano più con la Lega ma col Pd». Da +Europa Della Vedova non rinuncia a una stoccata: «Il partito di Di Maio ha votato i decreti sicurezza di Salvini e si comporta di conseguenza. Il Pd, per rivendicare coerenza, dovrebbe prima chiedere di cancellarli».

* Fonte: Adriana Pollice, il manifesto



Related Articles

Immigrazione: genocidio in mare e nel deserto

Migranti respinti in Libia – Foto: CIR

Rischia di non essere una raffigurazione blasfema quella del pittore Giuseppe Veneziano in mostra questi giorni a Milano. Raffigura una Madonna dal viso dolce e vagamente rinascimentale con in braccio un piccolo Hitler con baffetti, stivaloni, bandoliera e fascia con svastica. Se raffrontata con quanto sta avvenendo in Libia con gli emigrati eritrei può essere una denuncia sferzante all’Italia cattolica. Si parla di più di 200 emigrati, molti dei quali fuggiti dall’Eritrea per motivi politici, che volendo raggiungere l’Europa sono stati respinti e rinchiusi prima in un campo di detenzione e poi rilasciati in mezzo al deserto senza cibo né denaro per acquistarlo. L’alternativa per loro è o di ritentare la via dell’Europa con la prospettiva quasi certa di essere di nuovo respinti e messi in prigione o di ritornare in patria con la certezza della detenzione e dell’eliminazione fisica. E tutto questo in vigenza del trattato tra Italia e Libia in tema di respingimenti. Il Governo italiano, ministro dell’Interno Maroni in testa, da mesi sta vantando di essere riuscito a bloccare il flusso degli immigrati dal mare Mediterraneo, ma non dice nulla sulla sorte toccata a quei disperati in Libia.

Sahara Occidentale occupato. Sfida all’Onu, passa la linea di USA e Francia

Su pressioni di Usa e Francia, alleati del Marocco, il Consiglio di sicurezza proroga di 6 mesi la missione di pace ma non dice una parola sulle violazioni di Rabat e i diritti negati ai saharawi. Dura la reazione del Fronte Polisario

Non sono terroristi, ma vengono espulsi lo stesso

MILANO Assolti dal tribunale, dieci tunisini stanno per essere rispediti in patria: dove rischiano la prigione e la tortura

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment