Russi ed esercito siriano difendono Kobane. Erdogan: «Nessuna tregua»

Russi ed esercito siriano difendono Kobane. Erdogan: «Nessuna tregua»

Trump: «I curdi non sono angeli, il Pkk è terrorista». Ma Ad Ankara Pence fa anticamera

Al sicuro tra le mura della Casa bianca e in quelle del palazzo presidenziale di Ankara, i due responsabili dell’apertura di un nuovo fronte di guerra in Siria hanno dedicato la giornata di ieri a distribuire al mondo pillole di boria e muscoli.

Mentre nel nord-est del paese proseguivano i combattimenti a terra, mentre cresceva il numero di sfollati dalle comunità del Rojava, il presidente statunitense Donald Trump mandava a dire a siriani e turchi di ammazzarsi pure tra di loro: «Non è un nostro problema», ha detto mentre incontrava il presidente italiano Mattarella, appena 48 ore dopo aver imposto sanzioni alla Turchia.

«Il Pkk è una minaccia terroristica per certi versi peggiore dell’Isis. E i curdi non sono angeli. Gli abbiamo dato un sacco di soldi per combattere con noi e sono stati bravi. Non tanto bravi quando non combattevano con noi», ha aggiunto cancellando in pochi attimi gli 11mila combattenti curdi, arabi, assiri, turkmeni morti nella lotta allo Stato Islamico e i migliaia di prigionieri stranieri dell’Isis detenuti a Rojava e che i rispettivi paesi hanno, per interesse, dimenticato.

Nelle stesse ore, nella capitale turca, il presidente Recep Tayyip Erdogan faceva fare un po’ di anticamera al vice-presidente statunitense Mike Pence e al segretario di Stato Mike Pompeo, arrivati per convincere l’alleato ad accettare il cessate il fuoco e a negoziare.

Alla fine Erdogan li farà passare (l’incontro è previsto oggi), probabilmente per ribadirgli quanto detto ieri a un vertice del suo partito, l’Akp: una tregua è possibile solo se «i terroristi (le forze curde) abbandoneranno le armi, distruggeranno le loro trappole e lasceranno la safe zone che abbiamo stabilito». Ovvero se gli permetteranno di creare quella zona cuscinetto su cui rimugina da anni, a metà tra un «magazzino» di rifugiati siriani e un simil-emirato sunnita, da tenere sotto l’ala.

Il gioco machista di ruolo in corso tra i due leader si consuma sulla pelle di un intero popolo che ieri è entrato nel suo ottavo giorno di operazione «Fonte di pace». Sul campo le varie forze prendono posizione con i primi reali scontri tra esercito siriano e milizie islamiste (opposizione a Damasco) al soldo turco: «L’esercito siriano è a sud ovest di Kobane – ci faceva sapere in mattinata il Rojava Information Center – Attendiamo l’ingresso in città in serata». Ingresso confermato ieri sera dal Ric e dalle foto di soldati a cavalcioni sui carri armati a sventolare la bandiera siriana: l’esercito governativo è entrato a Kobane.

«Ad Ain Issa, Tel Temer e fuori Manbij ci sono scontri tra le Sdf (Forze democratiche siriane), le milizie filo-turche e i soldati governativi – aggiunge il Ric – Il governo ha un ruolo attivo: da quando sono presenti aerei russi e siriani, l’aviazione turca non si è vista».

Colpi di mortaio e artiglieria pesante anche a Ras al-Ain (Sere Kaniye), con colonne di fumo visibili dalla parte turca della frontiera. Ma gli scontri peggiori hanno investito Ain Issa: qui, secondo l’agenzia curda Anha, le milizie filo-turche avrebbero dato alle fiamme il campo profughi dove sono detenuti miliziani dell’Isis, liberandone un numero non definito.

Nomi di città e di comunità che all’Europa dicono poco. Sono la prima linea del fuoco, quella che Erdogan ha bisogno di conquistare per radicare le proprie posizioni, sia militari che politiche. E sono, in alcuni casi, città-simbolo non solo dal punto di vista geografico: sono quelle che con la loro storia hanno plasmato il carattere sociale, economico, politico, di genere, dell’esperienza del confederalismo democratico.

L’eventuale caduta di Manbij e Kobane nelle mani di Erdogan e dei suoi pretoriani rafforzerebbe la narrazione turca del conflitto, non tanto fuori quanto all’interno della Turchia, dove crisi economica e avanzata delle opposizioni al voto amministrativo gli hanno suggerito il vecchio trucco della distrazione di massa.

* Fonte: Chiara Cruciati,  il manifesto



Related Articles

La carica delle governatrici da Mosca alla Federal Reserve

 Il presidente russo Vladimir Putin ha scelto una donna, la sua consigliera economica Elvira Nabiullina, 49 anni, come prossimo presidente della Banca centrale. Ma la nomina ha subito sollevato polemiche, perché l’investitura di Nabiullina, ex ministro dell’Economia nel 2008-2009, gli anni più acuti della crisi, potrebbe mettere a rischio l’indipendenza della Banca centrale russa.

Siria, il mondo guarda altrove mentre Assad e l’Isis fanno strage

Siria e Iraq diventano il campo di battaglia «per conto di terzi» segnato da tensioni profonde, che vanno ben oltre il contesto locale

Regno Unito: cresce Corbyn, May è senza maggioranza. Parlamento bloccato

Il voto in Gran Bretagna. Exit poll: per i conservatori 314 seggi, per i laburisti sono 266 Il partito nazionale scozzese è a 34, i liberaldemocratici a 14. I Tories hanno sprecato un vantaggio epocale sul Labour e hanno mostrato una leader scadente

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment